Seguici su
Classifiche 12 marzo, 2019 @ 4:50

Ecco in che modo le persone più ricche del mondo hanno accumulato miliardi

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
Il Fondatore e ceo di Amazon.com, Jeff Bezos. (David Ryder/Getty Images)

Will Yakowicz per Forbes.com

Diventare un miliardario non è facile. Il Three Comma Club ha solo 2.153 membri, ma ci sono molti modi in cui queste persone presenti nella lista del 2019 della Forbes Billionaires hanno costruito la loro ricchezza: dalla vendita di schermi di vetro per smartphone a Apple fino a fondare un impero nelle impalcature.

Tra i 195 nuovi arrivati di quest’anno, alcune fortune arrivano da industrie come cibo e bevande e manifatture. Ma una manciata di nuovi miliardari ha anche capitalizzato le tendenze attuali. Forse il modo più immediato (e controverso) per diventare ricchi è la vendita di vaporizzatori alla nicotina, che è come James Monsees e Adam Bowen, co-fondatori di Juul Labs, hanno accumulato i loro miliardi di dollari.

Ma la maggior parte dei miliardari del mondo ha fatto altro. Buona parte delle fortune sono state create nel settore finanziario e degli investimenti. Quest’anno, 306 miliardari provengono da questo settore, per un 14% dei 2.153 miliardari totali della lista. Tra i membri di primo piano di quest’area figurano Warren Buffett, la terza persona più ricca del mondo e Robert Smith, il fondatore della società di private equity Vista Equity Partners. Nonostante il prezzo del Bitcoin e di altre criptovalute si sia schiantato nell’ultimo anno, Brian Armstrong, ceo e cofondatore di Coinbase, è diventato uno dei nuovi miliardari di quest’anno. Anche lo scorso anno la finanza si era classificata come l’industria con il maggior numero di miliardari, contando 310 persone. Risultato: gestire o investire il denaro di altre persone può renderti ricco.

Un altro modo in cui molte persone si sono arricchite è quello di vendere vestiti, trucco e tanto altro. L’industria della moda e del retail ha il secondo posto in questa classifica contando 230 miliardari, pari all’11% del totale. Alice, Jim e Rob Walton, eredi della fortuna di Walmart sono tra le 20 persone più ricche del mondo, insieme a Bernard Arnault del colosso di beni di lusso LVMH, al fondatore di Zara Amancio Ortega e all’ereditiera de L’Oreal, Francoise Bettencourt Meyers, che è anche la donna più ricca del mondo. I nuovi arrivati nella moda e nel retail includono Luciano Hang, che ha un valore di $ 2,2 miliardi grazie alla sua catena di grandi magazzini Havan in Brasile; Chen Tei-Fu, che gestisce con sua moglie il fornitore di prodotti erboristici e il rivenditore Sunrider; e Dani Reiss, la cui fortuna da 1,3 miliardi di dollari è legata alla sua azienda di cappotti invernali alla moda, Canada Goose.

La vendita di case o l’affitto di spazi per uffici alle aziende sono altri modi popolari per fare denaro. Il real estate è infatti al terzo posto con 223 miliardari, circa il 10% delle persone più ricche del mondo. La Cina ha il maggior numero di miliardari immobiliari: 55 contro i 46 degli Stati Uniti. Hui Ka Yan, presidente di Evergrande Group, è il più ricco magnate del mondo immobiliare con una fortuna di 38,3 miliardi di dollari. Donald Bren, proprietario della Irvine Co., con sede nel sud della California, è il più ricco magnate dell’immobiliare negli Stati Uniti con 16,4 miliardi di dollari. Ma il più famoso in questo ambito è il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il cui patrimonio netto è rimasto invariato rispetto a un anno fa a $ 3,1 miliardi. Ironia della sorte, le partecipazioni più preziose di Trump sono in due torri di uffici, una a San Francisco e una a New York, che non portano il suo nome.

Sempre più persone stanno diventando miliardari anche facendo applicazioni mobile di successo, software aziendali e altri prodotti tecnologici popolari. La tecnologia è al quarto posto con 214 miliardari tecnologici, circa il 10%, in aumento di un punto percentuale rispetto allo scorso anno. La crescita delle fortune tecnologiche è stata piuttosto lunga: il numero di miliardari che provengono dall’hi-tech e presenti nella lista di Forbes era pari solo a 42 nel 2005. Quest’anno, il 34% di tutti i nuovi arrivati all’interno della lista ha fatto fortuna nel settore, più di qualsiasi altra industria. I nuovi miliardari della tecnologia spaziano da Daniel Ek di Spotify a Pavel Baudis, il cofondatore della società di sicurezza informatica Avast. Safra Catz, il co-ceo della software house Oracle, è entrata a far parte della classifica quest’anno grazie alle sue stock options e all’1% di proprietà nella società di software fondata da Larry Ellison.

Sebbene Forbes non la segua formalmente, il divorzio può anche essere un opportunità proficua. All’inizio di quest’anno, Jeff Bezos, la persona più ricca del mondo con una fortuna di $ 131 miliardi, ha annunciato che lui e sua moglie MacKenzie si separeranno. MacKenzie potrebbe uscire dalla relazione con 65 miliardi di dollari in azioni Amazon, per quello che sarebbe probabilmente il divorzio più costoso di sempre. Sue Gross, che è stata sposata con il co-fondatore di Pimco Bill Gross fino al divorzio del 2017, è entrata nella lista dei miliardari dopo aver ottenuto circa $ 1,3 miliardi, una casa da $ 36 milioni a Laguna Beach e metà della collezione d’arte della coppia, tra cui un dipinto di Picasso.

Ecco l’elenco completo delle 10 migliori industrie in cui i miliardari hanno fatto la loro fortuna nel 2019:

1. Finance & Investments
306 miliardari
14% della lista

2. Fashion & Retail
230 miliardari
11% della lista

3. Real Estate
223 miliardari
10% della lista

4. Technology
214 miliardari
10% della lista

5. Manufacturing
188 miliardari
9% of the list

6. Diversified
188 miliardari
9% della lista

7. Food & Beverage
171 miliardari
8% della lista

8. Healthcare
135 billionaires
6% della lista

9. Energy
85 miliardari
4% della lista

10. Media & Entertainment
71 miliardari
3% della lista