Seguici su
Business 27 Maggio, 2020 @ 3:29

Un business non si è fermato nemmeno con il coronavirus: quello della cocaina. I numeri in Italia e nel mondo

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

 

 

(Shutterstock)

Articolo di Alexandra Sternlicht apparso su Forbes.com

Gli agenti doganali di Hong Kong hanno scoperto un carico di cocaina del valore di 31,7 milioni  di dollari nascosto all’interno del motore di un aereo spedito dall’Ecuador. Si tratta del più grande carico di cocaina sequestrato quest’anno. Il motore, che è arrivato a marzo in un container, ha preoccupato molto i doganieri, perché è molto raro che dei motori a reazione possano trasportare qualcosa dal Sud America. Inoltre, il cosiddetto “ricevitore” non ha mai ritirato il carico di cocaina, solo i raggi x – secondo il South China Morning Posta – sono riusciti a rivelare che c’era una forma strana all’interno del motore.

I doganieri hanno scoperto un compartimento segreto all’interno del motore che conteneva otto contenitori per un totale di 217 chilogrammi di droga illegale. Anche se l’ufficio di indagine sulle droghe della dogana di Hong Kong ritiene che parte della cocaina fosse destinata al consumo locale, gran parte probabilmente doveva essere essere spedita in altri paesi.

Questo è il più grande carico di cocaina a livello globale del 2020. Va ricordato però che all’inizio di questo mese,  la Marina americana ha intercettato una nave con un carico di cocaina del valore di $ 28 milioni di dollari nell’Oceano Pacifico orientale. L’economia della cocaina, per un valore di 100 miliardi di dollari, secondo quanto riferito dall’Organized Crime And Corruption Reporting Project, si è adattata con maggiore efficienza alla pandemia da coronavirus rispetto a molti altri business legali.

Quanto vale il business della cocaina

Uno degli aspetti che fa più riflettere è che, come afferma l’Organized Crime And Corruption Reporting Project, il business della cocaina sta prosperando in un mondo in cui anche pilastri dell’economia come il petrolio stanno affrontando gravi perturbazioni”.

Anche se è difficile valutare le dimensioni del mercato, secondo OCCRP, il business illegale della cocaina ha un valore di circa 113 miliardi di dollari l’anno per una produzione di oltre 2mila tonnellate. E il traffico è cresciuto durante la pandemia: i sequestri di cocaina nei mesi di marzo e aprile sono diminuiti dell’80% su base annua in Italia, che è stata devastata dal coronavirus, mentre il prezzo di vendita della droga nel paese è aumentato dal 20% al 30%.

Ormai la cocaina viene sempre più tagliata con sostanze economiche, che sono meno costose da produrre, creano maggior dipendenza e sono più pericolose e letali per chi le consuma. E se da una parte la vendita per le strade sono diminuite, dall’altra le vendite sul dark web, dove è molto più difficile rintracciare l’origine del venditore e l’identità dell’acquirente, sono aumentate del 30% in tutto il mondo. Oltre a ciò, in Europa ha preso piede anche l’usanza da parte dei clienti di farsi portare la sostanza a casa da spacciatori travestiti da fattorini o da altri lavoratori considerati essenziali.