La Calandre

Migliori ristoranti italiani: La Calandre tra le 100 Eccellenze Italiane per Forbes
Share

Si mangia su un levigatissimo tronco di legno della Normandia vecchio di 700 anni, perché il tatto, il contatto diretto con la materia è importante. Alle Calandre, nel padovano, si celebra il cibo, da assaporare in ogni forma e con tutti i sensi. Anche l’olfatto qui trova un tempio dove è sacro come il gusto, così aromi, spezie e oli essenziali sono messi insieme e usati da grimaldello per scardinare la cassaforte dei ricordi. E lo chef Alajmo sta anche sperimentando il coinvolgimento dell’udito nel mangiare. Ma è il gusto a prevalere, in piatti assoluti di ricerca e cultura. Il coinvolgimento dell’ospite è totale, con una sala che gira alla perfezione. La squadra, dopo che big Raffaele Alajmo ha scelto di dedicarsi a tempo pieno al Quadri di Venezia, è coordinata da Andrea Coppetta Calzavara e mostra una rara capacità di essere inappuntabile e al tempo stesso informale.

Migliori ristoranti italiani: La Calandre tra le 100 Eccellenze Italiane per Forbes
Personaggi ed interpreti

Dal 2002 Massimiliano Alajmo ha cucite sul petto le tre stelle Michelin: quando le ottenne era il più giovane chef ad avere raggiunto il risultato. Ogni suo piatto del menu, e il menu nel suo insieme, è studiato come un racconto ricco di gusto, ma anche di pensiero. Foriero di riflessioni per chi abbia voglia di approfondirne il significato e di passare a un livello più profondo di lettura. Nella foto la staff de Le Calandre.

L'abbiamo scelto perché

I grandi classici, a partire dal cappuccino di seppia e dal risotto zafferano e liquirizia, fanno da contralto a nuovissimi piatti di ricerca e sperimentazione.

Share
Contenuto precedente
Contenuto successivo