zara-inditex
Investimenti

Le azioni della casa madre di Zara ai massimi di sempre. Il fondatore Amancio Ortega è la seconda persona più ricca d’Europa

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Le azioni della casa madre spagnola del gigante Zara sono salite al livello più alto di sempre, rendendo il suo cofondatore miliardario ancora più ricco.

Aspetti principali

  • Le azioni di Inditex (nome completo Industria de Diseño Textil S.A.) sono salite del 2% a 36,95 euro (40,43 dollari) nelle contrattazioni di martedì in Spagna.
  • Secondo i dati di FactSet, si tratta del prezzo in euro più alto per Inditex dalla sua quotazione in borsa nel 2001.
  • Le azioni sono salite del 48% quest’anno, facendo salire la capitalizzazione di mercato a circa 125 miliardi di dollari, collocandola tra le 100 società pubbliche di maggior valore al mondo.
  • Il rialzo delle azioni precede la pubblicazione degli utili trimestrali della società il mese prossimo. Secondo gli analisti, Inditex registrerà un utile netto di 1,6 miliardi di euro nel terzo trimestre, con un profitto lordo superiore di quasi il 20% rispetto a qualsiasi altro periodo.

Le stime di Forbes

Amancio Ortega, 87 anni, cofondatore e azionista di maggioranza di Inditex, ha visto crescere la sua fortuna di 1 miliardo di dollari martedì, salendo a 94,4 miliardi di dollari. Ortega è la 13a persona più ricca del mondo e il secondo uomo più ricco d’Europa.

Sullo sfondo

Ortega è stato per breve tempo la persona più ricca del pianeta nel 2016, anche se la sua posizione è scesa nella classifica dei miliardari di Forbes quando Inditex ha attraversato un periodo di crisi in borsa. Le azioni sono scivolate di oltre il 40% dal picco precedente del 2017 al Nadir del 2022.

L’anno scorso, Zara ha rappresentato il 73% delle vendite di Inditex, mentre l’Europa ha apportato circa il 60% delle entrate, il Nord e il Sud America hanno rappresentato insieme il 20% delle vendite.

Oltre a Inditex, che quest’anno ha registrato una forte performance di mercato, ci sono i rivali H&M, le cui azioni sono aumentate del 46% da un anno all’altro, e Fast Retailing, società madre di Uniqlo, le cui azioni sono aumentate del 22%. I 32,9 miliardi di dollari di Inditex nel 2022 hanno superato i 18,4 miliardi di dollari di Fast Retailing e i 17,4 miliardi di H&M.

Cosa guardare

Secondo quanto riportato da Bloomberg all’inizio del mese, l’azienda cinese di fast fashion Shein punta a quotarsi in borsa negli Stati Uniti con una valutazione che può raggiungere i 90 miliardi di dollari, preparandosi a registrare una delle più grandi offerte pubbliche iniziali di sempre.

A margine

Per anni, l’industria ha dovuto affrontare diverse critiche per l’approvvigionamento di manodopera e per le sue emissioni carbonio.

Shein ha affrontato le critiche più aspre per il presunto ricorso al lavoro forzato nella regione cinese dello Xinjiang, ma anche Zara e Uniqlo sono state indagate per il presunto utilizzo di manodopera cinese forzata, mentre H&M ha smesso di reclutare lavoratori dal Myanmar in agosto a causa di accuse di abusi sugli stessi. Le ricerche suggeriscono anche che il fast fashion è associato a un aumento delle emissioni di anidride carbonica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .