Anche Bill Gates investe in Our Next Energy, startup che produce batterie ibride

Bill Gates. Photo by Mike Cohen/Getty Images for The New York Times
Share

Nel Michigan c’è una startup che ha ricevuto 25 milioni di dollari di finanziamenti in un round di serie A. E fin qui, nulla di eccezionale. Il fatto sorprendente è che Our Next Energy (One), società che opera nel settore della mobilità elettrica, è stata fondata ed è guidata da Mujeeb Ijaz, che ha lavorato per Ford ma che soprattutto ha contribuito allo sviluppo del Project Titan, l’auto di Apple. Inoltre, a guidare l’investimento, c’è la Breaktrough Energy Ventures, fondata da Bill Gates. Insomma, una giovane azienda nata 15 mesi fa che è guidata da un ex manager del colosso di Cupertino e allo stesso tempo è finanziata dal suo più grosso rivale. Hanno partecipato anche BMW i Ventures (il fondo di rischio della casa automobilistica tedesca BMW), Flex con sede a Singapore e Volta Energy Technologies.

Il sistema ibrido composto da due batterie

Ciò che sta sviluppando One è un sistema ibrido cell-to-pack composto da due batterie. L’Aries, una batteria senza cobalto che secondo l’azienda evita il rischio di incendio dovuto alla fuga termica, e un estensore dell’autonomia – fino a 700 miglia con una singola ricarica – della batteria chiamato Gemini. La prima più utile ai viaggi giornalieri, la seconda invece per quelli più lunghi. La chiave del concetto di ibrido di One sta nell’Aries, un tipo di accumulatore al litio-ferro-fosfato (Lfp) che in teoria è meno potente delle classiche batterie al litio ma garantisce più stabilità nell’erogazione di energia ed è meno incline a prendere fuoco.

ONE afferma di essere riuscita ad aumentare l’autonomia e a ridurre i costi. Il tutto evitando le insidie delle batterie tradizionali, agli ioni di litio, che comportano una dipendenza da materie prime scarseggianti come il nichel e il cobalto. Un nuovo approccio al mondo della mobilità elettrica che potrebbe essere il punto di svolta per il settore. E a giudicare dai nomi dei maggiori investitori, sembrerebbe esserci più di qualche speranza.

Alla guida di One uno dei cervelli dietro il Project Titan

“I finanziamenti verranno utilizzati per accelerare lo sviluppo del prodotto” ha affermato Mujeeb Ijaz. Un veterano della tecnologia delle batterie che in precedenza ha guidato il team di Ford nello sviluppo del suo primo propulsore ibrido a celle combustibile. Successivamente ha lavorato al Project Titan, il misterioso progetto automobilistico di Apple, per poi lasciare il gigante californiano e fondare One. Oltre a concentrarsi sul prodotto, che dovrebbe entrare in produzione alla fine del 2022, Ijaz prevede aprire una fabbrica dedicata alla produzione di queste batterie proprio in Michigan.