Ecco perché Elon Musk questa settimana ha “perso” altri 30 miliardi di dollari

Elon Musk Tesla
Elon Musk, ceo di Tesla e SpaceX (Foto Win McNamee/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Le azioni Tesla hanno perso il 15% rispetto a venerdì scorso. Tutto ciò ha rovinato la settimana della persona più ricca al mondo.

Il capo di Tesla e SpaceX, Elon Musk, mercoledì ha perso infatti 15,7 miliardi di dollari del suo patrimonio netto, poiché le azioni della sua società di veicoli elettrici sono scese dell’8%. Musk, che ha una fortuna di 224,5 miliardi di dollari, secondo le stime di Forbes, è ora più povero di 31,4 miliardi di dollari rispetto a venerdì scorso. La causa di tutto ciò è il crollo del 15% della capitalizzazione di mercato di Tesla.

Secondo l’analista di Wedbush Dan Ives, “i problemi delle fabbriche di Shanghai dovuto alle politiche contro il Covid in Cina hanno rappresentato un grosso ostacolo per questo titolo già in una situazione tesa”. Le difficoltà si riferiscono al calo dei titoli tecnologici, che Ives descrive come un “enorme rischio per Tesla”. Con l’aumento dell’inflazione e l’aumento dei tassi di interesse, infatti, l’appetito degli investitori per attività considerate relativamente speculative sta diminuendo.

I problemi in Cina

Martedì, parlando al Future of the Car Summit del Financial Times, Musk ha cercato di rasserenare gli animi, facendo riferimento a dialoghi proficui che ha avuto con il governo cinese negli ultimi giorni sull’ultimo round di limitazioni del Paese, nonostante si sia discusso anche della possibilità di limitare i nuovi ordini di Tesla a breve termine.

“In realtà probabilmente le limitazioni ci saranno: semplicemente smetteremo di prendere ordini per qualsiasi cosa oltre un certo periodo di tempo”, ha detto Musk.

Non ottime notizie per gli investitori di Tesla già preoccupati per la distrazione rappresentata dall’acquisizione di Twitter da 44 miliardi di dollari. Al vertice del FT di martedì, il capo di Tesla ha insistito sul fatto di essere “fiducioso sul fatto che saremo in grado di vendere tutte le auto che possiamo realizzare”. Ma secondo Ives di Wedbush, “i problemi di distrazione rimangono in gioco”. Per distrazione, Ives indica il processo in corso di acquisizione di Twitter.

I piani ambiziosi per Twitter

Mentre il ceo di Tesla ha annunciato di aver raccolto 7,1 miliardi di dollari da un gruppo di investitori, per aiutare a finanziare la sua acquisizione di Twitter, non ha ancora spiegato da dove verrà il resto dell’impegno di 27,3 miliardi di dollari che ha preso con il consiglio di amministrazione di Twitter . E l’elenco delle potenziali distrazioni per Musk, che gestisce già due società, continua ad allungarsi.

Secondo una pitch desk diffusi dal New York Times venerdì scorso, i piani di Musk per Twitter potrebbero essere ancora più ambiziosi di quanto immaginassero gli investitori di Tesla. Secondo quanto riferito, Musk spera di quadruplicare gli utenti e quintuplicare le entrate entro il 2028, riducendo al contempo la dipendenza di Twitter dalla sua principale fonte di entrate (pubblicità). Sembra un piano corposo per Musk, che, secondo un rapporto della Cnbc,  dovrebbe ricoprire il ruolo di ceo ad interim di Twitter dopo la chiusura dell’accordo. Secondo quanto riferito, Musk ha anche affermato che intende rendere Twitter di nuovo pubblico in soli tre anni.

Le perdite spaventano Musk

Tutto ciò però presupponendo che l’accordo si concluda nel breve periodo. Il venditore allo scoperto di Twitter Hindenburg Research scommette che non sarà così, affermando in una nota pubblicata lunedì, che c’è “un rischio significativo che l’accordo venga rivalutato al ribasso” a causa del calo dei valori delle società tecnologiche da quando Musk ha fatto la sua offerta iniziale. In altre parole, Musk potrebbe trovarsi a dover contrattare ancora con il consiglio di amministrazione di Twitter.

Musk potrebbe sempre abbandonare l’accordo, che continua a diventare più oneroso. La sua partecipazione in Tesla, del valore attuale di 167 miliardi di dollari, il 13 aprile, il giorno prima dell’annuncio della sua acquisizione di Twitter, valeva 235,1 miliardi di dollari. Ciò  significa che Musk era più ricco di oltre 68 miliardi di dollari prima di svelare i suoi piani di acquisizione della società di social media. Per ora, Musk rimane di gran lunga la persona più ricca del mondo, con un valore di 78,3 miliardi di dollari in più rispetto al secondo classificato Bernard Arnault dell’impero del lusso francese Lvmh. Ma a un certo punto, la penale di 1 miliardo di dollari per il ritiro dall’accordo con Twitter potrebbe iniziare a sembrare un affare.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti