Seguici su
Business 1 Ottobre, 2019 @ 10:15

Fenomeno Podcast: chi ci investe e dove si guadagna di più

di Matteo Rigamonti

Staff

Leggi di più dell'autore
chiudi
podcast
Studio di registrazione podcast

I podcast come occasione di business. E tra gli investitori spuntano, oltre all’automotive, assicurazioni e finanza. Secondo le stime di Magna e Iab il mercato del podcasting potrebbe sfiorare il miliardo di dollari di investimenti pubblicitari entro il 2022. Ma quali sono le categorie di podcast in cui già oggi si guadagna di più? A questa domanda ha provato a rispondere Voxnest, società attiva nel mercato del podcasting nata dalla fusione tra la piattaforma Spreaker e BlogTalkRadio nel 2018, con un report in cui specifica anche le fasce orarie migliori per pubblicare i podcast in base al contenuto.

Negli Stati Uniti, dove il mercato del podcasting è più maturo, la categoria che genera maggiori ricavi è lo sport, la cui fascia oraria prediletta dagli investitori è quella tra le 7 e le 8 del mattino oppure la sera subito dopo il prime time. Al secondo posto la cultura, dove l’adv rende di più alle 8 del mattino. Terzo posto per i podcast di storia, ma dalle 20 in poi, con picco di resa per la pubblicità alle 22. Seguono politica intorno alle 17 e comedy alle 7 del mattino.

Sport e cultura occupano le prime due posizioni anche in Europa, dove nello sport il calcio è al centro degli interessi con le 9 di mattina come orario migliore per la resa dell’adv. Il picco per la cultura si realizza, invece, intorno alle 21-22 di sera. Al terzo posto c’è la tecnologia, meglio se alle 8 del mattino; seguono comedy nel pre-lunch a mezzogiorno e storia dove è bene pianificare adv alle 8 del mattino.

podcast eu
I podcast che rendono di più in Europa (Fonte: Voxnest)

Ma quanto si guadagna con un podcast? Secondo lo studio di Voxnest, società che offre oltre alle piattaforme anche soluzioni per monetizzare i contenuti voice, un podcaster con uno show di sport che funziona può arrivare a guadagnare fino a 1.500 dollari al mese o poco più, 800-1.000 dollari in media per chi sceglie cultura, storia, politica e comedy.

Chi invece investe di più in pubblicità sui podcast è l’automotive che, rende noto Voxnest, pianifica trasversalmente a ogni categoria. Seguono, in Europa, i colossi della gdo, dell’arredo fai da te, le assicurazioni e il comparto della finanza. Negli Stati Uniti, stesso discorso per l’automotive, seguita dai colossi mondiali delle tlc, franchise in ambito food, assicurazioni, trasporti e anche realtà legate al turismo e al sociale.

“L’istantanea di Voxnest sullo stato dell’arte delle categorie di podcast in cui si guadagna di più permette di osservare un mercato che potrebbe risultare interessante anche per altri inserzionisti”, afferma Tonia Maffeo, head of marketing di Voxnest. “In un futuro molto vicino, potremmo arrivare a trovarci davanti a uno scenario simile a quello cui si assiste nel mercato televisivo, in cui gli investimenti vengono fatti anche e soprattutto in base alle fasce orarie di ascolto”.

Quanto ai contenuti più ascoltati in podcast, Voxnest aveva già pubblicato uno studio secondo cui, in Europa, al primo posto nelle categorie più ascoltate ci sono i podcast legati al tema business seguiti da cultura, psicologia, storia e, infine, educazione. Mentre negli Stati Uniti il tema più ascoltato in podcast è la religione, seguita da cultura, sport, storia e infine notizie e informazioni.

podcast usa
I podcast che rendono di più negli Usa (Fonte: Voxnest)

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!