“Mi piace anticipare le tendenze”: Marco Verratti spiega a Forbes perché ha comprato un’isola nel metaverso

marco verratti
Share

Anche il calciatore italiano Marco Verratti investe nel metaverso. E lo fa comprando una delle 25 isole digitali messe in vendita su The Sandbox da Exclusible, marketplace specializzato in Nft di lusso, che permette al fuoriclasse campione d’Europa con l’Italia di ‘abbellire’ la sua isola con eliporti, porti privati e tante altre personalizzazioni di top level.

“Ho deciso di investire nel metaverso perché mi piace anticipare quello che un giorno diventerà di uso comune. Per esempio, qualche anno fa, nessuno avrebbe mai immaginato che il cellulare sarebbe diventato un oggetto indispensabile. Anzi, era un lusso per pochi”, spiega a Forbes.it il numero 6 del Paris Saint Germain, che condivide con il compagno di squadra Neymar Jr. la sua passione per il mondo degli Nft.

Più volte identificato come il futuro dell’uomo e della società odierna, il metaverso per Verratti non è altro che il simbolo dell’evoluzione tecnologica di questi anni, l’Internet 3.0. “Oggi se compro un pantalone su internet lo vedo raffigurato in 2D. Sarebbe molto più efficiente avere delle immagini in 3D di quel capo. Il metaverso è anche questo: una nuova esperienza di acquisto”. Non è un caso, infatti, se anche l’industria della moda sta investendo significativamente nel mondo degli Nft, visto sempre di più come un’opportunità unica di investimento, che, tra qualche anno, potrebbe valere “cifre esponenzialmente più alte”, come rivela lo stesso Marco Verratti nel suo caso.

LEGGI ANCHE: “Ciro Immobile, bomber anche negli investimenti”

Verratti investe nel metaverso: l’importanza dei professionisti

Calcolando che secondo le stime il 98% dei profetti Nft fallirà, per investire nel metaverso diventa fondamentale avere al proprio fianco un esperto. “I professionisti che mi assistono sono per me imprescindibili. Sono tutti tasselli di un puzzle. Penso che 1 + 1 non faccia mai 2 ma un 1 più grande”, evidenzia il campione italiano. Che, infatti, ha al suo fianco Gian Luca Comandini, già under 30 di Forbes nel 2019, co-founder e coo di Acta Fintech, fondatore e amministratore delegato di You & Web, nonché uno dei primi in Italia ad investire nella blockchain e nei social media. Al punto da diventare, tra i suoi tanti ruoli, editore di Cointelegraph, direttore della prima scuola di formazione del settore: The Blockchain Management School, membro della task force governativa di esperti scelta dal Ministero dello Sviluppo Economico per delineare la strategia nazionale in ambito blockchain e dello Steering Committee Blockchain di Assolombarda.

E se proprio le criptovalute sono un asset strategico per Marco Verratti, dato che ormai “sono una realtà ben definita con margini di crescita esponenziali, nonostante la poco regolamentazione”, sono diversi i settori in cui investe il regista italiano, che non nasconde la soddisfazione per alcuni di essi. “Sono orgoglioso di tutto ciò che oggi vale più di quando l’ho comprato. Che siano gli orologi, di cui sono un grande appassionato, azioni, o anche opere d’arte. Mi piace molto diversificare”. Ovviamente, precisa e conclude Verratti “devo ringraziare i consulenti che mi assistono, perché mi permettono di prendere delle scelte che un domani potranno essere favorevoli per i miei figli”.

LEGGI ANCHE: “Da calciatore a viticoltore: Andrea Barzagli racconta i suoi vini siciliani de “Le Casematte”

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti