La cura per Ftx si chiama John J. Ray III: chi è il nuovo ceo esperto di Enron, Fruit of the Loom e altri fallimenti

Ftx-ceo-John-J-Ray-III
Il ceo di Ftx John J. Ray III
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

In una deposizione in tribunale di giovedì, John J. Ray III, il nuovo ad della società di criptovalute Ftx, ha dichiarato di non aver mai visto “un così completo fallimento dei controlli aziendali e una così completa assenza di informazioni finanziarie affidabili”. Data la sua lunga esperienza nel mondo delle bancarotte e delle ristrutturazioni aziendali, anche in casi di frode, c’è da crederci.

John J. Ray III, l’esperto di fallimenti aziendali

Negli ultimi vent’anni Ray, 63 anni, ha lavorato a una lista di fallimenti e ristrutturazioni tra le più brutte del Paese, tra cui la società energetica Enron, il settimo fallimento più grande della storia, l’emittente di mutui subprime Residential Capital, la società di telecomunicazioni Nortel Networks, il produttore di biancheria intima Fruit of the Loom e molti altri. L’ad ha lottato in tribunale con affascinanti ex amministratori delegati (Fruit), ha risollevato complesse strutture finanziarie (ResCap), si è occupato di complicate operazioni internazionali (Nortel) e ha recuperato fondi molto più alti del previsto per i creditori (Enron).

Ray, che lavora in un’azienda di Naples, in Florida, chiamata Owl Hill Advisory, è ora al centro della tempesta di Ftx, che prima del crollo era valutata 32 miliardi di dollari. È stato nominato ad nelle prime ore del mattino dell’11 novembre, quando Sam Bankman-Fried, il trentenne noto a tutti come SBF, ha rassegnato le dimissioni in seguito a un’improvvisa crisi di liquidità che ha portato a un ammanco di 8 miliardi di dollari. “Ho fatto una cavolata”, ha twittato SBF mentre la società stava fallendo.

Diverse agenzie statunitensi, tra cui la Securities and Exchange Commission e il Dipartimento di Giustizia, stanno ora indagando sull’accaduto. Il compito di Ray è ora quello di scoprire nuovi dettagli sul fallimento di Ftx e di districarsi nel labirinto delle entità aziendali per individuare i beni, compresi i fondi mancanti o rubati, e massimizzare il valore per gli stakeholder riorganizzando o vendendo la complessa serie di attività.

Un lavoro da 1.300 dollari l’ora

Nel fine settimana Ftx ha dichiarato di aver incaricato la banca d’affari Perella Weinberg Partners, previa approvazione del tribunale, di preparare la vendita o la riorganizzazione di alcune delle sue attività. “Sulla base dell’esame effettuato nel corso dell’ultima settimana, siamo lieti di apprendere che molte filiali regolamentate o autorizzate di Ftx, sia all’interno che all’esterno degli Stati Uniti, hanno bilanci solvibili, una gestione responsabile e franchising di valore”, ha dichiarato Ray.

Da quando ha assunto la carica di ceo di Ftx, Ray ha riunito il suo team di avvocati e consulenti per organizzare incontri due volte al giorno, alle 9:30 e alle 18:00, sette giorni su sette. Per il suo lavoro, sarà pagato 1.300 dollari l’ora, più le ragionevoli spese vive, secondo una dichiarazione di Edgar Mosley, ad della società di consulenza per la ristrutturazione Alvarez & Marsal, depositata domenica presso il tribunale fallimentare. La prima udienza del tribunale fallimentare di Ftx è prevista per martedì nel Delaware.

“È uno dei migliori in questo campo”, afferma Jared Elias, professore alla Harvard Law School che si occupa di fallimenti aziendali. “Ha un’esperienza concreta nel destreggiarsi in alcune delle peggiori situazioni e ottenere i migliori risultati possibili per i creditori”.

Come si addice a chi ricopre il suo ruolo, Ray ha mantenuto un certo riserbo online. Rare foto pubbliche gli sono state scattate come parte di un profilo del Chicago Tribune 15 anni fa. Come ha notato Autism Capital, un cronista che ha raccontato la caduta di Ftx su Twitter: “John J. Ray III deve essere la versione aziendale del Lupo di Pulp Fiction. Lo porti a sistemare i tuoi casini aziendali, non gli fai domande e lui scompare nel tramonto”. Winston Wolf era il personaggio interpretato da Harvey Keitel.

Tutto ciò rende la dichiarazione pubblica di Ray sugli affari di Ftx particolarmente scioccante, e forse un segnale di avvertimento di ciò che verrà. “Mi ha sorpreso che a così poco tempo dalla bancarotta abbia fatto un commento così esplosivo”, dice Mark Lichtenstein, socio dello studio fallimentare Akerman che ha lavorato alla Enron con Ray. “È così raro per un cliente così tranquillo come lui”.

“È un vero e proprio tiratore scelto”

Sebbene l’ufficio stampa di Ftx abbia rifiutato di far parlare Ray con Forbes, l’ad è ben noto nel mondo ristretto dei fallimenti e delle ristrutturazioni. Il suo approccio è quello di concentrarsi sui dettagli e muoversi rapidamente con team creati appositamente per il fallimento su cui lavora. In Ftx, ha rapidamente diviso le operazioni in quattro diversi settori, o silos, ognuno dei quali è ora gestito da un direttore indipendente e amministratori con un illustre pedigree, alcuni dei quali sembra abbiano lavorato con Ray in precedenti incarichi.

“John è un esempio raro nel mondo dei fallimenti. Ha avuto molti incarichi di alto profilo e ha avuto un successo straordinario, ma è un uomo particolare”, afferma Jim Bromley, socio di Sullivan and Cromwell e co-responsabile della sua pratica di ristrutturazione, che ha lavorato con Ray su diversi fallimenti e fa parte del team di avvocati di Ftx. “È un vero e proprio tiratore scelto. Non c’è nessuna finzione in John”.

La carriera di John J. Ray III, tra Fruit of the Loom e Enron

Secondo un articolo del 2007 del Chicago Tribune, Ray è cresciuto nel Massachusetts occidentale, figlio di un idraulico industriale e di una madre casalinga. Laureatosi presso l’Università del Massachusetts ad Amherst, ha conseguito poi la laurea in legge presso la Drake University di Des Moines, Iowa, nel 1982. Ha trascorso i primi anni della sua carriera a Chicago presso lo studio legale Mayer Brown, occupandosi di fusioni e acquisizioni, diritto dei titoli e piani di benefici per i dipendenti.

In seguito, come consulente legale generale di Waste Management e delle sue affiliate, si è occupato di progetti di bonifica ambientale, compresi i siti Superfund, e ha gestito complesse controversie e indagini civili e penali.

Il suo primo incarico è avvenuto alla Fruit of the Loom. Nel 1999, meno di due anni dopo la sua assunzione presso il produttore di biancheria intima, fortemente indebitato, presentò istanza di fallimento. In qualità di direttore amministrativo e consulente generale, Ray ha gestito “tutti gli aspetti” della procedura del chapter 11, secondo il suo curriculum. L’ad ha organizzato l’azione legale contro Bill Farley, il raider di Chicago che era stato presidente e amministratore delegato della società, in relazione a un prestito bancario di 65 milioni di dollari che lo stesso aveva ottenuto e la società aveva garantito.

Il caso Enron, che ha mandato il suo ad in prigione per 12 anni, è stata la più grande bancarotta nella carriera di Ray. In qualità di presidente della società riorganizzata dopo la dichiarazione di fallimento, Ray ha supervisionato la liquidazione delle attività per 23 miliardi di dollari. In questo ruolo, ha guidato l’azione legale di oltre 1.000 casi, comprese le richieste di frode, oltre ad aver avuto l’incarico di recuperare il denaro per i creditori. I recuperi dei creditori hanno superato i 50 centesimi di dollaro, molto meglio di quanto ci si aspettasse all’epoca.

“Era un realista”, dice Jim Latimer, un contabile di Dallas che ha lavorato con Ray come direttore della Enron. “Aveva un buon senso di ciò che si poteva fare, di ciò che il tribunale avrebbe considerato e di come ottenere il meglio dalla situazione per i vari gruppi di creditori. Certamente trasmette fiducia, ma non proietta l’idea che sappia tutto quello che c’è da sapere e che sia la unica strada. Questo non è John”.

Oltre a Fruit ed Enron, Ray è stato anche il principale responsabile della fallita società di telecomunicazioni canadese Nortel e delle sue affiliate statunitensi, a partire dal 2010. Nel 2014 è diventato membro indipendente del consiglio di amministrazione di Gt Advanced Technologies, che ha presentato istanza di fallimento ai sensi del capitolo 11 dopo aver perso un accordo di fornitura con Apple.

Nel 2016 è stato incaricato di gestire un trust per la liquidazione dei beni di Residential Capital, una delle maggiori società statunitensi di mutui subprime. Ha inoltre collaborato con Overseas Ship Management, Ditech Mortgage e Burlington Industries nei loro procedimenti di chapter 11.

Un problema alla volta

Come nel caso di Ftx, molte di queste aziende erano un tempo leader dei loro settori, con attività sparse in tutto il mondo, finché non si sono trovate in difficoltà. Nortel, ad esempio, aveva un valore di 250 miliardi di dollari all’apice della bolla tecnologica degli anni ’90, ma è crollata in seguito a uno scandalo contabile e a errori di gestione. Dopo anni di contenziosi e vendite di asset, l’azienda ha distribuito più di 7 miliardi di dollari ai creditori.

A differenza di molti ad e membri di consigli di amministrazione che si destreggiano tra più impegni contemporaneamente, Ray è noto per concentrarsi su un problema alla volta, che in genere richiede anni per essere risolto, afferma Elias di Harvard. In Ftx, dovrà innanzitutto trovare le attività per fare un quadro del bilancio dell’azienda, e capire come recuperare il denaro per i creditori. Un processo che, probabilmente, sarà ricco di ostacoli.

Quest’ultimo caso, come il precedente, potrebbe richiedere anni, forse un decennio o più, per essere risolto. “Ha fatto un lavoro impressionante alla Enron e questo caso è molto simile a quello”, dice Lichtenstein. “Penso che si atterrà agli stessi schemi, ma sarà più difficile per lui a causa della confusione intorno alla vicenda”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.