Cara Netflix, arriva BritBox: il “rivale” targato BBC e ITV

presentazione britbox
(Frederick M. Brown/Getty Images)
Share
presentazione britbox
(Frederick M. Brown/Getty Images)

Arriva il rivale di Netflix: BBC e ITV lanciano il servizio di streaming BritBox

BBC e ITV hanno confermato con una nota congiunta l’intenzione di unire le forze e lanciare un servizio di streaming a pagamento chiamato BritBox entro la fine di quest’anno, nel tentativo di competere contro il colosso americano Netflix. BritBox presenterà principalmente gli spettacoli della BBC e dell’ITV, insieme a nuove produzioni britanniche realizzate appositamente per il servizio. BritBox è già disponibile negli Stati Uniti, dove ha 500.000 clienti che pagano per una selezione di programmi televisivi provenienti dal Regno Unito.

ITV e BBC annunciano il servizio di streaming online rivale di Netflix

In prospettiva il lancio potrebbe portare le emittenti britanniche a concedere in licenza il loro materiale d’archivio, invece che cederlo a servizi come Netflix. L’amministratore delegato di ITV, Carolyn McCall, tuttavia ha affermato che BritBox sarà presentato come componente aggiuntivo per le famiglie britanniche che già disponevano di un servizio di streaming.

La Ofcom, l’autorità competente e regolatrice indipendente per le società di comunicazione nel Regno Unito, ha detto di aver accolto la proposta di BritBox perché voleva vedere le emittenti britanniche “collaborare per tenere il passo con i player globali, offrendo contenuti di qualità del Regno Unito agli spettatori ogni volta che desiderano guardarli”.

BBC e ITV si uniscono per lanciare il rivale di Netflix: BritBox

Il direttore generale della BBC, Tony Hall, ha affermato che il servizio di streaming sarà “davvero speciale”. “Un nuovo servizio di streaming che offre i migliori contenuti creati in casa al pubblico che li ama”, ha affermato. “Il servizio avrà tutto, dai vecchi successi agli spettacoli recenti e del tutto nuovi”. Ancora non ci sono dettagli sui prezzi anche se nell’annuncio si afferma che saranno molto “competitivi”.