Altus Real Estate entra nella rete di eXp Italy, la community di agenti immobiliari cloud based e connessi attraverso il metaverso

Altus
Foto Getty Images
Share

Altus Real Estate, uno dei principali player nel mercato immobiliare italiano di lusso, entra a far parte di eXp Italy. Si tratta di un traguardo importante nello sviluppo di eXp Italy che, dopo un anno dal debutto in Italia, ha già maturato successo nel settore residenziale e commerciale.Questo ingresso ha un grande valore perché ci permette di ampliare la nostra offerta, presentando ai nostri clienti un range di immobili che vanno dal residenziale cittadino di alta gamma alla villa immersa nel verde della campagna toscana” dichiara Denis Andrian, direttore generale di eXp Italy.

Altus Real Estate, la collaborazione con eXp per ampliare il mercato

Altus Real Estate è l’agenzia di real estate del gruppo Altus Life Style, consolidata realtà internazionale focalizzata sulla riqualificazione di immobili di pregio, poi rivenduti completamente arredati con mobili e complementi made in Italy.

L’ingresso nella rete di eXp è stato fortemente voluto dal co-founder Pasquale Castaldi, imprenditore presente da oltre vent’anni nel mercato immobiliare, artistico e culturale italiano. Divenuto ceo dell’impresa di famiglia a soli 26 anni, Cataldi ha perfezionato le sue conoscenze negli Usa per poi fondare Altus Real Estate nel 2016, insieme all’imprenditore italo-messicano Fabio Massimo Covarrubias e al progettista Michele Morandi. Nel 2019 la rivista Forbes l’ha inserito tra i top 100 manager e gli ha conferito il Private Banking Awards alla Borsa di Milano nella categoria Real Estate. 

“Collaborare con la rete di eXp Italy significa per noi ampliare il mercato per i nostri immobili di pregio finemente ristrutturati per esprimere appieno l’allure del made in Italy” dichiara Pasquale Cataldi, co-founder di Altus Real Estate. “Tutto questo senza dover rinunciare al nostro brand, solido e riconosciuto da oltre vent’anni. Con questo accordo realizziamo un obiettivo molto ambizioso, quello di fondere la nostra expertise alle competenze e agli strumenti digitali di un’azienda come eXp”.

eXp: oltre 77mila agenti totalmente cloud based e votati al digitale

Quella di eXp è una community che conta oltre 77.000 agenti e professionisti immobiliari indipendenti in 20 Paesi con un sistema totalmente cloud based. Lavorare con eXp permette agli agenti da tutto il mondo di interagire da remoto, in un ambiente immersivo progettato e implementato da Virbela, società di proprietà di eXp World Holdings che sviluppa spazi virtuali per gli eventi, il lavoro e l’apprendimento a distanza.

L’ingresso di Altus Real Estate porterà nel portafoglio di eXp Italy immobili di pregio per un controvalore di 1 miliardo di euro, distribuiti fra la Toscana (in particolare Firenze) e Milano, di particolare interesse per gli investitori internazionali.

La grande attrattività delle città italiane agli occhi degli acquirenti esteri si sposa alla perfezione con la filosofia operativa di eXp, società di intermediazione immobiliare interamente votata al digitale. Ciascun agente della rete eXp ha la possibilità di creare il proprio avatar e di partecipare a tutte le attività a livello globale, 24/7, grazie agli strumenti di collaborazione, formazione e interazione forniti attraverso la piattaforma 3D. Così facendo, fornisce un’assistenza completa al cliente, indipendentemente dall’area geografica in cui si trova. 

Denis Andrian: “Un mercato potenzialmente illimitato”

In aggiunta, può interfacciarsi con migliaia di colleghi da ogni angolo del pianeta al fine di condividere idee, strategie, referenze e annunci. “Quello di eXp è un ambiente incentivante che permette ai professionisti e agli agenti di contare sulla collaborazione di una rete molto dinamica e in costante espansione”, conclude Denis Andrian, direttore generale di eXp Italy. Il mercato diventa quindi potenzialmente illimitato, tanto per gli agenti quanto per gli acquirenti. eXp garantisce agli agenti uno dei sistemi provvigionali più remunerativi del settore, con percentuali che vanno dal 75 al 100% in base al raggiungimento di determinati parametri di performance, e li inserisce in un programma di condivisione dei ricavi e premi in azioni della stessa azienda. 

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.