Voi Technology raccoglie $115 milioni per l’espansione in Europa. E guarda alla Borsa

voi technology
courtesy: Voi Technology
Share

Voi Technology ha annunciato di aver concluso con successo un round di investimento da 115 milioni di dollari. Il nuovo capitale permetterà all’operatore di micro-mobilità di continuare a espandersi in nuovi mercati nel corso del prossimo anno. Un traguardo arrivato a coronare il miglior anno di sempre della sua storia. E ora la startup svedese, come riporta il Financial Times, pensa alla quotazione in Borsa per il 2022.

“Abbiamo iniziato i preparativi per poter sbarcare in Borsa. Saremo pronti nel 2022”, ha affermato Fredrik Hjelm, fondatore e amministratore delegato di Voi Technology, al quotidiano britannico.

Il round d’investimento da 115 milioni di dollari

Hanno preso parte al round condotto da Raine Group e VNV Global sia realtà che avevano già investito nella società come Inbox Capital, Nordic Ninja, Stena Sessan e Kreos Capital, sia nuovi investitori come Ilmarinen, Nineyards Equity e ICT Capital. Tra gli altri, hanno partecipato anche imprenditori e operatori di primo piano come King, Avito e BCG. 

“Non c’è dubbio”, ha commentato Hjelm, “che la micro-mobilità sia qui per rimanere. Voi intende essere la piattaforma di mobilità go-to in Europa per le città che vogliono dare ai loro residenti e visitatori un modo integrato e intelligente di viaggiare. Lavorando a stretto contatto con le città stiamo notando l’emergere di una nuova visione del trasporto urbano che sta prendendo forma e che è altamente complementare al trasporto pubblico. Stiamo costruendo il futuro del trasporto ci stiamo impegnando per rendere ogni città Voi un posto migliore dove vivere”.

Numero uno in Europa

I ricavi di Voi Technology sono cresciuti del 140% anno su anno nel 2021. L‘azienda ha operato più di 90 milioni di corse dal suo lancio, aumentando i margini e le entrate. Ha vinto più gare d’appalto locali di qualsiasi altro operatore in Europa, consolidando la sua posizione di partner di micro-mobilità più affidabile in tutto il continente. Voi, così, è diventata la prima azienda di monopattini su larga scala a raggiungere la redditività operativa di tutta l’azienda nel giugno 2020. E ha continuato a migliorare i margini lordi e il numero di corse per monopattino durante il periodo di espansione in nuovi mercati nel 2021. 

Voi Technology e la crescita in Italia

A seguito dell’entrata nel mercato italiano in autunno 2020 con il lancio delle operazioni a Milano e Roma, nel 2021 Voi Technology ha più che duplicato la sua presenza in Italia. Ha aperto il suo servizio a Torino, Reggio Emilia e Modena ed è in attesa di iniziare le operazioni a Palermo. In Italia, nel 2021, sono state effettuate quasi un milione di corse per un totale di oltre 2 milioni di chilometri percorsi, tanto quanto 53 volte la lunghezza dell’equatore. Grazie a queste corse sono stati evitati 131.743 percorsi in auto private, un risparmio di 69 tonnellate di CO2, l’equivalente del consumo di elettricità per un anno in quasi 12,5 case. 

Realizzare una nuova visione dei trasporti urbani per l’Europa

Il nuovo finanziamento fornirà fondi per continuare a espandersi in nuovi mercati europei e aumentare i monopattini della flotta Voi. Voi ha l’ambizione di rimuovere 1 miliardo di viaggi in auto dalle strade d’Europa entro il 2030 e l’espansione in nuovi mercati e soluzioni è parte integrante del raggiungimento di questo obiettivo. Tant’è che in primavera arriverà anche il modello di monopattino più sicuro d’Europa – il Voiager 5 – come parte del suo impegno per raggiungere la Vision Zero – ossia azzerare gli incidenti. 

Dal punto di vista della sostenibilità, entro il 2023, la società svedese utilizzerà solo celle di batterie prodotte in Europa, con una conseguente impronta di carbonio inferiore del 50%. I monopattini sono attualmente prodotti in Europa e l’operatore di micro-mobilità prevede di alimentarli a livello locale non appena sarà possibile. Anche perché Voi è diventata la prima azienda di multi-mobilità a operare a zero emissioni di carbonio già nel 2020. Tutto grazie alle precedenti iniziative pionieristiche di sostenibilità, tra cui l’utilizzo di energia rinnovabile e l’introduzione di batterie intercambiabili prima dei competitor.  

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.