Seguici su
Strategia 14 ottobre, 2018 @ 11:10

Le 4 cose che devi cancellare dal tuo profilo LinkedIn

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
uffici linkedin
Uffici Linkedin ( Ilya S. Savenok/Getty Images for LinkedIn)

William Arruda per Forbes.com

Sempre più persone si stanno formando la prima impressione su di te dai risultati di una ricerca online sul tuo nome. Quando le persone ti valutano in modo professionale, spesso vanno direttamente al tuo profilo LinkedIn. Ma anche se la loro ricerca inizia con Google, finiranno su LinkedIn perché il tuo profilo sarà probabilmente uno dei migliori risultati.

Quindi devi preoccuparti di ciò che inserisci nel tuo profilo LinkedIn, assicurandoti che sia autentico, avvincente per il tuo pubblico e in grado di posizionarti per il futuro. Devi essere allo stesso modo concentrato sulla rimozione di cose dal tuo profilo che potrebbero ostacolare il tuo successo. Vuoi che tutti i contenuti “stupiscano” quelli che prendono decisioni su di te.

Ecco quattro cose che dovresti rimuovere dal tuo profilo per avere un impatto positivo sui lettori.

1. Endorsement errati o irrilevanti. Elimina i consigli per le abilità per cui non vuoi essere conosciuto. Il marchio personale significa essere conosciuti per qualcosa di specifico, non per 10.000 cose. Ciò significa che devi rendere le tue abilità pure – posizionandoti per il futuro, non creando confusione tra i lettori. “Questa persona è un dirigente di marketing o un agente immobiliare?”. Fai un elenco di tutte le abilità che sono rilevanti per chi sei e chi vorresti diventare senza guardare il tuo profilo LinkedIn. Quindi, dai un’occhiata alle competenze per le quali hai ricevuto un endorsement. C’è una forte correlazione? Assicurati che le tue prime tre abilità riflettano perfettamente ciò per cui vuoi essere riconosciuto. Sono quelle che appaiono in evidenza quando qualcuno sta guardando il tuo profilo. Gli utenti devono fare clic su “Visualizza altro” per vedere il resto delle tue abilità. E non preoccuparti di offendere nessuno. LinkedIn non invierà una nota a coloro che ti hanno dato un endorsement quando rimuovi i loro consigli.

2. Esperienza che distrae dalle aspirazioni. Se hai iniziato la tua carriera nella vendita al dettaglio e ora sei alla ricerca farmaceutica, vorrai sminuire il passato (a meno che tu non abbia una buona spiegazione su come ciò supporta quel che stai facendo e ciò che vuoi fare). Certo, è importante mostrare una progressione nella tua carriera, quindi potresti voler raggruppare i ruoli che hai avuto in passato in una categoria come “Il mio terreno di prova” o “Le mie prime esperienze”.

3. Immagini di bassa qualità. Non sto solo parlando del tuo primo piano. Le immagini che hai aggiunto al tuo profilo nelle sezioni di riepilogo o esperienza devono essere di alta qualità e tagliate in modo appropriato. Niente aumenta il fatto che ci sia una “mancanza di attenzione ai dettagli” come le immagini sfocate, mal tagliate, banali o poco lusinghiere. Certo, questo è più importante quando si tratta della tua foto profilo. Se usi un selfie, una foto in cui ritagli gli altri o una foto che tua madre ti ha fatto alla gita di famiglia dell’anno scorso, è tempo di rimuoverla e sostituirla. Investi in fotografato professionale che ti possa risaltare nella luce più positiva e potente. Ed evita fotografie a figura intera. Lascia che gli utenti vedano la tua faccia.

4. Scrittura in terza persona. Ammettiamolo, tutti sanno che hai scritto tu la descrizione e l’esperienza di LinkedIn. È molto più trasparente e diretto scrivere in prima persona che fingere che qualcun’altro lo abbia scritto. Quando scrivi in prima persona, crei un dialogo interattivo tra te e il lettore e ciò ti aiuta a stabilire una relazione più autentica con loro. Sto vedendo sempre più profili in prima persona (anche da amministratori delegati – che probabilmente hanno qualcuno che scrive per loro), eppure non tutti lo fanno. È tempo di togliere la terza persona dal tuo profilo e mettersi a proprio agio nello scrivere in prima persona.