La rivincita dei fratelli Winklevoss, dalla triste battaglia di Facebook agli investimenti miliardari nelle criptovalute

Tyler Cameron Winklevoss
Tyler (a sinistra) e Cameron Winklevoss (L) (foto Larry Busacca/Getty Images per il New York Times)
Share

Articolo scritto da Michael Del Castillo, Susan Adams e Antoine Gara apparso su Forbes.com

Dopo aver perso un’epica battaglia con Mark Zuckerberg ed essere stati respinti dalla Silicon Valley, Cameron e Tyler Winklevoss sono tornati, stavolta come miliardari Bitcoin in erba, al centro del dibattito sull’economia del futuro.

I gemelli miliardari Cameron e Tyler winklevoss si aggirano nei loro uffici vuoti al 17esimo piano nel quartiere Faltiron di Manhattan indossando scarpe firmate, jeans neri e felpe abbinate realizzate dal marchio streetwear di fascia alta Heron Preston. Le felpe – quella di Cameron è rossa, quella di Tyler bianca – sono decorate con un logo della Nasa, che i gemelli hanno scelto perché riecheggia il tema dell’esplorazione spaziale che c’è dietro il marchio della loro operazione di scambio di criptovalute di sette anni, Gemini. Oltre a essere il segno zodiacale simboleggiato dai gemelli, era il nome della seconda missione spaziale della Nasa, quella appena precedente all’Apollo 11, che portò il primo uomo sulla luna.

“In realtà chiamiamo i nostri dipendenti astronauti”, dice Cameron. “Siamo tutti astronauti che costruiscono la frontiera dell’arte e la frontiera della finanza”. Abituato a finire i pensieri di suo fratello, Tyler interviene: “Ci sentiamo come se fossimo su un’astronave, esplorando una nuova frontiera”.

In questa soleggiata giornata di marzo, l’astronave sta raggiungendo la velocità di curvatura. Il prezzo del Bitcoin sta per raggiungere il massimo storico di 58.000 dollari (vendeva a 8 dollari nel 2012, quando i fratelli hanno iniziato a investire circa 10 milioni di dollari nella valuta digitale), facendo salire il loro patrimonio netto combinato a 6 miliardi di dollari. Il loro ultimo investimento, il gigante Block-Fi che presta Bitcoin in rapida crescita, ha appena annunciato di aver raccolto 350 milioni di dollari, valutando l’azienda a 3 miliardi di dollari.

E la piattaforma di aste d’arte digitale Nifty Gateway, la più calda acquisizione dei fratelli di 39 anni, si sta crogiolando nel bagliore di una vendita da Christie’s, la più grande casa d’aste al mondo, dove è stata venduta la prima opera d’arte NFT (non-fungible token), un file digitale unico nel suo genere tracciato su un libro mastro digitale noto come blockchain. Nifty Gateway ha esposto l’artista, Mike Winkelmann, conosciuto come Beeple, attraverso una serie di “drop” a partire dallo scorso anno. L’attività di custodia di Gemini, che ospita risorse digitali in modo sicuro, ha ricevuto un pagamento in criptovaluta di 69 milioni di dollari per Beeple per conto di Christie’s, rendendo il suo Everydays: The First 5,000 Days la terza opera più costosa mai venduta di un artista ancora in vita, dopo Jeff Koons e David Hockney.

La blockchain, tecnologia alla base dei bitcoin e delle altre criptovalute, sta già sconvolgendo il denaro e il settore bancario, poiché giganti finanziari come PayPal, Square, JPMorgan, Fidelity e Northern Trust abbracciano il Bitcoin per avere una posizione migliore in un futuro inondato dalle risorse digitali. Allo stesso tempo aziende come Boeing, Samsung, Tesla e Novartis stanno utilizzando la nuova tecnologia per migliorare le loro catene di approvvigionamento, condividere i dati dei clienti e accelerare i processi aziendali. In alcuni casi stanno aggiungendo bitcoin ai loro bilanci. Nel 2020, il bitcoin ha restituito oltre il 300%, contro il 18% dell’S&P 500.

I fratelli Winklevoss dicono che hanno appena iniziato. Attraverso la loro holding, Gemini Space Station, che possiede il loro scambio di criptovalute e Nifty Gateway, e tramite gli investimenti effettuati dal loro family office, Winklevoss Capital, la coppia ha investito in non meno di 25 startup di asset digitali. Queste aziende alle prime armi stanno gettando le basi per quello che i fratelli sperano sarà un nuovo mondo virtuale, che loro e gli altri chiamano “metaverso”, in cui vengono create, acquistate e vendute risorse digitali come arte, musica, proprietà immobiliari e persino intere aziende – e, soprattutto, governato dalla blockchain. Molte delle aziende che stanno sostenendo sono posizionate per prosperare in questa versione tridimensionale di internet, governata attraverso reti di computer peer-to-peer, da cui traggono profitto i partecipanti piuttosto che le aziende potenti.

“L’idea di un social network centralizzato scomparirà nei prossimi 5-10 anni”, prevede Tyler quando gli viene chiesto di Facebook. “C’è una membrana o un abisso tra il vecchio mondo e questo nuovo universo cripto-nativo. E noi siamo il canale che aiuta le persone a trasportare l’offline nell’online”.

Il fatto che due uomini di Harvard cresciuti a Greenwich, nel Connecticut, entrambi ex olimpionici, si trovino al centro di un movimento rivoluzionario il cui caso d’uso primario era quello di un fiorente bazar online per vendere e acquistare droghe illegali, la dice lunga su quanto i Winklevoss siano lontani dai tempi di Cambridge, in Massachussetts, quando erano alle prese con Mark Zuckerberg.

Dopo aver risolto il loro arbitrato con Facebook e aver partecipato alle Olimpiadi del 2008 a Pechino, i fratelli Winklevoss si sono diretti all’Università di Oxford per conseguire il loro MBA nel 2010 e poi hanno formato Winklevoss Capital per fare investimenti di rischio. Desiderosi di unirsi al gruppo di aziende di Sand Hill Road, che finanziano le grandi aziende tecnologiche di oggi, i gemelli si sono presto resi conto di essere stati effettivamente allontanati dalla Silicon Valley. Startup dopo startup, timorosi di rappresaglie da parte del colosso Facebook e della sua rete in continua crescita, hanno rifiutato di prendere il loro capitale.

Dopo che i fratelli sono tornati a New York, hanno iniziato a usare i soldi di Facebook per acquistare bitcoin. “Abbiamo trovato la comunità estremamente accogliente”, afferma Tyler, che tende ad essere il gemello più analitico. (Cameron è il più creativo).

Nel maggio 2013, hanno investito 1,5 milioni di dollari in un exchange chiamato BitInstant, che ha addebitato alle persone una commissione per scambiare dollari con bitcoin in pochi minuti. L’azienda è cresciuta rapidamente, rappresentando, secondo quanto riferito, il 30% di tutti gli acquisti di Bitcoin. Sfortunatamente, alcuni di questi stavano riciclando denaro per gli spacciatori che vendevano droga nel dark web Silk Road, e alla fine dell’anno il sito è stato chiuso. Il suo ceo nonché genio dell’informatica, Charlie Shrem, che i Winklevoss avevano abbracciato, è stato arrestato e ha trascorso un anno in una prigione federale per aver condotto un’operazione senza licenza.

Di fronte a un altro problema con l’ignominia, i fratelli decisero che se avessero voluto avere successo in questo nascente mercato avrebbero dovuto essere più pratici e, cosa più importante, avrebbero dovuto portare ordine in un’industria caotica e non regolamentata. Nel 2014 hanno fondato Gemini, la loro piattaforma in cui scambiare criptovalute.

All’inizio era poco più che un luogo dove acquistare e vendere bitcoin, ma oggi offre trading e custodia per 33 criptovalute, incluso Ether, una moneta dotata di un linguaggio informatico nativo che consente agli sviluppatori di creare applicazioni senza server centrali: Zcash, un token di protezione della privacy basato su Bitcoin, e Mana, la criptovaluta nativa di un mondo di realtà virtuale chiamato Decentraland. I gemelli hanno anche il loro token basato su Ethereum chiamato Gemini Dollar, che è ancorato al vaore del dollaro Usa e quindi stabile.

Tra gli exchange di criptovalute (ora ce ne sono più di 300) Gemini è diventato, nell’ottobre 2015, una delle prime istituzioni finanziarie incentrate sul Bitcoin ad essere designata come banca fiduciaria dal Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York. Ciò significava che era soggetto agli stessi requisiti normativi di banche come State Street e Northern Trust, e che poteva accettare depositi in tutti i 50 stati.

Sebbene il volume degli scambi di Gemini (29 miliardi di dollari negli ultimi 12 mesi) sia molto inferiore a quello dei giganti come Binance e Coinbase, rivaleggia con loro nei punteggi di fiducia del settore, che hanno un peso considerevole in un mercato in cui gli scambi sono spesso hackerati e il volume del falso trading è un luogo comune.

Mentre il mantra aziendale iniziale di Facebook era “muoviti velocemente e rompi le cose”, i Winklevoss, che com’è noto chiedevano all’allora presidente di Harvard, Larry Summers, di far rispettare gli ‘standard di condotta’ del college contro Zuckerberg, hanno sempre operato con l’etica del “chiedere prima il permesso, piuttosto che il perdono più tardi”. Un poster sulla parete del loro ufficio della recente campagna di marketing della metropolitana di New York, raffigura i padri fondatori degli Stati Uniti con le parole “La rivoluzione ha bisogno di regole”.

Promuovendo con forza la sua exchange di criptovalute ‘regolamentata’, Gemini si sta posizionando per trarre profitto quando la Securities and Exchange Commission (Sec) finalmente approverà i fondi crittografici negoziati in borsa, che sono già stati approvati in Canada e all’estero. A partire dal 2013, i Winklevoss hanno iniziato a richiedere alla Sec di lanciare un ETF Bitcoin. Finora sono stati respinti due volte, l’ultima delle quali nel 2018, con la Securities and Exchange Commission che parlava di “immaturità” del settore.

Oggi ci sono sei applicazioni ETF crittografiche in sospeso alla Sec da aziende del calibro di Wisdom Tree, Van Eck, Fidelity Trust e dalla Skybridge Financial di Anthony Scaramucci. Gemini, che adesso offre ai clienti una carta di credito bitcoin e un conto di risparmio che paga il 7% di interessi sui depositi crittografici, ha un’applicazione in sospeso con la Sec per aprire un mercato alternativo per il trading di azioni e di altri titoli emessi sulla blockchain.

“Gemini è il ponte attraverso il quale le persone possono migrare dalla finanza centralizzata, dalla loro banca attuale, all’interno di questo nuovo mondo”, dice Cameron. “Il nostro modello di business non si basa su informazioni o sulla monetizzazione della privacy. Si basa su mercati e su commissioni di trading”.

Tra la crescente collezione di startup crittografiche dei gemelli, nessuna sta ricevendo più attenzioni e mostrando più potenziale del suo marketplace NFT, la piattaforma d’asta Nifty Gateaway.

L’azienda è stata fondata nel novembre 2018 da Duncan e Griffin Cock Foster, 26enni, anche loro gemelli omozigoti e vogatori, che dicono di aver scelto questo sport dopo aver visto The Social Network al liceo. Entrambi si erano appena diplomati al college nel 2017: Duncan alla Washington University di St. Louis con una laurea in informatica e Griffin a Emory in matematica. Durante il suo ultimo anno, Duncan ha iniziato a dilettarsi in CryptoKitties, una mania digitale per i peluche Beanie Babies, una delle tante in cui gli utenti creano, raccolgono e commerciano felini animati unici, registrandosi ciascuno attraverso un NFT, un non-fungible token sulla blockchain di Ethereum. “Tutti hanno riferito la stessa critica”, ha detto Duncan in un’intervista del 2019. “L’acquisto di NFT era troppo complicato. Abbiamo avviato Nifty Gateaway per risolvere i problemi di accesso e non ci riposeremo fino a quando 1 miliardo di persone non raccoglierà un NFT”.

All’inizio i Cock Fosters hanno progettato Nifty Gateaway non come piattaforma d’asta NFT, ma semplicemente come un modo per acquistare non-fungible tokens con Mastercard e Visa, piuttosto che passando attraverso l’arduo processo di acquisto con Ethereum. Infatti i Winklevoss si sono imbattuti per la prima volta in Nifty Gateaway nel luglio del 2019 alla Fiera d’Arte Contemporanea e Digitale di New York. Un’opera chiamata CryptoPunk 4530, raffigurante una donna con la cresta che fuma una sigaretta, resa nei canoni di un videogioco vecchio stile, aveva attirato l’attenzione di Tyler. L’immagine era uno dei 10mila ritratti simili ma unici creati dai veterani di Google Matt Hall e John Watkinson. Il prezzo era di 5.000 dollari. Tyler ha usato il suo telefono per creare un account su Nifty Gateaway, pagando con la sua carta di credito.

Non appena i Winklevoss tornarono nel loro ufficio, il vice presidente dell’ingegneria di Gemini, Eric Winer, disse loro che aveva tenuto d’occhio Nifty Gateaway, che era appena emerso dall’acceleratore Boost Vc di Adam Draper. Un mese dopo, Gemini ha raggiunto un accordo per acquistare la startup che aveva allora appena sette mesi. I Cock Foster si sono trasferiti in un Airbnb a Brooklyn e hanno lavorato con gli ingegneri di Gemini per costruire quella che oggi è la piattaforma di arte digitale più esclusiva al mondo. Mentre numerose piattaforme digitalil operano più come eBay e sono aperte a tutti i creatori, Nifty Gateaway cura selettivamente i suoi artisti e vende le loro opere in “drops”, gocce vendute direttamente dai suoi creatori.

Il mercato dell’arte NFT è esploso. A febbraio, Nifty Gateaway ha contabilizzato 75 milioni di dollari dei 91 milioni in arte NFT messi all’asta sulle prime sette piattaforme online, secondo i dati compilati da CryptoArt.io. Alla fine di marzo, aveva venduto 132 milioni di dollari dei 188 milioni di tali opere acquistate dai collezionisti. Quando i Cocl Foster hanno lanciato Nifty Gateaway un anno fa le vendite mensili erano inferiori a 100 mila dollari.

Nessun artista NFT è diventato più ricco di Mike Winkelmann, alias Beeple_Crap, un padre di due figli, 39enne di Charleston, Carolina del Sud, che ha conseguito una laurea in informatica a Purdue e non ha studiato arte oltre il liceo. Utilizza un software grafico 3D per generare opere d’arte scandalose e spesso rivoltanti. Un’opera raffigura Donald Trump nudo che mangia un hamburger mentre è seduto in cima ad un relitto di un treno che viene consumato da particelle giganti di coronavirus. Un altro mostra Kim Jong-un vestito da Buzz Lightyear di Toy Story con seni finti.

Per hobby, Beeple ha creato un’immagine digitale ogni giorno per più di dieci anni, pubblicando le sue provocatorie “Everydays” raffiguranti visioni distopiche della cultura pop e della politica su social media come Facebook e Instagram. Il lavoro gli è valso un seguito di culto su internet, ma non è riuscito a monetizzare il mezzo digitale, che era facile da copiare semplicemente facendo un click con il pulsante destro del mouse.

Lo scorso autunno, Nifty Gateaway ha iniziato a raggiungere gli artisti, cercando di popolare la sua nuova piattaforma esclusiva con un’arte digitale interessante e preziosa. Visto il milione di follower su instagram di Beeple, è stata una scelta ovvia. Dopo aver istruito Winkelmann sugli NFT, gli ingegneri di Nifty Gateaway spiegavano come poteva programmare l’arte per essere dinamica, cambiando in diversi momenti nel tempo in base ad un dato risultato. Stava già toccando temi politici nei suoi “Everydays” e ha visto le elezioni del 2020 come la sua opportunità di sfondare.

Se Trump fosse stato rieletto, la NFT Crossroads di Beeple si sarebbe trasfromata in un uomo forte nudo, sudato e muscoloso che camminava minacciosamente attraverso il fuoco. Avendo perso, l’NFT si è trasformato in un video in loop di Trump sdraiato a faccia in giù sotto un arcobaleno, con parole come “perdente” dipinte sul suo corpo nudo, mentre un uccello in stile logo Twitter cinguetta. Il 31 ottobre, Crossroad è diventato il biglietto più caldo su Nifty Gateaway, venduto per 66,666,66 dollari ad uno speculatore di asset digitali di Miami di 32 anni con un MBA alla Columbia. L’acquirente ha rimesso in vendita il lavoro su Nifty Gateaway a febbraio alla cifra di 6,6 milioni di dollari, realizzando un profitto di 90 volte. Beeple ha guadagnato circa 660mila dollari a causa della struttura di commissioni della piattaforma, che invita gli artisti a raccogliere una roylaty del 10% su tutte le vendite aftermarket.

I “drops” di Beeple messi all’asta per 1 dollari ciascuno, oggi vengono scambiate per centinaia di migliaia di dollari, facendo guadagnare all’artista digitale almeno 10 mila dollari per transazione. I suoi vari NFT furono venduti per un totale di 10 milioni di dollari su Nifty Gateaway nelle settimane precedenti alla sua vendita da 69 milioni dell’11 marzo. La piattaforma NFT dei Winklevoss, che addebita agli artisti il 15%, è stata un cambiamento di vita per Winkelmann. Ha anche creato un business in piena espansione per Nifty Gateaway.

“Stiamo facendo 4 milioni di dollari in cinque minuti”, dice Cameron riguardo dei drops che, un anno fa, gli avrebbero portato 50 mila dollari nella migliore delle ipotesi. Aggiunge Tyler: “Fondamentalmente, l’intero mondo dell’arte, l’intero mondo dello spettacolo, sta bussando alla porta”.

La corsa all’oro nell’arte digitale e negli oggetti da collezione che vengono coniati e venduti su Nifty Gateaway e altre piattaforme NFT come NBA Top Shot non durerà per sempre. Ma proprio come alcune società di dot-com-bubble come Amazon sono sopravvissute e alla fine hanno prosperato, i Winklevoss stanno costruendo Nifty Gateaway e Gemini come un mercato a lungo termine e come custode di tutti i beni, tra cui azioni immobiliari, passaporti, merci, oggetti da collezione, personaggi dei videogiochi, film, musica e biglietti per eventi.

“Vuoi scegliere quella nicchia in cui c’è una reale diffusione del mercato”, dice Cameron. “Non puoi far bollire l’oceano”.

In definitiva, i gemelli vedono i loro due mercati, Gemini e Nifty Gateaway, integrati in un’unica dashboard in cui gli NFT saranno utilizzati come garanzia per i prestiti, consentendo ai proprietari di attingere alle loro risorse digitali per il finanziamento senza doverli vendere. Tyler e Cameron immaginano un futuro in cui la dovuta la dovuta diligenza che mettono in atto per verificare l’identità di un utente possa essere rilasciata come un NFT, consentendo agli utenti di dimostrare di aver superato requisiti rigorosi – si pensi a Facebook, ma con una conferma di identità inconfutabile.

“È quasi come se la conformità, vista come un servizio, potesse essere incorporata in un token NFT emesso da Gemini”, afferma Tyler.

Un’altra importante area di investimento per i Winklevoss sono le applicazioni basate sulla blockchain che supportano la decentralizzazione – l’idea che le società tecnologiche come Google, Facebook e Microsoft non saranno più necessarie perché i servizi e le applicazioni web saranno creati, gestiti e governati dagli utenti.

Nel 2014, Winklevoss Capital ha unito le forze con Protocol Labs, sviluppatore open-source di San Francisco, investendo in un round iniziale per finanziare vari progetti che avrebbero creato una nuova infrastruttura Internet che non si basa su server centralizzati. Uno dei suoi sforzi, Filecoin, ha lo scopo di alimentare una rete per l’archiviazione di computer in cui gli utenti di tutto il mondo affittano il loro spazio inutilizzato sul disco rigido e in cambio ricevono come pagamento i token basati sulla blockchain di Ethereum, chiamati filecoin. Esistono già 250 mila computer di questo tipo, detti anche “nodi”, collegati ad un computer cloud decentralizzato. I token di Filecoin sono aumentati del 350% quest’anno e ha una capitalizzazione di mercato superiore a 6 miliardi di dollari.

Naturalmente, l’ironia di ogni serio sforzo per costruire un metaverso decentralizzato è che i suoi principali architetti alla fine diventeranno inutili. Tyler e Cameron Winklevoss comunque sembrano indifferenti. Un analista di Citibank ha recentemente previsto che il prezzo del Bitcoin potrebbe superare i 300 mila dollari entro i prossimi anni.

“La decentralizzazione è uno spettro”, dice Cameron, guardando fuori dalla sua finestra verso il Chrysler Building di New York. “Il nostro obiettivo non era quello di essere i guardiani”. Siamo ancora agli inizi della rivoluzione della blockchain. Mark Zuckerberg, prendi nota.