Scandalo Deutsche Bank: il ceo della sua controllata DWS si dimette per le accuse di greenwashing

La sede di Deutsche Bank a Francoforte
La sede di Deutsche Bank a Francoforte (Shutterstock)
Share

Oggi, Asoka Woehrman, amministratore delegato del gestore patrimoniale di Deutsche Asset & Wealth Management (DWS) ha presentato le sue dimissioni, in scia alle accuse di greenwashing che sono state rivolte nelle ultime ore alla società, che è controllata quasi all’80% da Deutsche Bank. Mandando ancora al ribasso le azioni Deutsche Asset & Wealth Management, che oggi stanno cedendo poco più dell’8% a Francoforte.

Aspetti principali

  • Oggi, Asoka Woehrman, amministratore delegato del gestore patrimoniale di Deutsche Asset & Wealth Management (DWS), ha presentato le sue dimissioni. A partire dal 10 giugno, sarà Stefan Hoops ad assumersi la responsabilità dell’asset management a livello di gruppo Deutsche Bank e diventerà amministratore delegato di DWS.
  • La decisione di Woehrman è arrivata in seguito alla perquisizione di ieri mattina della polizia tedesca negli uffici di Deutsche Bank (che controlla quasi l’80% della società) e della stessa DWS.
  • Dopo aver ceduto il 5,5% nella giornata di ieri, oggi DWS sta perdendo in Borsa poco più dell’8%, scambiando a 31,10 euro per azione
  • Secondo il giornale tedesco Handelsblatt, l’autorità sta indagando sull’ipotesi di frode sugli investimenti di capitale. Nello specifico, l’accusa contro DWS è di greenwashing. In quanto l’asset manager è sospettato di aver sopravvalutato il modo in cui ha utilizzato criteri di investimento sostenibili per gestire gli investimenti. Rendendo e commercializzando i sui “prodotti finanziari green” (prodotti ESG) “più green” o “più sostenibili” di quanto non siano in realtà.
  • Nella nota ufficiale diffusa da Deutsche Bank, Christian Sewing, ceo della banca, si limita a ringraziare Asoka Woehrman del suo lavoro. “Voglio anche ringraziare Asoka per il suo straordinario lavoro e le sue prestazioni per DWS e Deutsche Bank. L’Asset Management è e rimane una parte importante del nostro modello di business. Siamo convinti che DWS continuerà la sua storia di successo sotto la guida di Stefan Hoops”.

L’inizio delle indagini contro DWS

In base a quanto riportato da Handelsblatt, le indagini contro DWS sarebbero iniziate nell’agosto del 2021. Quando la sua ex responsabile della sostenibilità, Desiree Fixler, ha pubblicamente accusato di greenwashing la società, contattando anche la US Securities and Exchange Commission (SEC) e la polizia federale americana, l’FBI.

LEGGI ANCHE: “Da Amazon a Apple, fino a Ikea: quasi tutte le multinazionali usano l’ecologismo solo ai fini di marketing”

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.