Seguici su
Business 17 Luglio, 2020 @ 4:04

Michelle Obama inaugura un podcast su Spotify: ecco chi saranno gli ospiti della prima stagione

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Michelle Obama
Michelle Obama (Shutterstock)

Debutta mercoledì 29 luglio il podcast di Michelle Obama su Spotify. Ad annunciarlo nel trailer pubblicato sulla piattaforma e sui suoi canali social l’ex first lady in prima persona.

Realizzato dalla casa di produzione Higher Ground Production, fondata due anni fa da Michelle insieme al marito Barak Obama, il podcast si intitola semplicemente The Michelle Obama Podcast.

Nella prima stagione Michelle Obama dialogherà con persone importanti nella sua vita, come la madre, il fratello, amici, mentori e colleghi di lavoro.

I temi di cui si parlerà spaziano dalla sfera personale, come l’essere madre e sposa, all’attualità che riguarda tutti, comprese tematiche come la pandemia e la questione razziale che sconvolge l’America.

L’auspicio espresso da Michelle Obama nel trailer è che il suo podcast possa svelare l’importanza dei “rapporti che ci rendono le persone che siamo” e diventare così un “luogo” dove “porre domande”, “aprirsi” ed “essere un po’ vulnerabili”, ma anche “divertirsi”, sempre promuovendo e stimolando il confronto.

Come precisa Forbes, tra gli ospiti della prima stagione ci saranno: Marian e Craig Robinson, rispettivamente mamma e fratello di Michelle Obama; il conduttore tv Conan O’Brien; Valerie Jarrett, già consigliera di Obama durante la presidenza; la giornalista Michele Norris; la dottoressa Sharon Malone, moglie di Eric Holder, che è stato procuratore generale durante la presidenza Obama.

La Higher Ground Production ha prodotto e pubblicato in collaborazione con Netflix, nel 2019, American Factory; titolo con il quale la casa di produzione degli Obama ha vinto l’Academy Award come miglior documentario. Quest’anno, sempre su Netflix, è stato pubblicato invece Becoming, tratto dal tour di presentazione dell’autobiografia di Michelle Obama.

Lifestyle 22 Giugno, 2020 @ 4:51

Kim Kardashian lancia con Spotify un podcast sulla giustizia americana

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda, viaggi, arte e nuove tendenze.Leggi di più dell'autore
chiudi

Dopo la moda (recente il lancio del brand di intimo modellante Skims), il nuovo passatempo di Kim Kardashian West è diventare avvocato. Per questo, con l’intento di farlo sapere a tutto il mondo, l’imprenditrice statunitense da 176 milioni di follower su Instagram ha firmato un accordo con Spotify per la produzione di un podcast di cui  lei stessa sarà conduttrice. Il nuovo progetto audio parlerà del sistema di giustizia americano e sarà distribuito dalla Parcast, una casa di produzione specializzata in programmi sul crimine, fondata da Max Cutler, che Spotify ha acquistato lo scorso anno. In particolare, al centro del nuovo progetto ci sarà il caso di Kevin Keith, condannato nel 1994 alla pena di morte e ancora in attesa di giudizio.

L’interesse della consorte di Kanye West per il mondo della giustizia risale al 2018 quando ha deciso di iscriversi all’Università, completando a gennaio il suo primo anno di studi. E tutti ricorderanno quando si è esposta in prima persona per salvare Alice Marie Johnson, una donna afroamericana condannata all’ergastolo per traffico di droga. Nel frattempo, Kim ha preso parte al documentario Kim Kardashian West: The Justice Project dove prova a scagionare gli ergastolani vittime del sistema legale americano. E finora ci è anche riuscita, tanto da far sembrare la laurea un semplice pezzo di carta (in California l’apprendistato può sostituire la scuola di legge): pochi giorni fa, con una semplice story su Instagram, Kim Kardashian ha salvato dalla pena di morte Ruben Gutierrez, condannato per l’omicidio di una signora di 85 anni.

Business 20 Maggio, 2020 @ 4:13

Il podcaster numero uno al mondo ora è sotto contratto con Spotify

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Joe Rogan
Joe Rogan (Photo by Alex Trautwig/Getty Images)

Articolo di Ariel Shapiro per Forbes.com

Spotify ha fatto segnare la sua più grande vittoria nel podcasting. Il campione svedese della musica in streaming ha infatti annunciato martedì la firma di un accordo esclusivo con il comico e commentatore Joe Rogan, che è il podcaster numero uno al mondo.

Un affare per Rogan che aveva mantenuto finora il suo podcast, The Joe Rogan Experience, indipendente da quando l’ha lanciato nel 2009. Rogan manterrà la proprietà e il pieno controllo editoriale dello show, che sarà disponibile su Spotify a partire da settembre ed entro fine anno diventerà un’esclusiva della piattaforma. La versione video del podcast, che attualmente va in onda su YouTube, sarà disponibile anch’essa in esclusiva su Spotify.

Il podcast si è evoluto in una macchina da soldi per Rogan, che era conosciuto soprattutto come conduttore di Fear Factor e per le sue interpretazioni in sitcom quali Newsradio prima del debutto di The Joe Rogan Experience. Secondo quanto afferma egli stesso il suo podcast conta 190 milioni di download al mese. Tra ricavi da pubblicità, dirette e distribuzione su YouTube, il podcast ha fruttato 30 milioni di dollari l’anno scorso, facendo di Rogan il podcaster più pagato del 2019 secondo Forbes.

Grazie a questo nuovo accordo, i guadagni futuri di Rogan potrebbero far impallidire quella cifra. I termini dell’accordo non sono stati resi noti, ma secondo il Wall Street Journal il valore complessivo è superiore ai 100 milioni di dollari. In linea con quanto Spotify sta sborsando per portare grandi nomi nel business del podcasting. Per The Ringer di Bill Simmons Spotify ha già messo sul piatto 155 milioni di dollari (più altri 51 milioni a breve) e 194 milioni di dollari ha speso per Gimlet di Alex Blumberg e Matt Lieber. L’accordo con Rogan mira anche a convertire il suo imponente seguito di fan in nuovi abbonati alla piattaforma. E il denaro potrebbe rappresentare per Rogan un buon motivo per non rinunciare.

“Un colpo alla Howard Stern”, ha commentato un esperto dell’industria dell’entertainment e del podcasting che ritiene l’accordo con Rogan possa rappresentare per Spotify ciò che lo show di Stern è stato per la web radio Sirius XM. Stern, secondo Forbes, ha guadagnato 93 milioni di dollari nel 2019.

Intanto le azioni di Spotify sono schizzate con l’annuncio dell’accordo chiudendo a +8,4% martedì e portando un incremento pari a 1 miliardo di dollari al valore di mercato della società. Il suo fondatore, Daniel Ek, ha un patrimonio di 2,8 miliardi di dollari ed è ora più ricco di 86 milioni di dollari rispetto a prima dell’annuncio di Rogan.

Business 27 Febbraio, 2020 @ 9:51

Sempre più italiani ascoltano podcast. Ecco quanto è cresciuto il mercato in un anno

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Podcasting: studio di registrazione podcast
Studio registrazione podcast (Foto di Joe007 da Pixabay)

Cresce il fenomeno dei podcast anche in Italia. Secondo Voxnest, società attiva nel mercato del podcasting nata dalla fusione tra la piattaforma Spreaker (che rimane uno dei suoi prodotti di punta) e BlogTalkRadio, nel corso del 2019 l’ascolto quotidiano di podcast in lingua italiana è triplicato passando dai 60 mila di inizio anno ai 160 mila di novembre e la crescita è proseguita.

L’Associazione Italiana Editori, inoltre, registra che, nel giro di 5 anni la fruizione di podcast è passata dall’8% del 2014 al 17% del 2019. Senza dimenticare che quanti già dispongono di uno smart spaker in casa o al lavoro ascoltano contenuti audio fino a 4 ore al giorno. E anche Spotify ha visto l’aumento in un anno dell’ascolto dei podcast sul proprio catalogo del 200%.

“In questo momento in Italia la ‘podcast industry’ sta letteralmente esplodendo, per cui tutto quello che ruota attorno ai podcast si sta muovendo alla velocità della luce”, è il commento di Tonia Maffeo, head of Marketing Voxnest in una nota in cui vengono citati esempi di editori italiani che hanno investito nel podcasting, tra i quali è menzionata anche BFC Media per i podcast di Forbes Italia The Fool con Matteo Flora e 0.0 con Oscar di Montigny.

“Esistono realtà che hanno già lanciato dei prodotti molto interessanti”, spiega Maffeo, e “altre che si stanno affacciando adesso e che vanno accompagnate in tutte le fasi del processo, dall’ideazione alla monetizzazione di un podcast, ed è proprio questo il nostro lavoro. Ci piace supportare lo sviluppo dei progetti dei nostri clienti per renderli protagonisti di quella che, qui in Italia, è a tutti gli effetti una vera e propria ‘podcast revolution’”.

Podcast 2 Gennaio, 2020 @ 2:58

Compito delle aziende è promuovere il cambiamento – PODCAST

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

È dedicato all’importanza dell’educazione per lo sviluppo di un Paese il nuovo episodio di 0.0, il podcast che Oscar di Montigny realizza per Forbes Italia. “L’educazione è un’istanza che ci riguarda tutti”, spiega di Montigny citando il suo mentore Patrizio Paoletti quando dice che “ogni uomo è un educatore”.

In Italia, però, prosegue di Montigny “si è persa la consapevolezza di quanto l’istruzione incida e determini lo sviluppo del Paese” compresa “quella classica e umanistica che è l’artefice dell’allargamento dei propri orizzonti di pensiero e della capacità di comprensione della realtà”.

Secondo Di Montigny, in attesa che “la politica si adegui” non resta che la “responsabilità dei singoli individui”, anche per promuovere virtù come la “creatività e capacità di astrarre” da sempre al cuore dell’originalità italiana.

Sono in particolare “le aziende contemporanee ad avere il compito di diventare motore del cambiamento e di una nuova etica laica”. Così che, conclude, possano promuovere una approccio “coopetitivo al business”.

Ascolta 0.0, il podcast di Oscar di Montigny, su Forbes.it nella sezione dedicata ai podcast, ma anche su Spreaker, Spotify, Apple Podcast e Google Podcast.

 

Tutti gli episodi di Forbes 0.0:

 

Podcast 16 Dicembre, 2019 @ 3:00

5 consigli su come combattere l’insoddisfazione al lavoro – PODCAST

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

È possibile combattere l’insoddisfazione per conseguire la felicità? A offire qualche spunto è Roberto D’Incau, founder e ceo di Lang&Partners, nell’ultima puntata di Job Trends, il podcast di Forbes Italia dedicato al mondo del lavoro. Innanzitutto tre suggerimenti: “mai porre l’asticella dei propri obiettivi troppo in alto”, “quando si è felici farci caso”, “evitare di autocompiacersi nell’insoddisfazione, è una trappola terribile”. Due sono invece i rischi da cui guardarsi: “l’immobilismo totale di chi fa tutto sempre allo stesso modo, così come passare di fiore in fiore, cambiare insomma in continuazione”.

Ascolta Job Trends, il podcast di Roberto D’Incau, su Forbes.it nella sezione dedicata ai podcast, ma anche su Spreaker, Spotify, Apple Podcast e Google Podcast.

 

Tutte le puntate di Forbes Job Trends:

 

Podcast 10 Dicembre, 2019 @ 3:00

Come impostare un piano editoriale per una reputazione online di successo – PODCAST

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Come impostare un piano editoriale personale online? Che cosa pubblicare sui propri profili social e con quale frequenza? Quanti contenuti originali postare e quanti prodotti da altri rilanciarne? A parlarne è Matteo Flora nel sesto episodio di The Fool, il podcast prodotto per Forbes Italia, in cui spiega “come ottenere la massima resa con il minor sforzo” per raggiungere un buon mix di “posizionamento” e “riconoscibilità”. Al fine di essere condivisi e potenzialmente diventare virali. Tutti aspetti che saranno ulteriormente approfonditi nelle prossime puntate.

Ascolta The Fool, il podcast di Matteo Flora, su Forbes.it nella sezione dedicata ai podcast, ma anche su Spreaker, Spotify, Apple Podcast e Google Podcast.

 

Tutti gli episodi di Forbes The Fool:

 

Podcast 5 Dicembre, 2019 @ 3:00

Educazione e cultura al servizio di tecnologie digitali a misura d’uomo – PODCAST

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Il potenziale della tecnologia digitale è contribuire a “liberare l’uomo”, motivo per cui è fondamentale riconoscere, nell’era della trasformazione digitale, la “centralità dell’essere umano”. A ricordarlo, anche a chi vede nei social media e nell’algoritmo gli strumenti al servizio di un presunto “capitalismo digitale in grado di manipolare le coscienze”, è Oscar di Montigny nel nuovo episodio di 0.0, il podcast che realizza con Forbes Italia. Ma come “restituire centralità all’essere umano”? “Occorre saper creare cultura attorno alla tecnologia – aggiunge Di Montigny – e insieme avviare un processo di alfabetizzazione tecnologica a tutti i livelli della cittadinanza e a qualsiasi età”.

Ascolta 0.0, il podcast di Oscar di Montigny, su Forbes.it nella sezione dedicata ai podcast, ma anche su Spreaker, Spotify, Apple Podcast e Google Podcast.

 

Tutti gli episodi di Forbes 0.0:

 

Podcast 28 Novembre, 2019 @ 3:00

La soluzione per superare il digital divide – PODCAST

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

“Il mercato digitale in Italia quest’anno crescerà del 2,5% per arrivare a un volume totale di 72,2 miliardi di euro” e “nel 2022 il lavoro delle macchine crescerà dall’attuale 29% al 58%”. Così Oscar di Montigny nel quarto episodio di 0.0, il suo podcast per Forbes Italia. Come prepararsi a un simile scenario? Secondo di Montigny “è la formazione permanente, continua (cosiddetta lifelong learning), il miglior investimento da fare su stessi e all’interno di qualsiasi forma di associazionismo tra persone, prime tra tutte le aziende”. Perché è “solo con misure che coinvolgano dalla scuola dell’obbligo alle università, dagli istituti tecnici professionali alle aziende, che l’Italia riuscirà ad esorcizzare la minaccia che la tecnologia possa ampliare le disuguaglianze anziché ridurle”.

Ascolta 0.0, il podcast di Oscar di Montigny, su Forbes.it nella sezione dedicata ai podcast, ma anche su Spreaker, Spotify, Apple Podcast e Google Podcast.

 

Tutti gli episodi di Forbes 0.0:

 

Podcast 21 Novembre, 2019 @ 3:00

Perché non possiamo ridurre la sostenibilità alla sola lotta contro la plastica

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

La sostenibilità è un tema che non possiamo ridurre alla questione ambientale così come non si può ridurre la questione ambientale al discorso sulla plastica. Così Oscar di Montigny nella terza puntata di 0.0, il podcast che realizza per Forbes.it: sarebbe un “errore madornale”, secondo di Montigny, e significherebbe “banalizzare un tema complesso che contiene anche argomenti come la lotta per la parità di genere, la lotta alla povertà, di qualsiasi natura essa sia, alla fame, alla disuguaglianza, il diritto alla salute, al cibo e all’acqua”.

Secondo di Montigny, inoltre, quello che stiamo vivendo è un “momento storico fantastico per realizzare il cambiamento necessario a garantirci un futuro di prosperità” perché “gli incontri generazionali tra differenti stili di vita, di comportamento e schemi valoriali sono un’occasione straordinaria per operare quel cambio di paradigma che occorre per immaginare un sistema diverso rispetto a quello ora noto, sistema completamente sbilanciato, dove metà della popolazione del pianeta ha perso fiducia e speranza”.

Puoi ascoltare 0.0, il podcast di Oscar di Montigny su Forbes.it nella sezione dedicata ai podcast, ma anche su Spreaker, Spotify, Apple Podcast e Google Podcast.

 

Tutti gli episodi di Forbes 0.0: