L’azienda nasce nei primi anni del ‘900, quando il bisnonno Alfonso iniziò a coltivare la vite sulla collina del Bricco Quaglia, fra Langhe e Monferrato, immersi nelle colline Patrimonio dell’Umanità Unesco, tramandando la passione per questo lavoro al figlio Giovanni e al nipote Alfonso. Nel 1998 Giorgio e Roberto, la quarta generazione, prendono le redini dell’azienda e decidono di vinificare le uve migliori, creando il brand. Il primo vino della nuova generazione è il Barbera d’Asti Superiore Porlapà, prodotto con uve provenienti da un vigneto impiantato nel 1936. Nel 2001 sono state prodotte le prime 4000 bottiglie e da quel momento la crescita è stata costante. Passione ed entusiasmo spingono a sperimentare in vigna, impiantarne di nuove, focalizzandosi non solo sul Barbera ma anche su Moscato, Chardonnay e Nebbiolo, l’uva con cui si producono Barolo e Barbaresco. Nel 2005 iniziano ad esportare in tutto il mondo – prima l’Asia, poi il Nord America – e oggi, pur senza trascurare il proprio territorio, continuano a cercare nuovi mercati in cui far conoscere la qualità dei loro prodotti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .

SITO WEB
www.boerivini.it
CONTATTI

Sede: via Bionzo 2,
14055 Costiglione d’Asti (AT)
Telefono: 3470719795
Email: [email protected]

In primo piano

Da oltre 25 anni Giorgio e Roberto Boeri curano con dedizione i vigneti e seguono la produzione passo a passo, preservando ed esaltando i frutti del territorio. Sono loro ad aver scelto di abbandonare ogni tipo di prodotto chimico da oltre 10 anni, garantendo così vino sostenibile di alta qualità. Tradizione e qualità non sono le uniche parole chiave del loro business: ogni generazione introdotta porta con sé una visione al passo coi tempi, capace di evolversi seguendo le richieste del mercato.

Il punto forte

Prodotto da uve raccolte da un vitigno piantato 80 anni fa da nonno Giovanni, Barbera Superiore Porlapà è il primo vino imbottigliato ad essere cresciuto con la famiglia Boeri, fino ad arrivare in oltre 35 Paesi. “Porlapà” in piemontese è un’esclamazione usata quando si è senza parole dallo stupore, ed è proprio l’espressione usata dal nonno al primo assaggio. Orgoglio dell’azienda, ha sfumature violacee, intenso bouquet sfaccettato, un corpo intenso in bocca che avvolge il palato e restituisce grande struttura.

Contenuto precedente
Contenuto successivo