Seguici su
Business 27 Aprile, 2020 @ 5:15

Come il Covid ha rilanciato un’azienda americana con più di 200 anni di storia

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Confezioni di farina King Arthur (Shutterstock)

Articolo di Chloe Sorvino apparso su Forbes.com

Gli affari vanno a gonfie vele per la più antica azienda americana di farina.

King Arthur ha visto la domanda di farina impennarsi di quasi il triplo a marzo, quando il Paese in blocco si è dedicato alla produzione di pane e altri prodotti da forno per passare il tempo.

“Sembra di essere tornati ad anni fa, anche sono passate solo poche settimane”, afferma Karen Colberg, co-ceo di King Arthur. “Abbiamo iniziato a lavorare con i nostri partner che si occupano della macinatura del grano per accelerare la produzione in sicurezza. Abbiamo chiesto quanto velocemente sarebbe stato possibile passare a una capacità operativa di 24 ore su 24″.

L’escalation ha lo scopo di portare milioni di chili di nuova farina nei negozi di tutto il Paese nelle prossime settimane, poiché i consumatori ritengono che alcuni tipi di farina scarseggino, tra cui la farina multiuso di King Arthur. La società, fondata 230 anni fa, ha venduto circa 6,1 milioni di sacchi di farina multiuso a marzo, con un aumento del 268% rispetto all’anno precedente.

King Arthur produce la marca di farina per pane ad alto contenuto proteico più venduta nel Paese, il doppio della quota del suo concorrente più vicino, Gold Medal, e ha visto aumentare le vendite del 287% nello stesso periodo per quasi un milione di sacchi. A settembre e ottobre, il periodo più intenso dell’anno nel quale si sono registrate il maggior numero di cotture da forno, l’azienda ha venduto un totale di 550.000 sacchi su tutti i suoi canali.

King Arthur è stato in grado di far fronte all’impennata iniziale a causa dell’inventario extra che aveva realizzato per Pasqua, la sua seconda stagione più impegnativa, ma quest’anno ha visto gli ordini continuare ben oltre le vacanze di metà aprile.

“Ci si sta dedicando alla macinazione e al confezionamento per poi farsi strada dai magazzini verso gli scaffali dei negozi di alimentari che rappresenta una tessera abbastanza complessa del puzzle”, afferma Colberg, che è entrato a far parte dell’azienda nel 2005.

Fondata nel 1790, King Arthur ha generato vendite per 150 milioni di dollari grazie al lavoro di acquisto di farina da mugnai in tutto il Paese e di vendita in sacchi da cinque libbre nei supermercati. Recentemente era diventato un business complesso , con i prezzi globali del grano in costante calo negli ultimi cinque anni, mentre i gusti hanno abbracciato farine alternative e diete prive di cereali. Poiché ha sostenuto l’uso di farine sbiancate e senza bromati (sostanze chimiche che migliorano la crescita del grano ma che sono state collegate al cancro), le confezioni di King Arthur costano in genere il 25% in più rispetto alla più tradizionale Gold Medal.

Colberg afferma che King Arthur normalmente si aspetta che la cottura al forno diminuisca ampiamente nei mesi estivi, ma ora prevede che la domanda possa rimanere elevata a lungo termine.

“Non sapevamo per quanto tempo le persone avrebbero fatto scorta”, afferma Colberg. “Quello che stiamo vedendo ora è che sta diventando un hobby per molte persone. È davvero diventato il nostro passatempo nazionale. “

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!