Il nuovo ristorante di Jacquemus è un autentico rifugio mediterraneo, a Parigi

Oursin, il nuovo ristorante di Jacquemus
Share
Oursin, il nuovo ristorante di Jacquemus

Il ricordo è quello delle passate serate estive che vorremmo interminabili, trascorse su una terrazza o sorseggiando un cocktail a base di limone e profumo di mare. Grazie allo stilista Simon Porte Jacquemus, l’estate non è ancora finita. E così, dopo il recente opening del café Citron al secondo piano delle Galeries Lafayette des Champs-Élysées, un vero e proprio angolo di Provenza nel cuore di Parigi, il designer francese ha inaugurato il ristorante Oursin: arredi fortemente mediterranei, curati da Simon Porte a quattro mani con Clara Cornet, direttore creativo delle Galeries Lafayette Champs-Elysées.

Pareti ricoperte di calce, scavate da tante piccole nicchie dove ci sono prodotti artigianali collezionati da Simon Porte, una vite rampicante, morbide panche e sedie in rattan intrecciato a mano, tutto descrive l’estetica precisa e inconfondibile del designer, che a soli 18 anni ha lasciato il sud della Francia per recarsi a Parigi a studiare moda.

    Les artichauts poivrades frits - @Valerie Lhomme
    Le rouget en escabäche - @Valerie Lhomme
    @Yoann et Marco
    Le poulpe grille - @Valerie Lhomme
    Les haricots verts et haricots beurre en salade - @Valerie Lhomme
    Les pàches blanches au sirop de verveine - @Valerie Lhomme
    Le mulet noir cru - @Valerie Lhomme
    Les couteaux au vin blanc - @Valerie Lhomme
    Les courgettes marinÇes - @Valerie Lhomme
    La ganache chocolat noir - @Valerie Lhomme
    La salade de homard - @Valerie Lhomme

In cucina, i prodotti portano la firma di Caviar Kaspia Group (in partnership anche per Citron), famoso per il suo oro nero, che riunisce alcune delle più sofisticate eccellenze culinarie in Belgio, Francia, Italia, Thailandia e Gran Bretagna. Il menù a base di pesce, poi, è a cura dello chef Erica Archambault e spazia dalla Sicilia alla Grecia per tornare all’adorata Côte d’Azur.

Tra le prelibatezze che si possono gustare nel nuovo place to be parigino ci sono alcuni piatti tipici della cucina mediterranea come linguine alle vongole, ricci di mare, rombo arrostito, pane fatto in casa al nero di seppia. E poi i dolci: pesche bianche cotte in uno sciroppo con verbena, fichi e more servite con un gelato al miele, ganache al cioccolato, mirtilli selvatici…Marie Antoinette non avrebbe battuto ciglio.