Zelensky chiede alle aziende tech ulteriori misure contro la Russia. La replica di Oracle: “Stiamo già facendo tutto il possibile”

Zelensky
(Photo by Matt Dunham – Pool / Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com a firma di Derek Saul

Il presidente ucraino di Volodymyr Zelensky ha invitato Microsoft, Oracle e Sap, che hanno annunciato passi significativi per annullare le operazioni commerciali in Russia, a intraprendere ulteriori azioni contro la Russia. Tuttavia Oracle ha affermato di aver già fatto tutto il possibile in Russia, nonostante la richiesta di Zelensky.

ASPETTI PRINCIPALI

  • Taggando gli account ufficiali di Microsoft, Oracle e SAP, Zelensky ha twittato domenica che le società tecnologiche devono “smettere di supportare” i loro prodotti russi, affermando che il ritiro dei prodotti dal mercato russo fossero “decisioni a metà”.
  • All’inizio di questo mese, Microsoft ha annunciato la sospensione delle nuove vendite in Russia. Oracle ha affermato di aver “sospeso tutte le operazioni” nel paese. E Sap ha affermato che stava “fermando le attività in Russia in linea con le sanzioni” e sospendendo tutte le vendite, unendosi a dozzine di società internazionali nell’interruzione dei rapporti commerciali con la Russia.
  • Zelensky, che non aveva nominato le singole società per le loro misure prima del tweet di domenica – diventato subito virale con 15.000 retweet in meno di tre ore – sembra invitare le società tecnologiche a sospendere l’accesso russo ai loro software e servizi.
  • Oracle ha risposto al tweet di Zelensky domenica pomeriggio, affermando di aver già “terminato tutte le operazioni” in Russia, elencando le misure adottate, incluso il taglio dell’accesso all’assistenza clienti e l’accesso agli aggiornamenti software.
  • Microsoft e Sap non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento di Forbes e devono ancora affrontare pubblicamente la questione.

LEGGI ANCHE: “Dal gruppo Hilton a Nestlè e Uniqlo: ecco chi sta continuando a fare affari in Russia”

CITAZIONE CRUCIALE

“Ora non ci possono essere ‘mezze’ decisioni o ‘mezzitoni’!” afferma Zelensky su Twitter. “C’è solo bianco e nero, buono o cattivo! O sei per la pace o sostieni il sanguinario aggressore russo per uccidere bambini e donne ucraini. Microsoft, Oracle e Sap, smettete di supportare i vostri prodotti in Russia, fermate la guerra!”.

BACKGROUND

Sebbene Zelensky abbia evitato di denunciare pubblicamente le singole società, il vice primo ministro ucraino Mykhailo Federov ha esercitato attivamente pressioni sulle aziende americane per sostenere l’Ucraina e tagliare i legami commerciali con la Russia. Federov ha invitato Sap a troncare i legami con la Russia la scorsa settimana, attraverso un tweet, dopo che la multinazionale europea ha annunciato la sua mossa. Il vice primo ministro ucraino affermava che la sospensione delle vendite “non era sufficiente”, e invitava la società a “interrompere il supporto” dei suoi prodotti in Russia mentre continuava l’invasione. In un altro tweet, Federov ha chiesto a Microsoft di bloccare l’accesso russo ai suoi servizi Azure, GitHub e Skype.

Zelensky ha elogiato Meta in un altro tweet di domenica, ringraziando la società madre di Facebook e Instagram per aver limitato l’accesso ai media statali russi e per aver aiutato l’Ucraina nella “feroce battaglia nello spazio informativo”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.