Seguici su
Leader 19 Dicembre, 2019 @ 11:19

I numeri uno usciti di scena nel 2019

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

di Vicky Valet per Forbes.com

In un momento in cui quasi il 40% degli amministratori delegati di società a grande capitalizzazione sopravvivono al timone da non più di uno a cinque anni, ci si aspetta una certa quantità di cambi di poltrona. Ma ciò non rende il tasso di turnover dei ceo nel 2019 meno sconcertante o significativo. A novembre, 1.480 amministratori delegati avevano lasciato le loro cariche, con un aumento del 12% da inizio anno e del 9% rispetto allo stesso mese del 2008, l’ultima volta che il record era stato registrato. Di seguito, ci sono le uscite più importanti, a nostro giudizio, disposte in ordine cronologico secondo i mesi in cui sono state annunciate.

Gennaio, Geisha Williams (ceo di PG&E)
Dopo 22 mesi al timone di PG&E, Geisha Williams ha lasciato il suo posto il 13 gennaio. La sua decisione è arrivata quando la compagnia elettrica californiana ha registrato circa 30 miliardi di dollari potenziali di passivo come conseguenza di circa 17 grandi incendi dal 2017.

Altri cambi di poltrona degni di nota: Jesse Angelo e Richard Goudis, ceo del New York Post ed Herbalife

Febbraio, Spencer Rascoff (ceo di Zillow)
Quasi 15 anni dopo il lancio di Zillow, Spencer Rascoff ha rassegnato le dimissioni il 21 febbraio. Il suo addio è avvenuto in un momento di tumultuosa trasformazione: la piattaforma aveva cercato di evolversi dal settore degli annunci immobiliari ma le azioni erano crollate di oltre il 25% anno su anno. Il suo cofondatore è stato scelto per sostituirlo.

Altri cambi di poltrona degni di nota: Lisa Borders, Ian Cook e Richard Plepler, ceo di Time’s Up, Colgate-Palmolive ed HBO.

Marzo, Timothy Sloan (ceo di Wells Fargo)
Meno di tre anni dopo essere stato nominato amministratore delegato di Wells Fargo, Timothy Sloan si è dimesso improvvisamente il 28 marzo. Veterano da 31 anni dell’istituto finanziario, gli era stato assegnato un compito impossibile, ripristinando la reputazione della banca dopo che i regolatori federali avevano scoperto che i dipendenti, sotto pressione per rispettare le quote di vendita, avevano presentato richieste per 565mila carte di credito e aperto 1,5 milioni di conti bancari senza il consenso dei clienti nel corso di cinque anni.

Altri cambi di poltrona degni di nota: Scott Key, Jerry Stritzke e Kevin Tsujihara, ceo di David’s Bridal, REI e Warner Bros

Aprile, Bernardo Hees (ceo di Kraft Heinz)
Il 22 aprile, Bernardo Hees, numero uno di Kraft Heinz, ha dato un preavviso di due mesi al conglomerato alimentare che lotta per soddisfare i mutevoli gusti dei consumatori. Era stato al timone per sei anni. Nell’anno precedente, le azioni della società erano crollate del 45% e a febbraio aveva ridotto il dividendo del 36% e il valore dei suoi marchi più grandi, Kraft e Oscar Mayer, di $ 15,4 miliardi.

Altri cambi di poltrona degni di nota: Brad Dickerson, Hubert Joly e Steven Kandarian, ceo di Blue Apron e MetLife

Maggio, Steven Temares (ceo di Bed, Bath & Beyond)
Dopo mesi di pressioni da parte degli investitori che avevano spinto a far estromettere lui e il suo intero consiglio di amministrazione, Steven Tamares ha concluso il suo mandato di 16 anni come ceo di Bed, Bath & Beyond il 13 maggio. La catena ha cercato di competere con colossi del calibro di Amazon e Walmart negli ultimi anni, laddove le sue vendite sono cresciute solo dell’1,1% nel 2018 e le sue azioni sono scese dell’80% dal 2015.

Altri cambi di poltrona degni di nota: Robert Dickey, ceo di Gannett 

Giugno, Steve Nelson (ceo di UnitedHealthcare)
Steve Nelson, ceo di UnitedHealthcare, ha annunciato il suo ritiro il 28 giugno. Aveva trascorso 15 anni presso l’azienda, solo gli ultimi due nell’ufficio d’angolo, supervisionando l’attività assicurativa commerciale e finanziata dal governo.

Luglio, Bjørn Kjos (ceo di Norwegian Air)
Ventisei anni dopo la fondazione di Norwegian Air, Bjørn Kjos si è ritirato l’11 luglio. L’ex pilota di caccia aveva avviato una piccola compagnia aerea scandinava e l’aveva trasformata in uno dei più grandi vettori europei, ma non senza costi: il business oggi comprende $ 380 milioni di debito.

Altri cambi di poltrona degni di nota: Ralph Scozzafava, ceo di Dean Foods

Agosto, John Flint (ceo di HSBC)
Quando John Flint fu scelto per dirigere HSBC, il consiglio di amministrazione lo considerò una scelta sicura, ma 18 mesi dopo, il 5 agosto, fu licenziato, apparentemente per lo stesso motivo. In una presentazione agli investitori quel giorno, il presidente Mark Tucker ha dichiarato: “Nell’ambiente globale sempre più complesso e stimolante in cui opera la banca, il consiglio di amministrazione ritiene che sia necessario un cambiamento per sfruttare al meglio le opportunità significative che ci attendono”.

Altri cambi di poltrona degni di nota: Patrick Byrne, Rupert Hogg, Sheila Lirio Marcelo, John Standley e Dio Weisler, ceo di Overstock.com, Cathay Pacific, Care.com, Rite Aid ed HP.

Settembre, Adam Neumann (ceo di WeWork)
Il percorso per la quotazione in bors ha segnato l’inizio della fine per il ceo di WeWork, Adam Neumann, dal momento che l’S-1 della società ha rivelato, tra l’altro, miliardi di perdite risalenti al 2016, per non parlare del fatto che aveva registrato il marchio “We” e LO AVEVA venduto alla sua società per $ 5,9 milioni. Sei settimane dopo, il 24 settembre, era fuori dall’azienda che aveva fondato nove anni prima.

Altri cambi di poltrona degni di nota: Kevin Burns, Jeff Cain, Hiroto Saikawa e Devin Wenig, ceo di Juul, CrossFit, Nissan ed eBay

Ottobre, Kevin Plank (ceo di Under Armour)
Il 22 ottobre Kevin Plank ha annunciato che avrebbe rassegnato le dimissioni da amministratore delegato di Under Armour alla fine del 2019. Da quando ha fondato la società nel 1996, il suo era diventato un marchio da $ 5 miliardi, ma la crescita era rallentata di recente: Under Armour ha riportato la sua prima perdita trimestrale nel 2017. E nel frattempo, i resoconti di una cultura aziendale tossica, consentendo visite dello strip club a spese dell’azienda, avevano offuscato la sua immagine.

Altri cambi di poltrona degni di nota: Bill McDermott e Mark Parker, ceo di SAP e Nike

Novembre, Steve Easterbrook (ceo di McDonald)
Steve Easterbrook è stato licenziato come ceo di McDonald dopo che un’indagine interna ha rivelato che aveva violato una politica aziendale intrattenendo una relazione consensuale con una dipendente. Da quando è salito al timone nel 2015, aveva stretto collaborazioni con Uber Eats e DoorDash e aveva investito centinaia di milioni nell’ acquisizione di startup tecnologiche, raddoppiando il prezzo delle azioni del gigante del fast food.

Altri cambi di poltrona degni di nota: Samuel Allen, John Legere, Art Peck, Tricia Stitzel e Melanie Whelan, ceo di John Deere, T-Mobile, Gap, Tupperware e SoulCycle

Dicembre, Larry Page (ceo di Alphabet)
In una lettera aperta pubblicata il 3 dicembre, il ceo di Alphabet Larry Page — e il presidente Sergey Brin, con cui aveva co-fondato Google nel 2008 e la sua società madre nel 2015 — hanno annunciato la sua uscita, scrivendo: “Se la società fosse una persona, sarebbe un giovane adulto di 21 anni e sarebbe arrivato per lui il momento di lasciare il comando; crediamo che sia tempo di assumere ora il ruolo di genitori orgogliosi”. Il suo addio arriva in un momento turbolento, in quanto il titano della tecnologia si trova al centro di un’indagine antitrust e un momento di caos interno tra i dipendenti, il cui sciopero più recente è stato causato dalle ferie amministrative forzate su due lavoratori attivisti.

Altri cambi di poltrona degni di nota: Greg Creed, Steph Korey Oscar Munoz e Mark Okerstrom, ceo di Yum! Brands, Away, United Airlines ed Expedia

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!