Seguici su
Investimenti 28 Aprile, 2020 @ 4:01

Tesla rimbalza in Borsa, così per Musk si avvicina un maxi-bonus da 600 milioni $

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
elon musk ceo tesla
Elon Musk (Getty Images)

Articolo di Alan Ohnsman apparso su Forbes.com

Elon Musk ha realizzato cose straordinarie e inaspettate con Tesla negli ultimi 16 anni, ossia da quando la compagnia di auto elettriche ha debuttato con il suo primo prototipo.  Aggiungete all’elenco la probabilità che l’imprenditore miliardario si sta avvicinando a centrare gli ultimi requisiti per aggiudicarsi un bonus in azioni del valore di circa 600 milioni di dollari, o anche di più, in un periodo che si preannuncia come il peggior crollo economico dalla Grande Depressione.

Sei settimane fa, con gli indici azionari statunitensi e le azioni Tesla in calo a causa dei timori crescenti per la pandemia da COVID-19, le probabilità che Elon Musk potesse raggiungere la prima tranche del suo pacchetto di bonus da 55 miliardi di dollari sembrava ormai essersi affievolita.

Tuttavia, Forbes ora stima che, grazie al rimbalzo del 100% del titolo rispetto al recente minimo del 18 marzo, Tesla sia sulla buona strada per raggiungere una capitalizzazione media di mercato su un arco temporale di sei mesi (e anche nei soli ultimi trenta giorni), di 100 miliardi di dollari all’inizio di maggio.

Quando queste due condizioni si dovessero verificare contemporaneamente, il consiglio di amministrazione della società assegnerebbe a Elon Musk 1,69 milioni di azioni Tesla che, considerando un prezzo di esercizio di 350,02 dollari per azione, avrebbero un valore netto di almeno 600 milioni di dollari. Dal 18 marzo il rimbalzo di Tesla ha superato di gran lunga l’incremento del 18% dell’S&P500 e l’aumento del 30% di General Motors.

Il bonus di Elon Musk è il “pagamento più audace nella storia Tesla”

Il pacchetto di compensazione previsto per Musk si protrarrà fino al 2028 ed è stato presentato più di due anni fa, molto prima dell’attuale crisi sanitaria. A gennaio del 2018, il New York Times lo ha definito il “piano di pagamento più audace nella storia dell’azienda”. Non si pensa mai in piccolo, tant’è che Musk ha dichiarato al giornale: “In realtà vedo il potenziale per Tesla di diventare una compagnia da migliaia di miliardi di dollari in un periodo di 10 anni”.

Certamente, il tempismo del bonus è imbarazzante. Per il ceo e co-fondatore sudafricano di Tesla, con un patrimonio che al 27 aprile Forbes stima in 40 miliardi di dollari infatti, potrebbe trasformarsi nel giorno di maggior soddisfazione economica della sua vita, in un momento di turbolenza economica caratterizzato anche dalla perdita di tanti posti di lavoro negli Usa e nelle principali economie sviluppate.

Per fare un esempio, nelle ultime sei settimane oltre 26 milioni di americani hanno presentato richiesta per sussidi di disoccupazione. A questo va aggiunto il fatto che il lockdown imposto per il coronavirus sta spingendo verso la recessione, in concomitanza col fatto che la spesa federale ha toccato livelli senza precedenti. Tesla stessa ha tagliato in maniera generalizzata gli stipendi a tutti i dipendenti e ha fornito assistenza a migliaia di operai americani.

“È come Maria Antonietta che dice ai contadini di mangiare la torta se non c’è pane. Tuttavia, Musk non è mai stato preoccupato per le apparenze e potrebbe pensare di esserselo guadagnato ”, afferma il professor John Coffee della Columbia Law School.

Il rally in Borsa delle azioni

Lunedì le azioni Tesla, quotate sul Nasdaq, sono aumentate del 10% fino ad arrivare a 798,75 dollari per azione. La capitalizzazione di mercato si è quindi attestata a 147 miliardi di dollari. Questo aumento giornaliero ha fatto salire la ricchezza di Elon Musk di 2,6 miliardi di dollari, il più grande guadagno tra i miliardari presenti nella classifica di Forbes.

Sulla base dei dati di S&P Global Capital IQ, la capitalizzazione di mercato media di Tesla, dal 25 ottobre 2019 al 24 aprile 2020, è di 95,5 miliardi di dollari. Analizzando l’arco temporale di 30 giorni, la capitalizzazione di mercato della società con sede a Palo Alto è di 104 miliardi di dollari.

Ciò significa che se il prezzo delle azioni rimarrà sulla media a 10 giorni di 718,57 di dollari per altre otto sessioni, la capitalizzazione di mercato richiesta per l’orizzonte temporale dei sei mesi sarebbe soddisfatta con esattezza alla conclusione della seduta di mercoledì 6 maggio.

A settembre, un giudice del Delaware ha stabilito che il consiglio di amministrazione di Tesla dovrà difendere il pacchetto di compensazione di Musk da una causa intentata da un azionista. Il vice cancelliere Joseph Slights della Delaware Court of Chancery ha, infatti, respinto la richiesta di Tesla  che chiedeva a sua volta di rimandare al mittente l’accusa dell’azionista Richard Tornetta, il quale afferma che Elon Musk si arricchirebbe ingiustamente.

Infine, va anche ricordato che domani, mercoledì 29 aprile, dopo la chiusura delle normali negoziazioni di mercato, Tesla pubblicherà gli utili del primo trimestre. Se superanno le aspettative di consenso, il titolo potrebbe salire ancora più in alto.

Elon Musk potrebbe ricevere ulteriori premi

Anche se attualmente il principale stabilimento americano di Tesla a Fremont, in California, è inattivo a causa della chiusura del coronavirus, il nuovo Gigafactory a Shanghai, aperto a gennaio, sta accelerando la produzione di berline Model 3. La società, che ha sfidato brevemente un’ordinanza locale a Fremont per smettere di fabbricare automobili il mese scorso, come riportato da Bloomberg, potrebbe richiamare alcuni lavoratori già dal 29 aprile. Tesla, infatti, avrebbe già avvertito i dipendenti che vuole riavviare la produzione a Fremont entro il 4 maggio.

Riguardo Elon Musk, i bonus non sono finiti. Il ceo dell’azienda potrebbe ricevere pagamenti molto più consistenti, sotto forma di 11 premi aggiuntivi di 1,69 milioni di dollari in azioni Tesla, se dovesse raggiungere obiettivi sempre più importanti in termini di capitalizzazione di mercato, entrate e utili rettificati fino al 2028 .

Per ricevere il pagamento massimo di 20,3 milioni di dollari in azioni, la capitalizzazione di mercato di Tesla dovrebbe raggiungere i 650 miliardi di dollari, oltre cinque volte il livello attuale. Le entrate annue dei veicoli elettrici, delle batterie e dei pannelli solari di Tesla dovrebbero attestarsi a 175 miliardi di dollari con un utile rettificato di 14 miliardi di dollari.

Tesla ha dichiarato nella sua relazione annuale del 13 febbraio che Elon Musk ha raggiunto “due traguardi operativi”, con un fatturato annuo di 24,6 miliardi di dollari nel 2019 e un utile ante imposte rettificato annuo di almeno 1,5 miliardi di dollari. A quel tempo, come aveva dichiarato la società, “non erano stati raggiunti traguardi di capitalizzazione di mercato”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!