Porsche investe nelle e-bike e acquista la maggioranza del produttore croato Greyp

Share

Porsche ha acquisito una quota di maggioranza nel produttore croato di e-bike Greyp Bikes tramite il suo ramo d’azienda Porsche Ventures. La casa automobilistica tedesca aveva già delle quote di minoranza della società croata fondata da Mate Rimac, ceo di Rimac Automobili, produttore di supercar. Aveva rilevato nel 2018 una quota del 10%, poi salita al 25%. Il fondatore della Greyp Bikes, nonché ceo di Rimac, Mate Rimac continuerà insieme ai fondatori della società ad essere socio di minoranza. Porsche così, oltre a continuare la sua produzione di auto sportive, amplia ulteriormente le proprie attività nel settore della Smart Mobility.

Le biciclette elettriche hanno un posto fisso nella strategia di mobilità elettrica di Porsche e promettono un ulteriore potenziale. A marzo la gamma e-bike di Porsche è stata ulteriormente ampliata con i modelli eBike Sport ed eBike Cross. Nel caso di Greyp, fra l’altro, si parla di e-bike ad altissime prestazioni, in linea proprio con i prodotti Porsche e Rimac. La Greyp G12 può ad esempio toccare gli 80 km/h.

Porsche sta portando avanti con determinazione e senza sosta i suoi investimenti nella digitalizzazione e nell’elettrificazione.”Porsche è un pioniere della mobilità sostenibile e porta avanti costantemente la sua strategia di mobilità elettrica” afferma Lutz Meschke, vicepresidente del comitato esecutivo di Porsche AG e membro del comitato esecutivo per le finanze e l’IT. Nei prossimi cinque anni verranno investiti complessivamente 15 miliardi di euro in nuove tecnologie. 6,5 miliardi di questi sono destinati a costi di sviluppo per l’ibridazione e l’elettrificazione dei veicoli; 5,5 miliardi di euro per questioni di digitalizzazione come offerte di mobilità intelligente, car IT, innovazioni e nuovi processi aziendali; e tre miliardi di euro da investire in strutture legate alla mobilità elettrica, ad esempio in infrastrutture di ricarica o edifici per la produzione di veicoli elettrici.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti