Seguici su
Tecnologia 30 luglio, 2019 @ 4:30

La lente a contatto robotica è realtà: si potrà zoomare con un battito di ciglia

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
lente a contatto tech
(Shutterstock)

Non stiamo riscrivendo la trama di una serie tv: l’uomo bionico non è più un film. All’elenco sempre più vasto di strumenti robotici applicati al corpo umano oggi si aggiunge una novità davvero strabiliante: la lente a contatto ad alta tecnologia che fa lo zoom sbattendo le ciglia. È questo il risultato dello studio diffuso sulla rivista Advanced functional materials.

Le lenti a contatto del futuro hanno lo zoom integrato

Si tratta di un prototipo messo a punto dai ricercatori dell’Università della California San Diego. La lente robotica sarà controllata dai movimenti oculari. Chi la indossa, infatti, potrà ingrandire o ridurre la lunghezza focale semplicemente sbattendo le palpebre due volte.

Questo meccanismo, che ricorda molto da vicino quello della lente all’interno delle macchine fotografiche, è reso possibile dall’applicazione di una pellicola polimerica elastica che risponde ai segnali elettrici al momento generati da un impianto speciale esterno, posizionato intorno agli occhi, composto da elettrodi.

L’obiettivo dei ricercatori è però quello di far funzionare la lente robotica attraverso i segnali elettrici generati dai movimenti naturali dei nostri occhi, noti come segnali elettrooculografici. Guardando verso il basso, ad esempio, la lente robotica potrebbe mettere automaticamente a fuoco la vista su oggetti vicini, come le parole su una pagina di un libro, mentre alzando lo sguardo la lente si regolerebbe automaticamente per mettere a fuoco su una visione più ampia e lontana. La sensibilità del sistema potrebbe persino essere regolata per rilevare più battiti di ciglia, il che potrebbe potenzialmente far sì che l’obiettivo funzioni come un teleobiettivo zoom.

I ricercatori sperano che la loro invenzione possa essere utilizzata in futuro in protesi, occhiali regolabili e robotica a distanza.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!