A 19 anni ha lasciato l’università. A 25 è diventato il più giovane miliardario self made del mondo

Alexandr Wang
Alexandr Wang, 25 anni, è il fondatore di Scale AI (foto Medium Alexandr Wang)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Cresciuto all’ombra del programma nucleare americano, Alexandr Wang ha abbandonato il Massachusetts Institute of Technology (Mit) a 19 anni per fondare Scale AI. Ora sta aiutando organizzazioni come l’aeronautica e l’esercito statunitensi, la General Motors e Flexport a sfruttare il potenziale dei loro dati.

Alexandr Wang è cresciuto all’ombra del Los Alamos National Lab del New Mexico, il luogo segreto in cui gli Stati Uniti hanno sviluppato la prima bomba atomica durante la Seconda guerra mondiale. I suoi genitori erano fisici e lavoravano a progetti per le armi dell’esercito. Ora lui fa lo stesso: Scale AI, società con sede a San Francisco che Wang ha creato sei anni fa, ha già firmato tre contratti di un valore che potrebbe arrivare a 110 milioni di dollari, a seconda delle esigenze del governo, per aiutare l’aeronautica e l’esercito degli Stati Uniti a usare l’intelligenza artificiale. Non male, per un 25enne.

La tecnologia di Scale analizza immagini satellitari a una velocità molto superiore rispetto agli esseri umani, per determinare quanti danni le bombe russe stanno provocando in Ucraina. Non serve, però, solo ai militari. Più di 300 aziende, tra cui General Motors e Flexport, utilizzano Scale per setacciare l’oro in fiumi di informazioni grezze: per esempio, milioni di documenti di spedizione, o filmati di auto a guida autonoma. “Ogni industria è seduta su un’enorme quantità di dati”, afferma Wang, che è apparso sulla lista degli under 30 di Forbes nel 2018. “Il nostro obiettivo è quello di aiutarle a sbloccare il potenziale dei dati a potenziare le loro attività con l’intelligenza artificiale”.

Lo scorso anno un round di finanziamento da 325 milioni di dollari ha fissato per Scale, che genera entrate stimate in 100 milioni all’anno, un valore di 7,3 miliardi. La quota di Wang, stimata nel 15%, ha un valore di un miliardo di dollari e fa di lui il più giovane miliardario self made al mondo. (Il secondo più giovane è Pedro Franceschi, 25 anni, brasiliano, cofondatore della società di carte di credito Brex).

Da bambino, Wang era un mago dei numeri che gareggiava in competizioni nazionali di matematica e programmazione. In prima media, si iscrisse alla sua prima gara nazionale di matematica per ottenere un biglietto gratuito per Disney World. Non vinse, ma ottenne la gita che voleva. A 17 anni lavorava a tempo pieno come programmatore per il sito di domande e risposte Quora. Lì incontrò l’altra cofondatrice di Scale, Lucy Guo. Passò in breve a studiare machine learning al Mit e avviò Scale con Guo dopo il primo anno di università, grazie a un investimento di Y Combinator. “Dissi ai miei genitori che sarebbe stata solo una cosa estiva”, ricorda Wang. “Ovviamente, non sono mai tornato all’università”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.