Snapchat spenderà 1 milione di dollari al giorno per competere con TikTok

I fondatori di Snapchat
Da sinistra: i co-fondatori di Snapchat Bobby Murphy e Evan Spiegel, suonano la campanella con Thomas Farley, presidente del NYSE, il 2 marzo 2017 a New York City, quando Snap Inc. ha annunciato l’ipo di 17 dollari per azione. (Foto di Drew Angerer / Getty Images)
Share
I fondatori di Snapchat
Da sinistra: i co-fondatori di Snapchat Bobby Murphy e Evan Spiegel, suonano la campanella con Thomas Farley, presidente del NYSE, il 2 marzo 2017 a New York City, quando Snap Inc. ha annunciato l’ipo di 17 dollari per azione. (Foto di Drew Angerer / Getty Images)

Articolo di Abram Brown su Forbes.com

Snapchat spera che una nuova parte della sua app possa competere con TikTok ed è disposta a spendere 1 milione di dollari al giorno per battere il suo rivale in ascesa.

La nuova funzionalità di Snapchat si chiama Spotlight e farà emergere contenuti da utenti che le persone non seguono ancora; una nuova partenza per Snapchat che ha mantenuto il suo focus principale sui messaggi tra amici. Gli utenti sceglieranno se desiderano pubblicare i propri contenuti in Spotlight e le persone con i post più coinvolgenti si spartiranno il fondo stanziato per questa attività.

Snapchat afferma che giudicherà i post con le prestazioni più elevate sulla base delle visualizzazioni uniche. Ma la società non è stata più specifica su come esattamente dispenserà il suo fondo da un milione di dollari. Snapchat continuerà a distribuire i soldi almeno fino alla fine dell’anno. Nel frattempo, gli utenti che non sono interessati a pubblicare su Spotlight saranno in grado di esaminare la funzione tanto quanto le persone su Instagram controllano il proprio tab Explore e altri su TikTok scorrono la pagina For You.

Snapchat Spotlight
Screenshot della nuova funzione Spotlight di Snapchat

C’è una gara tra i giganti dei social media affermati per arginare la rapida crescita di TikTok. Negli ultimi due anni, TikTok è passato da 14,6 milioni di utenti attivi mensili negli Stati Uniti a circa 40 milioni in ottobre. Instagram ha colpito per primo, lanciando  i suoi video Reels ad agosto dopo averli prima testati all’estero per quasi un anno. Da allora ha rinunciato alla sua homepage storica sulla sua app per i Reels, sottolineando l’importanza che Instagram sta attribuendo alla nuova funzione.

Proprio mentre Instagram stava debuttando con Reels, sembrava che Instagram stessa e le altre società di social media avessero ricevuto un incredibile colpo di fortuna: l’amministrazione Trump era pronta a bandire TikTok e stava costringendo la società di proprietà cinese a venderlo a un’azienda americana. Così sono sorte domande del tipo se TikTok avrebbe potuto continuare a crescere anche se si fosse trovato una nuova casa poiché non era chiaro se il potenziale acquirente avrebbe ricevuto tutta la tecnologia di base che alimenta l’app.

Ma TikTok ha vinto diverse vittorie in tribunale contro il governo federale, e con la scadenza del mandato del presidente Trump a breve, il futuro dell’azienda sembra più favorevole, spingendo i suoi rivali ad innalzare il livello di competizione con esso.

La funzione Spotlight di Snapchat è, per ora, disponibile negli Stati Uniti, in Canada, in Gran Bretagna e in altri nove paesi con piani di diffusione in tutto il mondo. La società afferma che modererà il contenuto visualizzato in Spotlight e non consentirà alcun commento pubblico. Inoltre, i video Spotlight non riporteranno il nome o il profilo della persona che li ha inviati. Mantenere nascoste queste identità bloccherà i messaggi odiosi e tossici dal confluire nelle caselle di posta degli utenti. Ma impedirà anche a questi Snapchatter di sviluppare i considerevoli follower accumulati dagli influencer su Instagram e TikTok e la fama e i guadagni che derivano da quella massa di pubblico.