Dopo il round da 450 milioni di euro, ora Glovo sta pensando alla quotazione nei prossimi due anni

(Courtesy Glovo)
Share

Articolo di Iain Martin apparso su Forbes.com

Il cofondatore e ceo di Glovo Oscar Pierre ha grandi progetti per l’app per corriere “consegna qualsiasi cosa” dopo aver raccolto un round di 530 milioni di dollari, (450 milioni di euro),batteendo il proprio record per la più grande raccolta di capitali in Spagna.

Pierre, 28 anni, vuole portare l’unicorno spagnolo in almeno 10 nuovi Paesi nei prossimi 18 mesi, mentre sta lanciando una rete di centinaia di “dark store” utilizzati per spedire generi alimentari, elettronica e prescrizioni entro 10 minuti.

Un’opzione che non era sul tavolo per Pierre, con sede a Barcellona, ​​era la vendita del business che ha conquistato il primo posto nel mercato alimentare, e ora a domicilio, in alcune parti dell’Europa e del Medio Oriente. L’investitore che voleva acquisire Glovo, Delivery Hero, che ha preso parte al round di serie F, ha acquisito le sue operazioni in America Latina lo scorso anno con un accordo da 272 milioni di dollari e ha acquistato decine di app di consegna più piccole.

Pierre ha detto che gli investitori erano chiari sulla sua agenda per arrivare a un’offerta pubblica iniziale nei prossimi due o tre anni, ma il flop Ipo di Deliveroo, il peggior debutto del primo giorno per qualsiasi azione quotata a Londra, gli ha dato delle riserve sulla raccolta di capitali dai mercati pubblici .

“Non è che vogliamo essere una società per azioni adesso. E guardo cosa sta succedendo ora con Deliveroo e non è una situazione in cui mi piacerebbe trovarmi, così tanti mal di testa, così tante distrazioni”, ha detto Pierre. “Ma è anche la strada da intraprendere se le tue ambizioni di fondatore sono di avere una delle più grandi aziende tecnologiche sostenibili in Europa”.

La strategia aziendale di Deliveroo e il prezzo della sua Ipo hanno giocato un ruolo nel suo disastroso primo giorno di negoziazione che ha visto miliardi di dollari svaniti dalla sua valutazione, ha detto Pierre. “Penso che il problema principale fosse che era molto costoso rispetto a molti altri concorrenti; era anche più costoso di DoorDash. È una risorsa accettabile ma non vincono da nessuna parte … Non conosco nessun mercato in cui siano i numeri uno “, ha detto Pierre, che ha ritirato Glovo dalla Turchia, dall’Egitto e dall’America Latina dopo non aver ottenuto una trazione sufficiente.

LEGGI ANCHE: “DoorDash fa il botto a Wall Street. E spuntano tre nuovi miliardari”

Su Glovo hanno pesato anche le questioni sindacali e le proteste dei corrieri che hanno oscurato l’Ipo di Deliveroo. La Corte Suprema spagnola ha stabilito lo scorso settembre che i rider di Glovo dovrebbero essere classificati come dipendenti piuttosto che come liberi professionisti. Pierre si è detto disposto a lavorare con il ministero del Lavoro spagnolo quando pubblicherà le sue nuove linee guida per la gig economy. “La mia speranza è che seguano quello a cui stanno lavorando altri Paesi come la Francia, l’Italia, che li considerano come freelance con maggiori diritti e maggiori tutele”, ha detto Pierre, ex Forbes 30 Under 30.

La crescente tempesta in tutta Europa sui diritti dei lavoratori della gig economy arriva in mezzo a un torrente di capitali di rischio che fluiscono verso le startup che promettono consegne super veloci della spesa. Pierre ha espresso cautela nei confronti degli aspiranti rivali di Glovo come Getir in Turchia, Gorillas in Germania e il Wolt in Finlandia: “Penso che le persone siano ottimiste sulle economie di questo modello. Utilizziamo questo modello da tre anni ed è molto difficile con questi margini molto sottili o negativi, fino a quando non si ottimizzano molte cose”, ha detto Pierre, che ha previsto uno scossone tra vincitori e vinti, nei prossimi 12 mesi.

La startup in perdita ha cavalcato un boom di ordini nell’ultimo anno con i ristoranti e negozi europei chiusi per i lockdown, ma con la Spagna e l’Italia colpite all’inizio della pandemia è stata costretta a raccogliere un prestito convertibile di $ 141 milioni (€ 120 milioni) da investitori. Pierre ha detto che il prestito da Luxor Capital e Lugard Road Capital, hedge fund affiliati che sono stati l’investitore principale nel suo ultimo round, ha contribuito a colmare un periodo di tre settimane “molto spaventoso” in cui gli ordini si sono esauriti e i ristoranti partner avevano chiusi.