Skin
Tadashi-Yanai
Classifiche

Il fondatore di Uniqlo è il più ricco del Giappone. Ecco la top ten

Il ritorno dei turisti dopo la riapertura delle frontiere post-pandemia e la ripresa dei consumi hanno aiutato a rilanciare l’economia giapponese nel primo trimestre del 2023. Un mercato azionario vivace ha contribuito a un aumento a due cifre della ricchezza combinata dei 50 più ricchi del Giappone, che ha raggiunto un totale di 192 miliardi di dollari.

Cresce la fortuna dei miliardari giapponesi

Oltre la metà delle persone che compongono la lista hanno visto accrescere la loro ricchezza rispetto a un anno fa. Cambiano alcune posizioni, con il miliardario Tadashi Yanai che resta in testa alla classifica. Il magnate del commercio al dettaglio ha guadagnato più di tutti nel 2023 (11,8 miliardi di dollari), consolidando la sua posizione di persona più ricca del Giappone. L’aumento delle vendite di Fast Retailing, società madre della catena di abbigliamento Uniqlo, ha fatto lievitare il suo patrimonio netto del 50% fino a 35,4 miliardi di dollari.

Al secondo posto Masayoshi Son, il cui patrimonio è salito a 24,6 miliardi di dollari dopo un periodo di crisi causato dalla riduzione degli investimenti di SoftBank Group, che ha registrato una perdita di 7,3 miliardi di dollari per l’anno fiscale conclusosi a marzo 2023.

LEGGI ANCHE: Cresce il timore per la recessione: anche Credit Suisse e SoftBank starebbero pianificando licenziamenti

Perde una posizione Takemitsu Takizaki, fondatore dell’azienda produttrice di sensori Keyence, che, dopo aver visto accrescere il suo patrimonio di un miliardo di dollari, si è stabilizzato al terzo posto con 19,5 miliardi di dollari.

La top ten

Di seguito la top ten dei dieci miliardari giapponesi più ricchi.
Tutte le cifre sono in dollari – valori aggiornati a venerdì 25 agosto

1. Tadashi Yanai  

Patrimonio netto: 34,1 miliardi di dollari 
Attività: fashion retail
Residenza: Tokyo, Japan

Tadashi Yanai ha costruito e gestisce l’impero dell’abbigliamento al dettaglio Fast Retailing, quotato alla borsa di Tokyo e a cui fa capo la catena Uniqlo.

Gli altri marchi di Fast Retailing includono Theory, Helmut Lang, J Brand e Gu. La società ha registrato un utile netto di 1,2 miliardi di dollari su un fatturato di 17 miliardi di dollari per l’anno fiscale conclusosi nell’agosto 2022.

Il marchio di punta Uniqlo ha più di 2.400 negozi in 25 paesi. Yanai vuole che la sua azienda diventi il più grande rivenditore al dettaglio del mondo, il che significa che dovrà superare H&M e Inditex (società madre di Zara).

2. Masayoshi Son

Patrimonio netto: 24,6 miliardi di dollari 
Attività: telecomunicazioni, investimenti
Residenza: Tokyo, Japan

Masayoshi Son ha fondato e dirige il gigante delle telecomunicazioni mobili e degli investimenti SoftBank Group.

Tra gli investitori dei Vision Funds di Son figurano Apple, Qualcomm, Foxconn, il family office del miliardario Larry Ellison e il fondo sovrano dell’Arabia Saudita.

I Vision Funds hanno investito in oltre 100 società, tra cui l’azienda di ride-sharing Grab, il leader coreano dell’e-commerce Coupang e l’indiana Paytm. Per l’esercizio chiuso a marzo 2023, SoftBank ha registrato una perdita di 7,3 miliardi di dollari.

3. Takemitsu Takizaki

Patrimonio netto: 19,5 miliardi di dollari 
Attività: sensori
Residenza: Osaka, Japan

Takemitsu Takizaki è il fondatore di Keyence, fornitore di sensori e componenti elettronici per sistemi di automazione industriale. Si è dimesso dalla carica di presidente nel marzo 2015, ma rimane nel consiglio di amministrazione ed è presidente onorario.

Le vendite ai clienti al di fuori del Giappone sono cresciute costantemente e rappresentano oltre il 50% del fatturato.
Tra i clienti ci sono produttori di ricambi per auto, aziende di elettronica e confezionatori di alimenti. Nel 2022, Takizaki ha donato alla sua fondazione azioni per un valore di quasi 3 miliardi di dollari.

4. Takahisa Takahara

Patrimonio netto: 7,4 miliardi di dollari 
Attività: prodotti per la cura della persona
Residenza: Tokyo, Japan

Takahisa Takahara è presidente e amministratore delegato di Unicharm, azienda di prodotti per l’igiene personale quotata a Tokyo e fondata dal defunto padre Keiichiro nel 1961.

Unicharm produce pannolini, assorbenti, maschere per il viso, salviette a base di alcol e altri prodotti per l’igiene personale a marchio MamyPoko. Oltre il 60% dei quasi 6 miliardi di dollari di fatturato annuo di Unicharm proviene dall’estero, soprattutto da altri paesi asiatici.Il padre di Takahara, Keiichiro, è morto nell’ottobre 2018.

5. Yasumitsu Shigeta 

Patrimonio netto: 4,1 miliardi di dollari 
Attività: telefonia 
Residenza: Tokyo, Japan

Yasumitsu Shigeta è presidente di Hikari Tsushin, società quotata a Tokyo che vende telefoni cellulari presso la catena di negozi Hit Shop. L’azienda vende anche assicurazioni e attrezzature per ufficio.

E’ stata fondata nel 1988. Il crollo delle dotcom nel 2001 ha cancellato gran parte della sua fortuna. È rientrato nella lista dei miliardari mondiali di Forbes nel 2005, quando le azioni di Hikari Tsushin sono risalite.

6. Masahiro Noda 

Patrimonio netto: 4 miliardi di dollari 
Attività: software
Residenza: Tokyo, Japan

Masahiro Noda è presidente e amministratore delegato di Obic, integratore di sistemi informatici e produttore di software personalizzato quotato in borsa. L’azienda è nota per il suo software di contabilità e per le sue pubblicità televisive con un attore Kabuki.

Nell’anno fiscale conclusosi a marzo 2023, Obic ha registrato un utile netto di 377 milioni di dollari su un fatturato di 754 milioni di dollari. Noda ha lanciato l’azienda con i risparmi della moglie nel 1968.

7. Shigenobu Nagamori 

Patrimonio netto: 3,7 miliardi di dollari 
Attività: motori
Residenza: Kyoto, Japan

Shigenobu Nagamori è fondatore e presidente del produttore di motori Nidec. L’azienda si presenta come il più grande produttore al mondo di motori per hard disk e unità ottiche.

Nagamori ha dichiarato pubblicamente che il suo obiettivo è raggiungere i 10.000 miliardi di yen (91 miliardi di dollari) di fatturato entro il 2030, in parte concentrandosi sui motori per veicoli elettrici.

Nel settembre 2022, l’ex dirigente di Nissan Motor, Jun Seki, assunto nel 2020 come presidente e coo, si è dimesso.
Nel marzo 2023, cinque dirigenti di Nidec sono stati promossi a vicepresidente esecutivo e sono in lista per diventare presidente dell’azienda entro aprile 2024.

8. Masahiro Miki 

Patrimonio netto: 3,6 miliardi di dollari 
Attività: scarpe
Residenza: Tokyo, Japan

Masahiro Miki detiene una quota di maggioranza della catena di negozi di scarpe discount Abc-Mart. L’azienda possiede il marchio statunitense di calzature Danner. Ex pugile dilettante, Miki ha fondato la società negli anni Ottanta. Si è dimesso dalla carica di presidente della società quotata in borsa nel 2007.

9. Akio Nitori

Patrimonio netto: 3,2 miliardi di dollari 
Attività: arredamento 
Residenza: Hokkaido, Japan

Akio Nitori ha fondato la catena di negozi di arredamento Nitori Holdings, le cui azioni sono quotate alla borsa di Tokyo. L’azienda si è espansa nei mercati urbani come quello di Tokyo e ha più di 800 negozi, soprattutto in Giappone.

Nitori ha aperto il primo negozio nel 1967. Ha lasciato la carica di presidente nel 2016. I negozi della catena sono presenti anche in Cina, Taiwan e Stati Uniti.

10. Hiroshi Mikitani 

Patrimonio netto: 2,7 miliardi di dollari 
Attività: vendita online
Residenza: Tokyo, Japan

Hiroshi Mikitani è fondatore e ceo di Rakuten, il più grande rivenditore di e-commerce del Giappone. Nel 2022, la società ha registrato una perdita di 2,8 miliardi di dollari su un fatturato di 14,7 miliardi di dollari, soprattutto a causa degli investimenti nelle sue operazioni mobili.

Rakuten ha lanciato il suo nuovo servizio di telefonia mobile da 5,5 miliardi di dollari, che doveva iniziare nell’ottobre 2019, nell’aprile 2020. nel 2021, la cinese Tencent, Japan Post Holdings e Walmart hanno investito insieme più di 2 miliardi di dollari in Rakuten. Nell’aprile di quest’anno, la società ha quotato in borsa la sua filiale di prestiti online Rakuten Bank. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .