Seguici su
Lifestyle 4 Maggio, 2020 @ 9:16

J Crew, il marchio di moda reso celebre da Michelle Obama, in bancarotta causa Covid

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Michelle Obama con un abito J Crew (Chip Somodevilla/Getty Images)

Articolo di Lisette Voytko apparso su Forbes.com

Il marchio di moda J.Crew, secondo diversi articoli di stampa, avrebbe presentato lunedì mattina istanza di protezione contro i fallimenti secondo la normativa statunitense del Chapter 11. J Crew è la prima grande catena d’abbigliamento a farlo a causa della pandemia di coronavirus, che ha costretto numerose aziende a chiudere i negozi per motivi di sicurezza.

Fatti chiave

  • La società ha dichiarato di aver raggiunto un accordo per ristrutturare $ 1,65 milioni di debito convertendolo in azioni.
  • Separatamente, la società ha ottenuto finanziamenti per $ 400 milioni dagli attuali creditori di Anchorage Capital, secondo un comunicato stampa di J.Crew.
  • Prima della pandemia J.Crew stava progettando un’offerta pubblica iniziale per il suo marchio Madewell, ma la volatilità del mercato azionario di marzo ha contribuito a far naufragare il piano, ha riportato il Wall Street Journal.
  • Bloomberg ha riferito a marzo che l’IPO è stata annullata dopo che J. Crew non era stata in grado di accordarsi sui termini dei finanziamenti con i suoi creditori.
  • Madewell rimarrà parte delle partecipazioni di J.Crew anche dopo dichiarazione di fallimento e Libby Wadle manterrà il suo ruolo di ceo di Madewell.
  • J.Crew prevede di riaprire i suoi quasi 500 negozi una volta che i blocchi saranno allentati.

Le parole del ceo

“Durante questo processo, continueremo a fornire ai nostri clienti la merce e il servizio eccezionali che si aspettano da noi e manterremo attive tutte le operazioni quotidiane, anche nelle straordinarie circostanze legate a COVID-19”, ha affermato in un comunicato stampa il ceo di J Crew, Jan Singer. “Mentre cerchiamo di riaprire i nostri negozi nel modo più rapido e sicuro possibile, questa completa ristrutturazione finanziaria dovrebbe consentire alle nostre attività e ai nostri marchi di prosperare per gli anni a venire.”

Grandi numeri

Tra $ 1 miliardo e $ 10 miliardi. E’ il debito di J.Crew suddiviso nei confronti di oltre 25.000 creditori – secondo i documenti depositati.

Contesto di fondo

J.Crew è nata nel 1947 come catalogo di abbigliamento femminile con il nome di Popular Merchandise. Nel 1983 la compagnia fu ribattezzata; il primo negozio J.Crew, a Manhattan, è stato aperto nel 1989. J.Crew è diventato un punto di riferimento per maglioni, pantaloni chino, camicie formali e altri accessori. Le creazioni dell’azienda sono cresciute in popolarità sotto la guida del direttore creativo Jenna Lyons e dell’amministratore delegato Mickey Drexler. Nel 2011, J.Crew è stata delistata dalla Borsa con un buyout di 3 miliardi di dollari. Negli ultimi cinque anni ha sempre registrato perdite. Lyons è uscita dalla società nel 2017, mentre Drexler ha lasciato nel 2019. Singer, ex dirigente di Victoria’s Secret, è stato nominato ceo di J.Crew nel gennaio 2020.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!