Tesla concederà i servizi di guida autonoma solo ai conducenti più virtuosi

Elon Musk, XPRIZE Carbon Removal
(Maja Hitij/Getty Images)
Share

Il ceo di Tesla Elon Musk ha dichiarato che la società utilizzerà i dati di guida personali per determinare se gli automobilisti che hanno pagato per ottenere la suite software “Full Self-Driving” (FSD) possono accedere all’ultima versione beta che promette funzioni di guida autonoma. Tramite un tweet Musk ha spiegato che l’aggiornamento del software FSD Beta v10.0.1, per ora distribuito ad un gruppo di selezionati utenti, sarà disponibile a partire dal 24 settembre negli Usa.

Sui social network sono subito comparsi i primi video dei tester, che mostrano effettivamente una grafica migliorata e minuziosa. I tester evidenziano un comportamento più sicuro dell’auto nella gestione di alcuni aspetti di guida come le curve, le rotatorie e gli incroci. Grazie al nuovo software, inoltre, una Tesla è riuscita a percorrere il tortuoso tratto della Lombard Street a San Francisco senza alcun intervento umano.

 Ai proprietari che hanno pagato per le funzionalità Fsd – il pacchetto attualmente costa 10.000 dollari – verrà offerto l’accesso al software beta tramite un “pulsante di richiesta”. A questi verrà chiesto il permesso di accedere al loro comportamento di guida. «Se il comportamento di guida risulterà buono per sette giorni, verrà concesso l’accesso alla versione beta» ha detto Musk. L’ultima versione dell’FSD dovrebbe automatizzare la guida su autostrade e strade cittadine. Tuttavia, questo è ancora un sistema di assistenza alla guida di Livello 2 che richiede al conducente di prestare attenzione, avere le mani sul volante e prendere il controllo in ogni momento.

Si tratta di una versione più avanzata del Tesla Autopilot che è attualmente oggetto di indagine da parte della National Highway Transportation Safety Administration in seguito a una serie di disguidi. Oltre alle mansioni tipiche dell’Autopilot standard, l’upgrade dovrebbe consentire di effettuare anche manovre come cambi di corsia al di fuori delle autostrade, imboccare le biforcazioni suggerite dal sistema di navigazione, aggirare correttamente ostacoli e altri veicoli, svoltare a sinistra e a destra.