Seguici su
Life 7 febbraio, 2019 @ 5:13

Giorgio Armani, i nuovi dolci saranno firmati dal maestro del cioccolato Guido Gobino

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda e tutto ciò che le gravita attorno.Leggi di più dell'autore
Nata in Sicilia, si trasferisce a Milano per studiare giurisprudenza ma soprattutto per inseguire la sua più grande passione: la scrittura. In precedenza ha collaborato con il quotidiano di Class editori MFFashion occupandosi di moda e finanza. Appassionata di romanzi gialli, musica jazz e cinema. chiudi
Armani Dolci by Guido Gobino (Courtesy Giorgio Armani)

Prosegue il viaggio nel mondo del gusto di Giorgio Armani. La storica maison italiana, che nel 2002 ha lanciato la sua prima selezione di dolci all’interno di via Manzoni 31 ai Milano, e nel 2010 ha avviato un accordo con Venchi, ha annunciato infatti un accordo di licenza pluriennale con Guido Gobino, leader italiano del cioccolato artigianale, per la produzione e distribuzione della linea Armani/Dolci by Guido Gobino. “Sono lieto di questa nuova collaborazione, naturale conseguenza dell’incontro tra il desiderio di offrire ai miei clienti un prodotto Armani/Dolci di altissimo livello e la raffinatezza del cioccolato artigianale di Guido Gobino, riconosciuto nel mondo per la qualità e per l’innovazione nel rispetto della tradizione”, ha dichiarato lo stilista Giorgio Armani.

Armani Dolci by Guido Gobino (Courtesy Giorgio Armani)

Guido Gobino, d’altronde, per il mondo del cioccolato è una vera e propria istituzione. Ed è portavoce di una storia iniziata oltre 50 anni fa nella storica azienda di famiglia, fatta di amore per la tradizione artigianale e procedimenti all’avanguardia che hanno permesso al marchio italiano di affermarsi in oltre 24 Paesi e ricevere diversi riconoscimenti dal 2002 ad oggi.

La sua avventura inizia nel 1964 quando Giuseppe Gobino, padre di Guido, grazie all’esperienza acquisita fin dal 1950 nella raffinazione del cacao, fa il suo ingresso come responsabile di produzione in quella che al tempo era solo una piccola fabbrica di caramelle. Qualche anno dopo, ha inizio un processo di  ricerca nel settore del cioccolato, che privilegiava i prodotti tipici torinesi quali il gianduiotto, la crema di cioccolato gianduia e il cioccolato con nocciola. Nel corso dei Giochi Olimpici Invernali del 2006, inoltre, Gobino ottiene la qualifica di “Ambasciatore di Torino”, insieme ad altri 80 rappresentanti del mondo dell’impresa e della cultura piemontese.

“È per me un onore collaborare con Giorgio Armani, riconosciuto a livello internazionale per il suo prestigio. Continuerà la ricerca di nuove esperienze di gusto e frontiere sensoriali del made in Italy” ha commentato Gobino.