Il pensiero sostenibile di Salvatore Ferragamo diventa un network digitale tradotto in 8 lingue

Micaela le Divelec Lemmi, ceo Salvatore Ferragamo.
Share

Nel giorno dell’assemblea e del consiglio di amministrazione della Salvatore Ferragamo SpA, che porterà alla nomina di Leonardo Ferragamo, 67 anni, alla presidenza (succedendo al fratello Ferruccio Ferragamo, 75 anni, che ha ricoperto la carica per molti anni insieme a quella di amministratore delegato e ora continuerà a concentrarsi sulla holding Ferragamo Finanziaria), la maison fiorentina ha lanciato nella giornata mondiale della Terra la piattaforma digitale Sustainable Thinking, in otto lingue e ottimizzata per tutti i dispositivi, accessibile dal sito del marchio e dal rinnovato sustainability.ferragamo.com con approfondimenti tematici che abbracciano il pensiero sostenibile a 360 gradi.

Da tempo la casa di moda fondata nel 1927 a Firenze dal calzolaio delle dive percorre le strade del rispetto della natura e dell’ambiente con numerosi interventi, primi fra tutti quelli nella sede produttiva e amministrativa alle porte di Firenze, a Osmannoro. Sustainable Thinking è una nuova piattaforma digitale che connette i progetti e le attività responsabili della maison in un’unica dimensione concettuale, e da cui prenderanno vita nuovi spunti di conversazione grazie a un network internazionale di contributors con diverse sensibilità ed esperienze, pronti a confrontarsi in sintonia con il continuo evolversi delle tematiche sostenibili.

La nuova piattaforma digitale Sustainable Thinking

La filosofia del progetto si condensa in questo pensiero: “Per agire in modo sostenibile bisogna pensare sostenibile”. Con un’attenzione allo scambio e all’apertura verso l’esterno, Sustainable Thinking è una sfida a servirsi del web in modo differente. Ferragamo esalta il dialogo come aspetto fondamentale della sostenibilità e dell’inclusività. Cultura e condivisione sono alla base della ripartenza, in questo momento storico in cui la frammentazione è divenuta normalità. “Il settore in cui operiamo si è trovato a dover ripensare tempi e priorità. Sustainable Thinking è un punto di partenza che definisce dove stiamo andando, la volontà di realizzare il sogno comune di un futuro sempre più responsabile”, ha spiegato Micaela le Divelec Lemmi, ceo di Ferragamo. “Sustainable Thinking è il nostro impegno nell’essere responsabili della creazione di una bellezza reale e duratura, attraverso il richiamo a valori imprescindibili del genius loci come artigianato, tecnologia, ricerca e sostenibilità”.