Perché quando un ceo si dimette, anche il direttore finanziario lascerà l’azienda entro due anni

Share

Articolo scritto da Samantha Todd apparso su Forbes.com

Quando il cfo di Boeing Greg Smith ha annunciato il suo ritiro il mese scorso, il 54enne ha colto di sorpresa gli investitori e le azioni si calate del 4%. Dopo aver guidato l’azienda aerospaziale attraverso alcune delle più grandi sfide che ha dovuto affrontare nei suoi oltre 100 anni di storia, tra cui la crisi del 737 Max e la pandemia da Covid-19, si dimetterà a luglio, appena 18 mesi dopo le dimissioni dell’ex ceo Dennis Muilenburg.

Ma l’uscita di Smith non avrebbe dovuto sorprendere più di tanto: quando un amministratore delegato se ne va, il direttore finanziario spesso lo seguirà, e in maniera ravvicinata, dice Phil Murphy, un consulente della Spencer Stuart. “Quando c‘è un cambio di ceo, entro due anni da quello ci sarà, più del 50% delle volte, anche un cambio di cfo”, dice. “I cambiamenti del ceo spesso portano a cambiamenti del cfo in un breve periodo di tempo”.

Basta guardare Virgin Galactc, dove a febbraio il cfo Jon Campagna si è dimesso appena sette mesi dopo che il ceo George Whitesides è passato al ruolo di chief space officer. E ad aprile, il gruppo di supermercati britannico Asda ha annunciato la partenza del suo direttore finanziario, Rob McWilliam, solo poche settimane dopo le dimissioni del suo amministratore delegato, Roger Burnley.

Parte del motivo di questa tendenza, afferma Murphy, è il forte legame che i cfo hanno con il loro ceo, specialmente in periodi tumultuosi come questi. “Il cfo in molte aziende è il braccio destro del ceo”, afferma. “data l’intensa pressione che la pandemia ha esercitato sulle aziende lo scorso anno, il fatto di avere di un grande cfo non è mai stato così importante”.

Smith ha svolto un ruolo importante nel guidare Boeing durante i quasi due anni di messa a terra del suo aereo 737 Max, i cui costi, secondo le stime del Wall Street Journal, si aggirano intorno ai 20 miliardi di dollari. E quando la pandemia da coronavirus ha fermato il settore dei viaggi la scorsa primavera – i ricavi 2020 di Boeing sono scesi del 24%, a 58,2 miliardi di dollari – ha assicurato i profitti dell’azienda, il tutto aiutando il ceo Dave Calhoun a passare al suo nuovo ruolo.

“La sua gestione della posizione finanziaria dell’azienda per quasi un decennio e la sua leadership durante la grave sfida che il nostro settore ha dovuto affrontare a causa della pandemia globale, sono stati essenziali per posizionare Boeing nella condizione di avere un futuro luminoso”, ha detto Calhoun. “Come parte di questi sforzi, ha guidato la più grande offerta di obbligazioni nella storia della società e ha lanciato un programma di trasformazione completo che renderà la nostra attività più forte e resiliente”.

Nei suoi quasi tre anni come direttore finanziario di Virgin Galactic, Campagna ha guidato l’azienda attraverso la sua offerta pubblica iniziale tramite Spac nel 2019, rendendola la prima compagnia di voli spaziali commerciali a fare un simile passo. Sebbene non fosse immune agli effetti della pandemia, avendo registrando una perdita netta di 74 milioni di dollari nel quarto trimestre del 2020, il suo bilancio è rimasto solido, poiché Virgin Galactic ha chiuso l’anno con liquidità e mezzi equivalenti di 666 milioni di dollari e avendo raggiunto traguardi significativi, come il completamento del suo programma di volo di prova e l’espansione della sua flotta di astronavi.

Anche McWilliam, che a febbraio ha visto Asda in vendita a 9,5 miliardi di dollari ai fratelli investitori Zuber e Mohsin Issa e alla società di private equity TDR, ha svolto un ruolo cruciale durante la pandemia. Con l’aumento della domanda di generi alimentari online, Asda ha riferito di aver aumentato la sua capacità di acquisti da casa a 850.000 slot settimanali, con un aumento del 90% da marzo a dicembre 2020. Mentre guidava l’azienda attraverso un periodo di trasformazione della vendita al dettaglio, ha anche collaborato con il ceo Burnley per lanciare i servizi di vaccinazione Covid-19 in negozio e donare 7.000 laptop alle scuole per affrontare la ‘digital exclusion’ durante i lockdown.

Ma la relazione critica tra cfo e ceo esisteva molto prima della pandemia Covid-19. In risposta ad un sondaggio Gartner del 2019, su 100 direttori finanziari, l’80% ha affermato di avere un forte rapporto con il proprio amministratore delegato. Un report di Spencer Stuart del 2020 ha descritto il compito dei cfo come “uno dei lavori più strategici nel team esecutivo”. Gli autori hanno scritto: “Non è raro che il cfo sia uno dei principali candidati interni alla carica di ceo: il 18% dei ceo di Fortune 500 nel 2019 ha ricoperto in precedenza il ruolo di cfo”.

“Le aziende sono alla ricerca di cfo in grado di affrontare le disruption dei modelli di business che la tecnologia ha innescato, di riconfigurare i processi finanziari e capaci di ricavare intuizioni di business attraverso dati e analisi, guardarsi intorno con innovazione”, afferma Murphy. “Il ruolo sta diventando sempre più impegnativo”.