Wine

Borgo del Tiglio

Borgo del Tiglio affonda le sue radici a Brazzano, in provincia di Gorizia, e sotto la sapiente guida di Nicola Manferrari  fatta di esperimenti ed innovazioni, che gli sono valsi il riconoscimento come uno dei più talentuosi enologi friulani – riesce a raggiungere traguardi importanti. L’azienda produce prevalentemente vino bianco da vigneti divisi in tre poderi immersi nella zona del Collio, a meno di 20 km dal mare. Al fine di valorizzare i caratteri organolettici legati al terroir dei vigneti di provenienza si adottano tecniche di cantina poco invasive: attenzione estrema è riservata alla cura dell’uva, raccolta rigorosamente a mano, da cui è eliminato già in campo ogni acino compromesso da botrite, marciume o rotture accidentali. Così curati, i grappoli sono riposti in piccole cassette poco riempite al fine di far giungere gli acini perfettamente integri in cantina. La ricerca dell’equilibrio continua anche nelle fasi successive, dall’estrazione del mosto attraverso la pressatura, fino all’assemblaggio sia dei mosti stessi che dei vini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .

CONTATTI

Sede: via San Giorgio 71,
34071 Brazzano (GO)
Telefono: 048162166
Email: [email protected]

In primo piano

Nicola Manferrari si laurea in farmacia a 23 anni per aiutare la madre nell’attività di cui era titolare. A causa della scomparsa prematura del padre, nel luglio 1981 si ritrova catapultato a dirigere l’imminente vendemmia della piccola azienda di famiglia. Qui capirà la sua vera vocazione, arrivando persino ad imparare il francese pur di imparare dai nomi più illustri del settore: nei suoi prodotti sono chiaramente distinguibili tutta l’esperienza e le intuizioni maturate nel corso degli anni.

Il punto forte

“Studio di Bianco” è un vino bianco del Collio friulano nato da un progetto trentennale di sperimentazione portato avanti da Nicola Manferrari dal momento in cui definì l’acquisto dei cinque ettari del podere sito sul versante a sud-est della collina di Ruttars. Lo scopo era trovare una formula perfetta per assemblare le uve di Riesling, Sauvignon e Friulano: il risultato è un prodotto dal carattere spiccatamente aromatico che lo rende adatto a sposarsi con pietanze dagli aromi intensi come tartufo o zenzero.

Contenuto precedente
Contenuto successivo