Seguici su
Style 14 Novembre, 2019 @ 3:15

La prima volta di Giorgio Armani nell’alta gioielleria

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda, viaggi, arte e nuove tendenze.Leggi di più dell'autore
chiudi
Giorgio Armani lancia la sua prima collezione di Alta Gioielleria
(courtesy Armani)

Il disegno di lifestyle di Giorgio Armani si arricchisce di un nuovo tassello con la prima collezione di alta gioielleria, che completa la linea di prêt-à-porter. Il gusto del monile è presente nel lavoro dello stilista fin dagli esordi, a metà degli anni Settanta, quando inizia a creare oggetti sofisticati, a volte eccentrici, con pietre dure e paste di vetro, spesso accompagnati da montature di passamaneria di seta o in metalli ultraleggeri. I nuovi oggetti del desiderio dell’universo Armani, disponibili da novembre nelle boutique delle principali città del mondo, sono un mix tra la modernità essenziale e un gusto vagamente esotico.

I temi sono tre: Borgonuovo, che racchiude raffinate e pregiate variazioni sul tema del logo acceso da pavé di luminosi diamanti o da pietre semipreziose, la serie , ispirata al simbolo olfattivo femminile del marchio con orecchini, anelli, bracciali e collier dalla forte semplicità architettonica come raffinati fiori di onice nera, e infine Firmamento, che attraverso i diffusi bagliori di pavé e diamanti rievoca gli astri nel cielo notturno.

Classifiche 27 Ottobre, 2019 @ 3:33

Cambia il più ricco d’Italia: Del Vecchio scavalca Ferrero

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Da sinistra: Giovanni Ferrero, Leonardo Del Vecchio, Giorgio Armani. (ForbesITALIA)

E’ tempo di ribaltoni nella classifica Forbes dei billionaires, le persone più ricche al mondo.

In settimana ha avuto molta eco la notizia del sorpasso di Bill Gates ai danni di Jeff Bezos nella classifica in tempo reale degli uomini con il maggior patrimonio personale al mondo, prontamente ribaltato il giorno successivo (ne abbiamo scritto qui).

Non si tratta tuttavia degli unici cambi al vertice della classifica calcolata in real time da Forbes rispetto alla classifica annuale pubblicata nel marzo scorso.

Anche tra i componenti italiani dell’elenco spiccano novità di peso rispetto alla classifica 2019, cristallizzata appunto al marzo scorso.

Giovanni Ferrero, guida dell’omonimo gruppo dolciario, con un patrimonio stimato da Forbes in 21,9 miliardi di dollari, non è più al vertice della graduatoria degli italiani più ricchi. Ferrero può consolarsi con la 46esima posizione a livello mondiale, ma davanti a lui ora c’è Leonardo Del Vecchio, patron del gruppo Luxottica, balzato, con un patrimonio di 24,3 miliardi anche alla 38esima posizione della classifica mondiale. Merito della cavalcata in Borsa del titolo EssilorLuxottica, che dall’aprile scorso a Piazza Affari ha gudagnato circa il 35 per cento. La classifica in tempo reale tiene conto infatti principalmente delle variazioni di valore degli asset quotati sui mercati finanziari. Cosa su cui non può contare invece Ferrero, che ha sempre rifuggito la tentazione della quotazione in Borsa.

Non si tratta delle uniche novità nel nostro Paese. Tra le primissime posizioni dei più ricchi sale Giorgio Armani, giunge sul terzo gradino del podio (in precedenza quarto) con un patrimonio di 11,2 miliardi. Fa invece il suo ingresso nella top ten il fondatore di Mediolanum, Ennio Doris. Merito anche in questo caso soprattutto della Borsa, dato che negli ultimi 15 giorni il titolo Banca Mediolanum ha messo a segno una progressione di circa 10 punti percentuali.

Life 4 Settembre, 2019 @ 11:00

Nasce la prima “cocktail capsule collection” dedicata a Giorgio Armani

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Armani Hotel Milano: Bamboo Bar
Il Bamboo Bar dell’Armani Hotel di Milano (Courtesy: Armani Hotel Milano)

Armani/Bamboo Bar ha presentato la sua prima capsule collection di signature cocktail, un tributo al mondo di Armani nelle sue molteplici espressioni creative. Otto cocktail inediti, ispirati alle creazioni dello stilista, alle sue collezioni e colori. La nuova carta cocktail, creata dal team dei bar tender di Armani/Bamboo Bar, coordinati da Andrea Rella, sarà inaugurata durante la prossima settimana della moda (17-23 settembre), e ciascun cocktail è proposto a 30 euro. Il progetto prevede un continuum, con la presentazione di nuovi signature cocktail in occasione dei principali appuntamenti della moda a Milano.

La signature cocktail capsule collection n 1. (fall winter 2020) comprende:

 

Il re – Dedicato a Giorgio Armani, elegante e prezioso, guarnito con foglia d’oro, equilibrato e dal gusto sofisticato

Creato con:

  • Gin o vodka
  • Vermouth infuso allo zafferano
  • Foglia d’oro

Privé – Cocktail che racchiude la quintessenza dello stile Armani: eleganza e libertà della creazione assoluta

Creato con:

  • Gin Mare
  • Lime fresco
  • Infuso al basilico
  • Ginger beer e goccia di assenzio

Milano 1981 – Cocktail che celebra data di lancio del marchio Emporio Armani Milano 1981, reinterpretando con uno sguardo contemporaneo il mitico Negroni, tanto in voga negli anni 80.

Creato con:

  • Bitter Campari
  • Vermouth Belsazar rosso
  • Rabarbaro Zucca
  • Cynar

Ginza Tower – Cocktail che celebra l’Oriente e che si ispira al famoso building nel cuore del quartiere più glamour di Tokyo.

Creato con:

  • Ginzu
  • Domaine de Canton
  • Sake
  • Lime
  • More fresche

Via Borgonuovo 11 – Un cocktail dal sapore antico, come gli affreschi di Palazzo Orsini, dimora del brand, nel cuore di Milano.

Creato con:

  • Grappa Marolo
  • Kalhua infusa alla vaniglia del Madagascar
  • Caffe Lavazza
  • Stick di caramello salato

Pantelleria – Cocktail che riporta l’essenza di profumi e colori dell’isola tanto amata, immersa in una natura incontaminata.

Creato con:

  • Mezcal
  • Datterino giallo siciliano
  • Origano e capperi di Pantelleria
  • Bloody Mary mix

Made to measure – Cocktail MTM che si forma dall’idea di coinvolgere in un’esperienza personalizzata e su misura. Proprio come un abile sarto crea i suoi abiti con passione e premura

Creato con:

  • Sciroppo di zucchero
  • Liquore al finocchietto
  • Infuso ai frutti rossi
  • Finish di profumo al maschile o femminile a scelta del cliente

A tribute to Armani –  Cocktail che celebra la versatilità dello stile Armani attraverso i contrasti tra dolce acido e piccante degli ingredienti

Creato con:

  • Limoncello amalfitano
  • Mezcal Casamigos
  • Rosolio al peperoncino
  • Succo di limone
Forbes Italia 7 Agosto, 2019 @ 11:07

Una passeggiata con Leonardo all’Armani Hotel

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Armani Hotel Milano - Welcome Area
La Welcome Area dell’Armani Hotel Milano (Courtesy of Armani Hotel Milano)

In collaborazione con Armani Hotel Milano – Tratto dal numero di agosto di Forbes

Quadrilatero della Moda, a pochi passi da Piazza del Duomo e dalla Scala. Lo stile e la filosofia Armani definiscono ogni dettaglio delle 95 camere e suite dell’Armani Hotel Milano, dove ogni elemento è stato disegnato personalmente da Giorgio Armani riflettendo in pieno la sua estetica.

Al settimo piano, l’Armani/Ristorante e l’Armani/Bamboo Bar si affacciano sulle magnifiche vie del centro di Milano, grazie a luminose vetrate che incorniciano l’intero piano per un’esperienza sensoriale unica.

L’Armani/Bamboo Bar crea l’ambiente perfetto per un pranzo informale o semplicemente il luogo dove fermarsi a osservare lo skyline, assaporando un aperitivo o un dopocena.

All’ottavo piano, mille metri quadrati dedicati a bellezza, pace e tranquillità con vista impagabile sulla città. L’Armani/Spa offre trattamenti individuali, sei stanze dedicate, una couple suite, fitness personalizzato, l’esperienza del bagno di vapore e della sauna, ma anche l’opportunità di concedersi un momento di relax nella magnifica relaxation pool.

Presso l’Armani Hotel Milano ogni evento è all’insegna del distintivo stile Giorgio Armani.

L’Armani/Business Centre dispone di una sala meeting privata, due boardroom e due postazioni pc a disposizione degli ospiti 24 ore su 24. Può diventare la sede perfetta per
un evento aziendale.

In occasione del cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo da Vinci, Armani Hotel Milano celebra il Maestro attraverso un’esperienza culturale e scientifica nella Milano del genio toscano. Ai propri ospiti, Armani Hotel Milano riserva in esclusiva l’opportunità di prendere parte a uno street tour, un vero e proprio viaggio immersivo tra realtà e storia per raccontare la Milano vissuta da Leonardo. Direttamente dall’hotel, una guida accompagnerà i partecipanti nei luoghi chiave della permanenza di Da Vinci, in un tour virtuale della città cinquecentesca.

Un percorso interattivo della durata di un’ora e mezza, che partendo da Piazza della Scala si snoda per le strade del centro fino ad arrivare alla Pinacoteca Ambrosiana, passando per Piazza Duomo e Palazzo Reale. Uno speciale visore VR (realtà virtuale) consentirà a ogni partecipante di immergersi in un viaggio nel tempo, alla scoperta dei luoghi dove l’artista viveva e lavorava. Una ricostruzione fedele della città di Milano, raccontata dal punto di vista del Maestro, dove presente e passato si alternano e fanno di questa passeggiata nel cuore di Milano un racconto esperienziale unico.

Il tour si concluderà con un aperitivo all’Armani Bamboo/Bar dove gli ospiti potranno ammirare le luci e i tetti di Milano e scegliere di degustare Acqua/Rosa, il cocktail proposto per l’occasione dal bar manager Andrea Rella. Una rivisitazione di una bevanda pensata nel 1517 da Leonardo stesso e conosciuta, non a caso, come “bevanda del genio”. Un momento di totale relax da assaporare indossando il visore VR, per concludere la passeggiata leonardesca contemplando il Cenacolo. Oltre al tour il pacchetto include: soggiorno in hotel (minimo due notti) con minibar complimentary (bevande alcoliche escluse); colazione americana servita nella cornice elegante dell’Armani/Ristorante; aperitivo all’Armani/Bamboo Bar; late check-out garantito fino alle 14:00 ora locale.