Facebook fa un passo verso il suo metaverso: arriva Horizon Workrooms, l’app per il lavoro in realtà virtuale

Facebook Horizon Workrooms
(foto Facebook)
Share

Questo articolo di Robert Hart è apparso su Forbes.com

Mentre sempre più persone cambiano il modo e il luogo in cui lavorano, Facebook ha lanciato una nuova app di realtà virtuale per permettere a chi fa smart working di connettersi e interagire a distanza. Una mossa che rientra nel piano del ceo, Mark Zuckerberg, per rendere Facebook un “metaverso” in un mondo digitale e interattivo.

I fatti chiave

  • Martedì Facebook ha presentato Horizon Workrooms, un’app gratuita per i possessori del suo visore (non gratuito) Oculus Quest 2.
  • La società ha dichiarato che Workrooms è “il portabandiera delle esperienze di collaborazione” di Facebook. È in grado di riunire fino a 16 persone in realtà virtuale “a prescindere dalla distanza fisica”.
  • I dipendenti che partecipano alle riunioni con i visori – al massimo 50 in totale – sono rappresentati da un loro avatar animato personalizzabile. Possono ritrovarsi come se si stessero riunendo di persona e saranno in grado di utilizzare lavagne virtuali per bozze di idee.
  • “Non dovremmo avere bisogno di essere fisicamente insieme per avvertire la presenza degli altri, per collaborare o per fare un brainstorming”, ha detto Zuckerberg ai giornalisti in un incontro virtuale. Il ceo ha aggiunto che “se è vero che le video-conferenze ci hanno portato piuttosto lontano, non sono troppo entusiasta all’idea di fare la maggior parte delle riunioni via video” quando le persone torneranno in ufficio. 
  • Andrew Bosworth, vicepresidente di Facebook Reality Labs, ha affermato che la società utilizza Workrooms per le riunioni interne da circa un anno e che la pandemia ha dato a Facebook “grande fiducia” nella tecnologia.

Il contesto

Workrooms fa parte di un programma più vasto di Facebook per diventare un’azienda “metaverso”. Il metaverso, in termini generali, è uno spazio digitale virtuale e interattivo. A livello concettuale, affonda le sue radici negli immensi spazi digitali collettivi di opere di fantascienza come Snow Crash. Facebook ha investito pesantemente nelle tecnologie necessarie per realizzare quanto ottenuto fin qui e il metaverso nel suo complesso, in particolare nei campi della realtà virtuale e aumentata. Workrooms, sebbene non sia la prima incursione di Facebook nella realtà virtuale, è un tentativo ambizioso di renderla mainstream e di tirarla fuori da nicchie piuttosto limitate come quella dei videogiochi. Molte altre aziende ambiscono a un ruolo nella creazione di questo universo digitale. E la popolarità di giochi in realtà aumentata come Pokemon Go, pur non del tutto immersivi, e di mondi virtuali come Fortnite e Roblox, dimostrano il suo potenziale.