Guardare il futuro della Terra con altri occhi: arriva l’evento di Forbes e Accenture

space economy, evento Forbes e Accenture
Share

Lo spazio e le nuove tecnologie sono sempre più protagonisti nella vita quotidiana di ognuno di noi, in tutti i settori: dalla sicurezza alla tutela dell’ambiente, fino alla prevenzione e gestione dei grandi fenomeni atmosferici, nonché di possibili incidenti che potrebbero causare vittime o danni economici rilevanti.

In questo contesto, un ruolo di primo piano è giocato dai sistemi unmanned, che permettono agli esseri umani di ottenere risultati finora irraggiungibili, senza correre rischi e a costi estremamente contenuti rispetto ai benefici, grazie al remote sensing e ai servizi “space based”. Non a caso, l’osservazione della Terra e l’integrazione dei domini spaziali con le tecnologie di uso quotidiano sono oggi uno dei motori di sviluppo più performanti. Per questo l’economia legata allo spazio avrà tassi di crescita tra i più elevati nel prossimo futuro: entro il 2040, un mercato che oggi vale fra i 350 e i 380 miliardi di dollari potrebbe superare i 1000 miliardi di dollari, sebbene le stime più ottimistiche prevedano i 2700 miliardi.

I vari aspetti di questa rivoluzione in pieno sviluppo saranno al centro del webinar “Earth Through Different Eyes”, organizzato da Accenture e Forbes. L’evento, che si terrà in formato online il 21 luglio, sarà aperto e moderato da Emilio Cozzi, head of space economy di Forbes Italia e di Cosmo. Massimo Comparini, AD di Thales Alenia Space Italia, invece, curerà lo “Scenario”. Quindi si entrerà nel vivo della questione con alcuni fra i protagonisti della space economy, dai fornitori di apparati e servizi agli utilizzatori, tutti coinvolti in una tavola rotonda.

Saranno presenti Marco Addino, managing director Aerospace & Defense Lead ICEG di Accenture; Laurent Sissmann, senior vice president Unmanned Systems di Leonardo; Marco Brancati, Chief Technical and Innovation Officer di Telespazio; David Cis, Chief Operating Officer di Generali Italia; Roberto Fedeli, Chief Technology & Innovation Officer di Silk-Faw e Claudio Farina, executive vice president per la Digital Transformation, Technology & Innovazione Industriale di Snam. Gli ospiti racconteranno, da punti di osservazione privilegiati e fra loro diversi, il continuum fra l’attività satellitare e il suo imminente orizzonte, allargato sempre di più dalla valorizzazione dei sistemi unmanned.

Oggi, la gestione e l’elaborazione dei big data, insieme con un numero di servizi innovativi, sono ormai alla base della nostra vita sulla Terra. Per avere un futuro sostenibile, però, è necessario imparare a sfruttare al meglio tutti i vantaggi che lo spazio e le nuove tecnologie possono offrire se combinati in maniera intelligente. Occorre, insomma, guardare la Terra con occhi diversi. Clicca qui per iscriverti