Il regista de “Il Signore degli Anelli” Peter Jackson è diventato miliardario

(Foto di Kevin Winter/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com a firma di Lisette Voytko

L’incursione del regista de Il Signore degli Anelli Peter Jackson negli effetti speciali attraverso la sua compagnia Weta Digital ha dato i suoi frutti. L’azienda con sede in Nuova Zelanda, che ha cofondato per fornire gli effetti speciali per Heavenly Creatures (1994), è diventata una potenza di Hollywood, che ha fornito immagini generate al computer per tutto, da Wolverine (2013) al remake del 2019 di Lilli e il vagabondo. Martedì, Weta ha annunciato che una parte delle sue attività è stata venduta per 1,6 miliardi di dollari a Unity Software, produttore di software per videogiochi. Secondo Forbes l’accordo farebbe ufficialmente di Jackson un miliardario.

Peter Jackson, insieme al suo compagno di vita Fran Walsh, possiede una quota del 60% in Weta, secondo i documenti normativi della Nuova Zelanda. Unity, quotata alla borsa di New York, sta pagando un miliardo in contanti e il restante in azioni. Ciò si traduce in circa 600 milioni di dollari in contanti e 375 milioni di dollari in azioni per Jackson, che ha anche diretto King Kong (2005) e la trilogia Lo Hobbit (2012-14).

Bonus: la Nuova Zelanda in genere non riscuote l’imposta sulle plusvalenze, il che significa che Jackson se ne va con una paga maggiore di quella che otterrebbe negli Stati Uniti.

Jackson non è l’unico nome famoso in fila per i soldi. Il superfan del Signore degli Anelli Sean Parker, l’investitore tecnologico miliardario noto per aver fondato Napster e aver ricoperto il ruolo di primo presidente di Facebook, ha una partecipazione del 25% in Weta, per un valore di 400 milioni di dollari al lordo delle imposte. Oltre a confermare l’accuratezza dei documenti della Nuova Zelanda, né Jackson, né Parker e né Weta hanno risposto alle richieste di commento.

Peter Jackson era già ricco prima della vendita della Weta. Fonti riportano a Forbes che Jackson abbia guadagnato 10 milioni di dollari in anticipo per ciascuno dei tre film de Il Signore degli Anelli (2001-2003), con almeno un altro 10% dei profitti guadagnati dagli incassi al botteghino di ciascun film. La trilogia è stata un successo strepitoso, aggiudicandosi 17 Oscar (inclusi i premi per il Miglior Regista e il Miglior Film) e un fatturato totale al botteghino mondiale di quasi 3 miliardi di dollari.

La trilogia Lo Hobbit, il prequel de Il Signore degli Anelli, ha fruttato ancora di più a Jackson; probabilmente 20 milioni di dollari per film con il 20% di backend, secondo i rapporti dell’epoca. Tutto sommato, i film di Lo Hobbit hanno incassato altri 3 miliardi di dollari in tutto il mondo al botteghino.

Weta, l’azienda di effetti speciali che ha reso miliardario Peter Jackson

Weta è stata fondata da Jackson con Jamie Selkirk e Richard Taylor nel 1993 per creare effetti speciali per il debutto cinematografico di Kate Winslet in Heavenly Creatures. Ha continuato a lavorare su altri film della fine degli anni ’90, tra cui il dramma di fantascienza del 1997 Contact. Ma è stato solo quando Il Signore degli Anelli è arrivato sul grande schermo che Jackson e Weta sono diventati famosi per i capolavori degli effetti speciali. L’azienda ha utilizzato il motion capture dell’attore Andy Serkis per creare l’ormai iconica visualizzazione del personaggio Gollum. Ha anche sviluppato un software personalizzato per rendere le scene di battaglia nella trilogia, che hanno portato la tecnologia CGI oltre i suoi limiti.

Weta ha realizzato Pandora e i suoi esseri dalla pelle blu per Avatar Eyebender 3D (2009). È stato responsabile delle scene di battaglia e del fuoco del drago nell’ultima stagione di Game of Thrones della HBO. Quest’anno, le impronte digitali di Weta sono sul successo post-pandemia Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli e The Suicide Squad.

L’accordo Unity è specifico per la suite di strumenti per effetti visivi di Weta e la loro tecnologia sottostante, oltre a 275 ingegneri dell’azienda. Una volta concluso l’accordo, quelle parti di Weta saranno sotto l’ombrello di Unity. Il loro obiettivo? Per rendere disponibile la suite di effetti visivi di Weta ai creatori di tutto il mondo tramite il cloud, un software per domarli tutti.