“L’industria della bellezza è più inclusiva”: Giuseppina Violante di Coty a Forbes Women

Giuseppina Violante
Share

In questa nuova puntata di Forbes Women abbiamo parlato di beauty in compagnia di Giuseppina Violante, vice presidente per l’area Emea di Coty, una delle aziende leader del settore. Dal 1904, quando François Coty ha fondato l’azienda, Coty ha coltivato un savoir-faire unico. Il suo portafoglio comprende marchi come Bottega Veneta, Burberry, Calvin Klein, Chloé, Davidoff, Gucci, Boss, Kylie Skin, Marc Jacobs, Miu Miu e Tiffany & Co, così come i marchi per la cura della pelle Lancaster e Philosophy.

Prima di approdare in Coty, nel 2018, Giuseppina Violante ha lavorato per ben 18 anni in L’Oréal, dove ha ricoperto diversi ruoli commerciali sia a livello nazionale sia regionale. In Coty, dopo aver ricoperto la carica di direttore marketing, oggi è vice president portfolio & growth leader.

LEGGI ANCHE: “Spirito di condivisione e attitudine all’ascolto”: la leadership secondo Giuseppina Violante di Coty”

Alle telecamere di Forbes Women ha raccontato come sta cambiando il settore della bellezza, e come, complice la pandemia, siano cambiate le abitudini dei consumatori. Con la Gen Z, in particolare, a trainare la fascia più giovane grazie a piattaforme come TikTok e Instagram.

Come ogni altro settore, oggi la responsabilità sociale è un valore essenziale per molte aziende. E  Coty è la prima realtà del settore beauty a utilizzare l’etanolo sostenibile ottenuto dalle emissioni di carbonio recuperate dalla produzione di fragranze. “La sostenibilità non deve rimanere una parola vuota, ma un principio valoriale che ogni azienda deve mantenere con azioni concrete”, ha spiegato la manager. 

Certo, avere a che fare ogni giorno con la bellezza non è semplice. Specie se, oggi, questo concetto, si presta a temi delicati quali l’inclusione sociale: “Oggi la bellezza non può essere raccontata come dieci anni fa. Il consumatore vuole maggiore autenticità. Penso all’ultima campagna per la fragranza di Marc Jacobs “Be Perfect”, il cui claim recitava ‘sei perfetta così come sei’. Ecco, un esempio calzante di come oggi l’industria, e i consumatori, chiedano un ritorno all’individualità”.

Per rivedere l’intervista basta andare sulla piattaforma bfcvideo.com. Invece qui puoi vedere tutte le puntate andate in onda finora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.