Le vendite di Amazon superano quelle di Walmart: è la prima volta nella storia

Jeff Bezos Amazon ride
(foto Alex Wong/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Le vendite di Amazon e quelle delle terze parti che sfruttano la sua piattaforma hanno superato quelle di Walmart nell’anno che si è concluso a giugno, secondo il New York Times. Per la prima volta, il gigante dell’e-commerce è così diventato il più grande retailer del mondo al di fuori della Cina.

I fatti chiave

  • Gli acquirenti hanno speso più di 610 miliardi di dollari su Amazon nel corso dei 12 mesi in esame, secondo stime di FactSet. Martedì, Walmart ha invece fatto sapere di avere registrato vendite per 566 miliardi nello stesso periodo.
  • È la prima volta che Walmart viene superata in fatto di vendite dal 1990, quando superò Sears e divenne il più grande rivenditore al dettaglio d’America.
  • Amazon ha ricevuto un grande impulso dalla pandemia da coronavirus, quando le restrizioni agli spostamenti e le quarantene hanno spinto le persone ad acquistare in rete prodotti che sarebbero stati poi consegnati a casa. Si stima che il valore totale dei beni venduti sulla piattaforma sia cresciuto di 200 miliardi di dollari nei 12 mesi tra luglio 2020 e giugno 2021.
  • Anche Walmart, al pari di altre catene di superstore come Target, ha visto un balzo nelle vendite durante la pandemia, ma la sua crescita da 24 miliardi di dollari, è rimasta ben al di sotto di quella di Amazon.

Il numero

188 miliardi di dollari. È questo, secondo le stime di Forbes, il patrimonio di Jeff Bezos, che lo rende una delle persone più ricche del mondo. La somma dei patrimoni dei membri della famiglia Walton – discendenti dei fondatori di Walmart, i fratelli Sam e James “Bud” Walton – era di 247 miliardi nel 2020, grazie al possesso di circa metà delle azioni della società.

LEGGI ANCHE: “Jeff Bezos perde $14 miliardi in un giorno e lascia il trono: Bernard Arnault è di nuovo l’uomo più ricco al mondo”

Il contesto

Mentre Walmart rende pubbliche le sue vendite, che sono composte principalmente dai suoi prodotti, gli analisti devono fare una stima di quelle di Amazon. Secondo il New York Times, la maggior parte delle vendite sulla piattaforma sono dovute infatti a rivenditori terzi, per i quali l’azienda divulga solo le commissioni addebitate. Sia Walmart, sia Amazon restano comunque lontani dalle vendite del gigante dell’e-commerce del miliardario cinese Jack Ma, Alibaba, che resta il primo rivenditore al mondo. Nell’anno fiscale che si è concluso a maggio, Alibaba ha registrato un volume lordo di merci da 1.200 miliardi di dollari.