Seguici su
Investimenti 14 Gennaio, 2021 @ 11:45

Gli Stati Uniti non vieteranno gli investimenti in Alibaba, Tencent e Baidu. Ma altre 9 società saranno off limits

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Usa-Cina: Jack Ma partecipa all'Ipo di Alibaba Group alla Borsa di New York
Jack Ma, fondatore e presidente esecutivo di Alibaba Group, partecipa all’offerta iniziale di prezzi (IPO) della società alla Borsa di New York il 19 settembre 2014 a New York City (Foto di Andrew Burton / Getty Images)

Articolo di Jonathan Ponciano su Forbes.com

A seguito di una divergenza di idee durata settimane tra i funzionari del Tesoro e il Dipartimento di Stato, secondo quanto riferito, l’amministrazione Trump ha deciso che non vieterà gli investimenti americani nei giganti tecnologici cinesi Alibaba, Tencent e Baidu, ma proibirà agli americani di investire in altre nove aziende, una scelta che aumenterà ulteriormente le tensioni tra le due maggiori economie mondiali.

Aspetti principali

  • Il Dipartimento della Difesa ha pianificato di aggiungere nove imprese, che devono ancora essere pubblicamente identificate, alla sua lista di “società militari cinesi comuniste” appena mercoledì, come ha riportato per primo il Wall Street Journal.
  • Nonostante le segnalazioni contrarie, i funzionari statunitensi alla fine hanno deciso di non aggiungere Alibaba, Tencent e Baidu alla lista dopo il respingimento del segretario al Tesoro Steven Mnuchin e altri nel dipartimento che temevano che ciò avrebbe innescato ricadute economiche a seguito delle vendite diffuse dei titoli dei giganti della tecnologia fortemente scambiati in Borsa.
  • L’elenco aggiornato dovrebbe portare a 40 il numero totale di imprese ritenute “possedute o controllate dall’esercito cinese”; l’elenco include China Telecom, China Mobile e il famoso produttore di smartphone Huawei.
  • Il presidente Donald Trump ha emesso un ordine esecutivo a novembre che impedisce di fatto gli investimenti in quelle aziende a partire dall’11 gennaio; secondo il Wall Street Journal , gli investitori statunitensi hanno tempo fino a novembre per vendere azioni di una delle società appena vietate.
  • Le azioni quotate negli Stati Uniti di Alibaba e Tencent sono aumentate del 6% e del 3% subito dopo la notizia, mentre le azioni Baidu sul Nasdaq sono rimaste pressoché invariate.
  • Il Dipartimento della Difesa non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di Forbes.

A margine

In risposta all’ordine esecutivo di Trump, la Borsa di New York era arrivata quasi a fare un delisting delle società China Telecom, China Mobile e China Unicom, ma ha fatto marcia indietro sulla decisione il 4 gennaio dopo “ulteriori consultazioni con le autorità di regolamentazione competenti”.

Citazione 

Le società identificate dal Dipartimento della Difesa come possedute o controllate dalle forze armate cinesi “raccolgono capitali vendendo titoli a investitori statunitensi che commerciano su borse pubbliche sia qui che all’estero, facendo pressioni sui provider di indici e sui fondi degli Stati Uniti per includere questi titoli nelle offerte di mercato, e impegnarsi in altri atti per garantire l’accesso alla capitale degli Stati Uniti”, si legge nell’ordine esecutivo. “In questo modo, la [Repubblica popolare cinese] sfrutta gli investitori degli Stati Uniti per finanziare lo sviluppo e la modernizzazione delle sue forze armate”.

Contesto

L’amministrazione Trump ha intrapreso un’azione enorme per reprimere le minacce di spionaggio percepite dalle multinazionali cinesi. Il presidente ha dichiarato un’emergenza nazionale per facilitare l’ordine esecutivo di novembre, affermando che la Cina “obbliga le società civili cinesi a sostenere le sue attività militari e di intelligence”, che costituisce quindi “una minaccia inusuale e straordinaria” per la sicurezza nazionale interna. Nel frattempo, il Dipartimento di Giustizia nel 2019 ha incriminato Huawei per presunto furto di segreti commerciali da T-Mobile, e a febbraio ha fatto ulteriori accuse al conglomerato per presunto racket e un ulteriore cospirazione per rubare segreti commerciali da sei società statunitensi.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!