“Mi assumo la responsabilità di queste decisioni”. Mark Zuckerberg licenzia 11.000 dipendenti di Meta

Mark Zuckerberg Meta
(foto Drew Angerer/Getty Images)
Share

Per la prima volta dal 2004, anno della fondazione di Facebook, Mark Zuckerberg ha ridotto in maniera massiccia la forza lavoro della sua azienda, ora diventata Meta. Alla fine di settembre, dopo anni di continue assunzioni, il miliardario aveva accumulato il maggior numero di lavoratori di sempre: 87.314 persone.

Come ha spiegato il Wall Street Journal, Meta ha dichiarato di voler licenziare più di 11.000 persone, pari a circa il 13% della sua forza lavoro. I licenziamenti sono stati effettuati in tutti i reparti, anche se alcune aree, come quella del reclutamento, sono state colpite più di altre.

L’avviso del licenziamento è arrivato attraverso una lettera scritta da Zuckerberg: “Voglio assumermi la responsabilità di queste decisioni e di come siamo arrivati a questo punto”, si legge nel messaggio. “So che è difficile per tutti e mi dispiace soprattutto per coloro che ne sono stati colpiti”.

Assicurazione sanitaria e 16 settimane di paga

Oltre a questo, il ceo di Meta ha inoltre stabilito le modalità attraverso i cui i dipendenti negli Stati Uniti saranno accompagnati dall’azienda dopo il licenziamento: “Pagheremo”, si legge, “16 settimane di paga base più due settimane aggiuntive per ogni anno di servizio, senza alcun limite”. Saranno inoltre pagate tutte le ore di ferie rimanenti. Per quanto riguarda l’assicurazione sanitaria Meta coprirà i costi per i dipendenti licenziati e le loro famiglie per sei mesi.

Per favorire la transizione inoltre la società offrire tre mesi di assistenza nella ricerca di una nuova occupazione con un fornitore esterno, compreso l’accesso anticipato a offerte di lavoro non pubblicate.

Il patrimonio di Zuckerberg

La notizia arriva dopo l’anticipazione dei nostri giorni scorsi e dopo la notizia del crollo del patrimonio di Zuckerberg. Il patrimonio netto del fondatore di Facebook Mark Zuckerberg è sceso di 11 miliardi di dollari, a 36 miliardi di dollari. Le azioni della società sono crollate il giorno dopo aver riportato una trimestale deludente. Dal picco in Borsa di Meta, il 7 settembre 2021, Mark Zuckerberg ha “perso” addirittura 100 miliardi di dollari. 

Il calo delle azioni ha fatto scendere Mark Zuckerberg dalla 25a persona più ricca del mondo alla posizione 29, secondo la Real-Time Billionaire di Forbes.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.