Generali Italia e Google Cloud insieme per digitalizzare l’insurance

Uno dei momenti del Google Cloud Summit 2019
Un momento del Google Cloud Summit 2019 (Courtesy Google)
Share
Uno dei momenti del Google Cloud Summit 2019
Un momento del Google Cloud Summit 2019 (Courtesy Google)

Articolo tratto dal numero di giugno di Forbes Italia

Un laboratorio di idee innovative e soluzioni pratiche per valorizzare i big data e ridisegnare al tempo stesso il modo di fare assicurazione, mettendo al centro del processo di trasformazione e personalizzazione di prodotti e servizi il cliente, con una rinnovata attenzione alla experience digitale. Questo il senso della partnership siglata da Generali Italia e Google Cloud, basata sulla tecnologia digitale e della nuvola a supporto delle reti.

Marco Sesana,
country manager & ceo di Generali Italia

Lo scopo della partnership non  soltanto quello di migliorare la produttività e incrementare le vendite. Facendo leva sulla tecnologia e i servizi del cloud di Google, Generali mira, infatti, a ristrutturare, integrare con nuove fonti e semplificare innanzitutto l’enorme mole di dati a disposizione nei mercati in cui la società  player di lunga data. E al tempo stesso provare a identificare nuovi servizi e nuove potenziali aree di business. Il tutto grazie al supporto delle metodologie di machine learning e deep learning resi disponibili dalla piattaforma Google Cloud. Sono previste tre aree di intervento prioritarie: soluzioni e servizi digitali personalizzati e connessi per la mobilità; strumenti per personalizzare l’offerta per i segmenti sia retail sia corporate e supportare l’evoluzione del rapporto cliente-agente; migliorare e velocizzare il servizio al cliente grazie all’uso di algoritmi avanzati di e smart automation sia in fase di sottoscrizione di una polizza sia nella richiesta di rimborso per un sinistro.  Alla regia di un piano così ambizioso c’è l’Innovation Park di Mogliano Veneto con il suo laboratorio dove gli ingegneri di Google Cloud affiancano gli esperti di Generali Italia nell’ideazione e industrializzazione di prodotti e servizi. La partnership prevede anche un intenso programma di formazione sulle nuove tecnologie e competenze del futuro, a partire proprio dalle applicazioni dell’intelligenza artificiale e del machine learning, accelerando così la promozione di una cultura del cambiamento all’interno di un percorso che Generali Italia ha intrapreso da anni e che ora ha scoperto in Google Cloud un prezioso partner. Non  certo un caso se nel triennio la compagnia prevede l’aumento del 30% in formazione su questi ambiti.

“Con questa partnership acceleriamo sul nostro piano strategico per essere partner di vita delle persone nei momenti rilevanti: famiglia, benessere, lavoro e mobilità”, ha commentato Marco Sesana, country manager & ceo di Generali Italia al momento della firma lo scorso giugno. “Insieme a Google Cloud, unendo le reciproche competenze, sviluppiamo soluzioni assicurative con servizi innovativi e tecnologicamente avanzati. Vogliamo rendere eccellente e personalizzata l’esperienza dei nostri clienti retail e corporate delle global business lines”.

Francesco Bardelli, ceo di Generali Jeniot e chief business transformation officer di Generali Italia: “In Generali stiamo ridisegnando il modo di fare assicurazione: oltre a protezione e sicurezza intendiamo offrire pi servizi di prevenzione e assistenza, e insieme alla rete distributiva, una nuova modalità di interazione basata su immediatezza e semplicità. Forti della nostra expertise negli advanced analytics e nella connected insurance, testimoniata dalla nascita della società Generali Jeniot, attraverso questa partnership acceleriamo ulteriormente nello sviluppo di servizi innovativi e nella costruzione di nuovi ecosistemi. I primi servizi e processi innovativi saranno lanciati entro fine anno, con l’obiettivo di essere ancora pi vicini ai nostri clienti e pi facilmente accessibili sui canali digitali, ancora pi attuali nel contesto di emergenza che il paese sta attraversando”.