Elon Musk inaugura la Giga Texas di Tesla: “È la fabbrica più grande d’America”

Elon Musk Giga Texas Tesla
(Tesla via Youtube)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Elon Musk ha dato il via ufficialmente alla produzione nel nuovo stabilimento Tesla Giga Texas ad Austin. La persona più ricca del mondo ha affermato che si tratta della prima fabbrica del paese per dimensioni, nonché, quando sarà portata a pieno regime, della prima fabbrica automobilistica statunitense per volume.

Parlando a più di mille ospiti e fan del marchio, stipati nell’enorme struttura durante quello che Tesla ha definito un “Cyber ​​Rodeo”, Musk ha affermato che l’impianto sarà in grado di produrre almeno 500mila veicoli all’anno entro 12 mesi. Inizialmente produrrà berline Model Y, mentre il pickup Cybetruck entrerà in produzione il prossimo anno, assieme a una nuova versione dell’auto sportiva Roadster e al Tesla Semi. “Penso che la linea Model Y avrà la capacità più alta del mondo. In effetti sono convinto che sarà così”, ha detto Musk – vestito con un cappello nero, occhiali da sole neri e una maglietta nera con la scritta Giga Texas – ai partecipanti. “Mezzo milione di unità all’anno di un singolo prodotto in una singola fabbrica è un’enormità. Questa sarà la fabbrica di automobili con il volume più alto d’America”.

Cosa significa l’apertura del Giga Texas per Tesla

Lo stabilimento in Texas entra in funzione in un momento in cui le prospettive dell’azienda di Musk sono le migliori di sempre. Le preoccupazioni per i cambiamenti climatici e l’aumento dei prezzi del petrolio, infatti, fanno aumentare la domanda di veicoli elettrici. Quando sarà a pieno regime, la fabbrica di Austin – assieme al nuovo stabilimento Giga Berlin di Tesla, alla Gigafactory di Shanghai, che cresce rapidamente, e allo stabilimento di Fremont, in California – potrebbe dare all’azienda la capacità di costruire circa due milioni di veicoli all’anno. Vale a dire, più del doppio di quanto prodotto da Tesla nel 2021.

Inaugurata a meno di due anni dall’inizio dei lavori, la fabbrica di Austin è il secondo nuovo stabilimento Tesla in un mese, dopo l’apertura di Giga Berlin a marzo, in ritardo rispetto ai piani iniziali. Entrambe le strutture rappresentano un passo importante per una casa automobilistica che ha ancora meno di 20 anni e probabilmente aiuteranno Tesla a mantenere il suo attuale status di principale produttore mondiale di veicoli elettrici per il prossimo futuro.

La carenza di chip e la concorrenza sulle materie prime

Tuttavia, la crescita dell’azienda potrebbe essere frenata quest’anno dalla continua carenza di chip per computer e da una maggiore concorrenza sulle materie prime necessarie per produrre batterie. Anche l’acqua rappresenta una preoccupazione, sia per lo stabilimento di Austin che per quello di Berlino.

A differenza dell’impianto originale di Tesla a Fremont, che consiste in più edifici separati, Giga Texas è un’enorme struttura che ospita tutte le operazioni di produzione sotto lo stesso tetto. Inclusa una nuova linea di batterie che produrrà in loco i pacchi per i veicoli costruiti all’interno della struttura. In totale l’impianto misura 9,5 milioni di metri cubi, o 15 isolati, ha detto Musk. “È l’equivalente di tre Pentagoni”.

L’imprenditore ha affermato che, oltre a costruire veicoli, l’impianto produrrà anche il robot umanoide Optimus già dal prossimo anno. Un prodotto che Musk ha spesso pubblicizzato da quando lo ha svelato il giorno dell’IA di Tesla nel 2021, sotto forma di una persona con un costume da robot che ha ballato sul palco. Sebbene Musk rimanga ottimista sul prodotto, analisti ed esperti di robotica non sembrano condividere il suo entusiasmo.

Musk sulla Model Y: “È una rivoluzione nella produzione automobilistica”

Il nuovo stabilimento multimiliardario del Texas è progettato per la massima efficienza e realizzerà veicoli utilizzando tre componenti principali: una parte posteriore realizzata in un’unica fusione, un pacco batterie progettato come elemento strutturale del fondo del veicolo e la sezione anteriore, anch’essa realizzata in un’unica colata di metallo.

“Proprio come con i moderni aeroplani, in cui l’ala è un serbatoio del carburante, con la nuova architettura della Model Y le celle stesse (della batteria) portano il carico”, ha spiegato Musk. “Ciò si traduce in un’auto più leggera, con un numero ridotto di parti, meno costosa e che migliora le prestazioni in caso di incidente. Quindi c’è anche un vantaggio in termini di sicurezza. Realizzare una macchina in tre parti principali è una rivoluzione nella produzione automobilistica”.

Giovedì le azioni di Tesla, la casa automobilistica di maggiore valore al mondo, con una capitalizzazione di mercato di oltre mille miliardi di dollari, sono salite dell’1,1% e sono arrivate a 1.057,26 dollari.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.