Easypark è anche business: così imprese e professionisti possono abbattere i costi dei parcheggi

Francesca Andrisani EasyPark
Francesca Andrisani
Share

EasyPark è l’app per la sosta più diffusa in Italia e all’estero. Un’applicazione che prende il nome dall’omonima azienda e che grazie a servizi mobile semplici e intuitivi sta concretamente contribuendo ad accelerare la digitalizzazione del nostro Paese.

L’app EasyPark, disponibile in 550 città in Italia e in 20 paesi in Europa,  serve a gestire e pagare la sosta tramite smartphone, con enormi vantaggi rispetto ai metodi tradizionali di pagamento come il parcometro. L’area di sosta e la relativa tariffa vengono visualizzate automaticamente tramite geolocalizzazione; si può prolungare la durata della sosta direttamente dal cellulare, ovunque ci si trovi, o interromperla anticipatamente al rientro in auto, pagando solo il tempo di sosta effettivamente consumato.

Inizialmente focalizzata sugli utenti privati, dal 2019 la gamma di servizi EasyPark si è arricchita anche in Italia dell’offerta di servizi per i clienti aziendali e i liberi professionisti, con una business unit dedicata, che oggi conta 15 commerciali, un team leader ed è guidata da una giovane e brillante manager: Francesca Andrisani, a capo delle vendite business-to-business (b2b) di EasyPark Italia.

“I pacchetti EasyPark Business sono specificatamente studiati per i possessori di partiva iva, i liberi professionisti e le aziende e consentono di approfittare dei vantaggi derivanti dall’utilizzo del digitale, di disporre di un software gestionale per la mobilità, gestire le soste e ricevere una rendicontazione mensile con riepilogo di tutte transazioni effettuate, imputabili anche a differenti centri di costo”, afferma Francesca Andrisani.

Soluzioni business che nell’ultimo anno hanno registrato, solo in Italia, un incremento dei clienti pari al 50%. Una crescita significativa per un Paese in cui la preparazione in materia di tecnologia si attesta a livelli più bassi rispetto a molti paesi stranieri. Anche per via di un tessuto imprenditoriale composto in gran parte da pmi. “La questione non riguarda, però, solo le piccole e medie imprese”, precisa Andrisani. “Tutte le aziende sono ormai consapevoli che è tempo di cavalcare l’onda tecnologica, ma molte – anche tra le più grandi – non si soffermano a valutare quanto le operazioni di sosta e la gestione della flotta influiscano sulle prestazioni dei dipendenti e sulla loro produttività. Ossia quanto la digitalizzazione possa fornire soluzioni utili per far risparmiare costi, tempo e risorse alle aziende”.

Il tema del risparmio di tempo si traduce in risparmio di costi.

“Un automobilista impiega, in media, tre minuti per raggiungere un parcometro. Se quell’automobilista si sposta per lavoro, ne perde poi altri 12 per compilare una nota spese. Il reparto amministrativo, inoltre, ne spende dieci per la rendicontazione. In tutto, sono 25 minuti che potrebbero essere destinati ad altre attività. Senza dimenticare un ulteriore costo occulto, di cui quasi mai si tiene conto: chi paga al parcometro sovrastima il tempo di sosta per non rischiare la multa e ciò vale sia nel tempo libero sia nell’attività lavorativa. Con la nostra offerta b2b le aziende pagano solo la sosta che consumano e possono dedicare il tempo risparmiato ad attività più remunerative”, continua Andrisani.

A quali tipologie di realtà imprenditoriali o liberi professionisti si rivolgono i servizi EasyPark Business? L’offerta è destinata a tutti coloro che parcheggiano per lavoro o devono gestire flotte aziendali. Considerato che la sosta a pagamento è presente in tutte i centri urbani, si tratta senza dubbio di un servizio che riguarda la maggioranza delle imprese, senza distinzioni di categoria.

Tramite le soluzioni b2b, EasyPark permette non solo di pagare la sosta tramite smartphone, ma anche di pianificare gli spostamenti in anticipo, autorizzando per esempio solo le soste per le vetture autorizzate in parco auto, o all’interno di determinate fasce orarie o in specifici giorni.

E per soddisfare le esigenze di una gamma sempre più vasta di utenti, oggi EasyPark prevede anche servizi pensati per le aziende che dispongono di auto di servizio in condivisione, o per risolvere i problemi delle attività commerciali e ricettive, come alberghi e autonoleggi, che non hanno posti sufficienti per tutte le auto in sosta e grazie a EasyPark possono attivare direttamente la sosta su strisce blu per due o più veicoli contemporaneamente, fornendo un servizio di grande valore ai propri clienti.

“Prima di proporre soluzioni”, conclude la manager, “il team b2b raccoglie informazioni utili per comprendere le esigenze del potenziale cliente. Per noi, la fase di ascolto è imprescindibile al fine di identificare la soluzione più adatta e trasformare il prospect in cliente. Un approccio valoriale che ci ha permesso di essere riconosciuti come consulenti specializzati per le aziende e i professionisti che desiderano attivare servizi digitali di gestione della sosta, senza doversi dotare di alcun tipo di infrastruttura tecnica”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.