Seguici su
Classifiche 5 ottobre, 2018 @ 4:56

La classifica dei migliori 50 bar del mondo

di Daniel Settembre

Staff writer, Forbes.it

Mi occupo dei ranking e del progetto Under 30.Leggi di più dell'autore
Giornalista di Blue Financial Communication, dove cura contenuti per i prodotti editoriali del gruppo Bluerating, Private e Forbes Italia. Con un passato alla redazione televisiva di Class CNBC, è cresciuto professionalmente scrivendo di finanza, asset management, fintech e consulenza finanziaria. Appassionato di cinema, noiosi romanzi classici e videogames, è anche consulente editoriale. chiudi
Il Dandelyan di Londra è in prima posizione

Il Dandelyan di Londra, fondato dal lungimirante creatore di cocktail e barista Ryan Chetiyawardana, si è aggiudicato il premio come miglior bar del mondo del 2018. Giunto alla decima edizione, il The World’s 50 Best Bars fornisce dal 2009 un elenco definitivo dei migliori locali a livello globale, votati da una giuria di oltre 500 esperti. In totale la classifica include bar da 26 diverse città, dislocate in 20 Paesi. Il Regno Unito e gli Stati Uniti contano ben 10 bar ciascuno, con una forte presenza in particolare di Londra e New York.

“I premi hanno l’obiettivo di riconoscere i migliori bar del mondo e le persone di talento che ci lavorano”, ha sottolineato William Drew, group editor del The World’s 50 Best Bars. “Vogliamo dare spazio all’arte del barman e fornire una guida definitiva delle migliori location globali per i bevitori più esigenti. L’elenco comprende grandi bar, gli speakeasy nascosti, quelli più eccentrici e quelli, invece, più classici”.

Nella lista ci sono 10 new entry, 4 provenienti da Londra: Scout (28°), Three Sheets (29°), Swift (46°) e Coupette (18°), che vince anche il Best New Opening Award. Connaught Bar (5°) ha ricevuto invece il premio “Heering Legend of the List”, che riconosce la miglior performance negli ultimi 10 anni della lista. Il numero uno dell’anno scorso, l’American Bar at The Savoy, è ora in seconda posizione.

The Manhattan Bar a Singapore

Singapore guida l’Asia con cinque bar nella lista. Manhattan (3°) entra tra i primi tre e rivendica il titolo di miglior bar asiatico. Singapore è anche rappresentata da Atlas (8°), Operation Dagger (23°) e 28 Hongkong Street (34°), mentre il Native balza di ben 34 posizione fino alla numero 13 e si aggiudica così il premio “Highest Climber Award”. Ma l’Asia è presente anche con location provenienti da altri Paesi come The Old Man di Hong Kong, che debutta nella lista dei 50 migliori bar del mondo in 10° posizione, rivendicando il premio come miglior new entry. In 20° posizione Speak Low di Shanghai; Tokyo è rappresentata dal Bar High Five (12°) e Bar Benfiddich (49°); infine, l’Indulge Experimental Bistro di Tapei a Taiwan è 38° posizione.

L’Atlas di Singapore

Il The NoMad (4°) di New York è il miglior bar del Nord America per il secondo anno consecutivo. San Francisco è rappresentata da due bar: Tommy’s (40°) e Trick Dog (44°). Il Florería Atlántico (14°) di Buenos Aires, in Argentina, è stato nominato come miglior bar in Sud America.

Anche la Spagna festeggia quest’anno con due new entry nella lista. Il Paradiso di Barcellona entra nella top 50 in 37° posizione, mentre Salmon Guru di Madrid entra alla posizione 41. Parigi, infine, è rappresentata quest’anno da tre bar con Le Syndicat che fa un balzo di 10 posti fino al 24° posto.