Azimut rafforza la partnership con Mamacrowd e sale al 50,1% del capitale

Gabriele Blei Azimut
Gabriele Blei, amministratore delegato di Azimut (foto Imagoeconomica/Sara Minelli)
Share

Si rafforza la partnership tra Azimut, uno dei principali operatori indipendenti nel risparmio gestito in Europa, e Mamacrowd, la più importante piattaforma italiana di equity crowdfunding. Le due società hanno comunicato infatti di avere concluso un’operazione che ha portato Azimut a raggiungere la maggioranza (50,1%) del capitale di Mamacrowd. A seguito dell’accordo, entrano nel consiglio di amministrazione di Mamacrowd tre rappresentanti del management di Azimut.

L’accordo Azimut-Mamacrowd

Azimut, fondata nel 1989 e già detentrice di una partecipazione in Mamacrowd dal 2013, è attiva oggi in 17 paesi e gestisce un patrimonio complessivo di oltre 80 miliardi di euro. Tramite una piattaforma di prodotti e servizi, vuole favorire l’immissione di liquidità nell’economia reale per stimolare la crescita di startup e pmi. In particolare, Azimut e Mamacrowd hanno sviluppato strumenti d’investimento innovativi per permettere di creare valore per le imprese e per il risparmio privato. 

Lo scorso anno Mamacrowd ha selezionato 26 aziende che hanno avuto accesso al fondo Az Eltif – ALIcrowd, primo prodotto Eltif di venture capital di Azimut Investiments, che permette agli investitori privati di accedere alle startup e pmi protagoniste dello sviluppo tecnologico industriale in Italia. Il nuovo accordo vuole potenziare la capacità di creare altri fondi per supportare le aziende italiane. A partire dal lancio di ALIcrowd 2, con target di raccolta da 35 milioni di euro.

Tra i 6,2 milioni di imprese presenti in Italia, circa 7mila sono aziende tecnologiche ad alto tasso di crescita. Tra queste, solo 377 sono quotate. Mamacrowd vuole permettere l’accesso a queste imprese a tutti i risparmiatori che vogliono costruire un portafoglio ad alta potenzialità, in una fase di continua innovazione tecnologica.

“Una tappa fondamentale”

“L’accordo raggiunto con Azimut rappresenta una tappa fondamentale nella storia di Mamacrowd”, ha dichiarato Dario Giudici, amministratore delegato di Mamacrowd. “Le permette infatti di dotarsi di risorse importanti che verranno destinate al rafforzamento del processo di crescita della piattaforma, che ha già avviato un piano di sviluppo del proprio team, anche da remoto. In pochi anni, Mamacrowd è riuscita a diventare leader in Italia nell’equity crowdfunding, con oltre 100mila utenti registrati e una raccolta totale superiore ai 100 milioni di euro. La decisione di un partner industriale importante come Azimut di aumentare il suo impegno nel progetto rappresenta una testimonianza significativa della bontà del lavoro fatto e un ottimo presupposto per crescere ancora e creare ulteriori sinergie”.

“Il rafforzamento della partnership con Mamacrowd ci permette di diversificare e aumentare la presenza di Azimut nel fintech”, ha affermato Gabriele Blei, amministratore delegato di Azimut. “La capacità di raccolta e impiego, in circa due anni, ha permesso ad Azimut di diventare un player di riferimento nel private debt con oltre un miliardo, coniugando fondi alternativi a modalità di neofinancing, senza essere una banca. Contiamo di sviluppare con Mamacrowd nuovi prodotti, che saranno presto a disposizione delle nostre reti distributive, come ALIcrowd 2, per aumentare l’esposizione ad asset class alternative e generare rendimenti positivi per i nostri clienti nel medio periodo”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti