Seguici su
Business 23 Marzo, 2020 @ 4:13

Richard Branson destinerà 250 milioni di sterline ai lavoratori di Virgin Group

di Simona Politini

Staff

Leggi di più dell'autore
chiudi
Richard Branson, fondatore di Virgin Group
Sir Richard Branson looks on during a media conference at Perth Airport on May 7, 2013 in Perth, Australia. (Photo by Paul Kane/Getty Images)

Le nostre persone saranno sempre la mia priorità”. Sono queste le parole del miliardario inglese, Sir Richard Branson, fondatore di Virgin Group. Chiaro e diretto come nel suo stile, in un lungo post pubblicato sul proprio blog, Branson si impegna a destinare 250 milioni di sterline nelle prossime settimane e mesi per supportare i lavoratori del gruppo in quella che lui stesso definisce “la più importante crisi che il mondo abbia vissuto durante la mia vita”.

È facile comprendere come la crisi economica generata dalla diffusione del coronavirus stia pesantemente colpendo le aziende a marchio Virgin per lo più attive in settori quali viaggi, tempo libero e benessere, aziende che danno lavoro a oltre 70.000 persone in 35 paesi. “Le nostre compagnie aeree – scrive Branson – hanno dovuto mettere a terra quasi tutti i loro aerei; la nostra compagnia di crociera ha dovuto posticipare il suo lancio; i nostri centri benessere e alberghi hanno dovuto chiudere le loro porte e tutte le prenotazioni per la nostra società organizzatrice di vacanze si sono fermate”.

Ma questa immissione di liquidità è solo l’inizio, assicura Richard Branson, che prosegue: “Stiamo anche ascoltando i membri del nostro team in tutto il mondo per vedere quali altre cose possiamo fare per sostenere loro, le loro famiglie e l’intera comunità e lanceremo una serie di programmi nei prossimi mesi”. Certo, tutto dipenderà anche dall’efficacia delle politiche economiche a sostegno delle persone che verranno messe in atto dai governi di tutto il mondo, ci tiene a precisare l’imprenditore.

Branson approfitta anche dell’occasione per elogiare pubblicamente i propri dipendenti che definisce “incredible” e che, ricorda “praticamente all’unanimità hanno deciso che si sarebbero offerti volontariamente di prendere un congedo non pagato per otto settimane nei sei mesi e mezzo successivi, al fine di limitare le difficoltà finanziarie per tutti, garantire la sopravvivenza futura della compagnia aerea e cercare di proteggere il lavoro di tutti”.

La comunicazione si conclude con un auspicio e con un sincero ringraziamento verso “i veri eroi” impegnati in prima linea nella lotta contro il virus: “Sono un ottimista. Credo nel potere delle persone che lavorano insieme per superare le sfide. E credo che la famiglia Virgin, lavorando con le comunità di tutto il mondo, attraverserà questi tempi più difficili”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!