Nuovi investitori di lusso per Roboze: c’è anche il presidente di Ita Airways Alfredo Altavilla

Alessio Lorusso, ceo e fondatore di Roboze.
Share

La squadra di Roboze si rinforza con l’ingresso di due manager di prestigio. Nella società specializzata in soluzioni di manifattura additiva con le sue stampanti 3D, guidata e fondata da Alessio Lorusso, hanno infatti deciso di investire Alfredo Altavilla e Boris Collardi, entrambi nuovi membri dell’advisory board della società assieme a Sandro De Poli (presidente del board di Avio Aero), Federico Faggin (co-inventore del microprocessore) e Alain Harrus (venture capitalist in Silicon Valley).

Il presidente di Ita Airways conquistato dai progetti di Roboze

Alfredo Altavilla ha ricoperto per molti anni il ruolo di executive vp in Fca dopo essere stato ceo di Iveco, Fpt e Tofas, lavorando al fianco di Sergio Marchionne e portando Fiat a unirsi con Chrysler e diventare uno dei maggiori player automotive globali. Oggi Altavilla ricopre il ruolo di presidente esecutivo di Ita Airways, la nuova compagnia aerea di bandiera italiana, e ha il compito di lanciarla e consolidarla. Inoltre, Altavilla siede in numerosi board sia in Italia che negli Stati Uniti ed è senior advisor di Cvc, il più grande fondo di private equity europeo che gestisce un patrimonio di 75 miliardi di euro.

“L’Additive Manufacturing è tra le tecnologie che ci aiuteranno a rispondere alle future sfide produttive, logistiche e di reperimento di materie prime”, afferma Alfredo Altavilla. “Roboze ha una tecnologia proprietaria disruptive, la visione e un team di esperti per essere leader. Alessio ha fondato questa azienda a 23 anni dopo aver costruito la sua prima stampante 3D a 17 anni. Oggi a 31 anni è uno dei maggiori esperti mondiali di stampa 3D, con un team di scienziati dei materiali, ingegneri e manager incredibili tra Italia e Stati Uniti. È un piacere per me essere un investitore e membro dell’advisory board della società”.

LEGGI ANCHE: L’inventore del microchip Federico Faggin investe nella startup di un Under 30

Roboze, infatti, mira a ridisegnare la supply chain globale attraverso una tecnologia di stampa 3D all’avanguardia e un marketplace basato sul modello di Manufacturing as a Service (MaaS). La  tecnologia brevettata Roboze consente ai propri clienti di ottenere risultati migliori sia in termini di costi che di tempi di consegna, rispetto ai componenti prodotti con metodi tradizionali.

L’azienda è specializzata nella stampa 3D per Metal Replacement, permettendo la realizzazione di parti finite con super polimeri e materiali compositi come Peek e Carbon Peek. Questo è possibile grazie alla nuova Argo 1000, la stampante 3D più grande al mondo, dotata di camera calda per la produzione rapida di parti non metalliche incredibilmente resistenti, l’ARGO 500 e la Roboze One+400 Xtreme: i sistemi di manifattura additiva a più alta precisione e ripetibilità al mondo.

In squadra anche un top manager della finanza

Boris Collardi è un leader riconosciuto nel settore finanziario avendo ricoperto in particolare il ruolo di ceo in Julius Baer Group e di managing partner in Pictet, due delle maggiori istituzioni bancarie e di gestione del risparmio patrimoniale al mondo. Grazie al suo know-how in materia di imprenditorialità e finanza, M&A e investimenti, combinato al suo network internazionale, Boris  collaborerà a stretto contatto con la società per supportarla nel suo percorso di crescita organica e inorganica negli anni a venire.

“Roboze sta cambiando la manifattura globale attraverso la sua tecnologia di stampa 3D proprietaria e l’utilizzo di super materiali. Ho incontrato un team di scienziati e ingegneri esperti e ho capito la loro visione sul futuro della manifattura nel mondo, una produzione intelligente, sostenibile e distribuita” afferma Boris Collardi.

Roboze, infatti, è leader nel settore della stampa 3D industriale per la produzione di parti funzionali utilizzando materiali polimerici e compositi in grado di sostituire i metalli in svariati settori come l’aerospazio e la difesa, il motorsport e l’energy, l’industria manifatturiera in generale.

LEGGI ANCHE: Chi sono le 10 top startup italiane nella prima classifica di LinkedIn

La felicità del fondatore Lorusso

“Questo è un momento che in Roboze ricorderemo per molto tempo. Avere il supporto di persone come Alfredo Altavilla e Boris Collardi, ci fa capire che abbiamo fatto qualcosa di significativo, ma soprattutto, ci dice che siamo sulla strada giusta per far qualcosa che lasci un segno. Come imprenditore il mio ruolo è quello di metter insieme la migliore squadra possibile di investitori, advisors, collaboratori e talenti, creando una tecnologia d’avanguardia e una strategia di go to market vincente, con execution veloce e impeccabile. Per far questo è necessario il confronto con figure di alto livello e riconosciute dal mercato.” conclude Alessio Lorusso, founder & ceo di Roboze.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.