Perché Elon Musk ha già “perso” 29 miliardi di dollari dopo l’acquisto di Twitter

Elon Musk licenziamenti Tesla
(foto Win McNamee/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Gli azionisti di Tesla sono preoccupati che il ceo, Elon Musk,  distratto dalla gestione di due società, debba svendere azioni per finanziare il suo nuovo giocattolo.

Le azioni di Tesla crollano e il patrimonio di Musk va giù

Dopo che Elon Musk ha ottenuto l’approvazione del consiglio di amministrazione di Twitter per acquistare la piattaforma social per 44 miliardi di dollari, gli azionisti di Tesla si stanno preparando al peggio. Martedì, le azioni del produttore di veicoli elettrici sono diminuite di quasi il 12%, cancellando, in meno di un giorno, quasi 130 miliardi di dollari dalla capitalizzazione di mercato di Tesla e 29 miliardi di dollari dalla fortuna di Musk.

Secondo il contatore in tempo reale di Forbes, Musk è ancora di gran lunga la persona più ricca del mondo, attualmente con un patrimonio stimato di 239,2 miliardi di dollari, circa 74 miliardi di dollari in più rispetto al numero 2, Jeff Bezos. Alla fine delle contrattazioni di lunedì Musk possedeva 268 miliardi di dollari, il che significa che ha perso in meno di 24 ore l’equivalente di 9 volte il patrimonio di Donald Trump.

Il motivo è semplice: la maggior parte della fortuna di Musk risiede nella sua quota di partecipazione del 21% in Tesla e gli azionisti non sembrano apprezzare molto l’ultima mossa del ceo.

La gestione di tre grandi società

Quando Musk ha parlato per la prima volta un’acquisizione ostile di Twitter il 14 aprile, gli analisti hanno raccontato dei timori degli investitori. Musk infatti, secondo gli analisti, che è già impegnato nel ruolo di ceo di Tesla e della società missilistica SpaceX, per acquistare Twitter potrebbe dover impegnare azioni di Tesla come garanzia per i prestiti. Sarebbe questo il motivo del calo del 3% del produttore di veicoli elettrici sul Nasdaq quel giorno.

Alcuni di questi timori si sono concretizzati. Come parte del pacchetto di finanziamento da 46,5 miliardi di dollari che Musk ha rivelato lunedì, impegnerà 62,5 miliardi di dollari delle sue azioni Tesla per garantire un prestito di margine di 12,5 miliardi di dollari. Prima di perseguire Twitter, Musk aveva già impegnato più della metà della sua quota del 21% in Tesla come garanzia per altri prestiti.

Ma un’altra componente dell’accordo sta probabilmente contribuendo ai fatti di giovedì. Secondo l’analista di Wedbush Dan Ives, “le preoccupazioni per la vendita di azioni Tesla da parte di Musk per pagare l’accordo con Twitter e i timori di distrazione per Elon stanno causando una sorta di accerchiamento”.

Le azioni Tesla come garanzia?

Forbes stima che Musk abbia circa 2 miliardi di dollari in circolante, dopo aver venduto più di 16 miliardi di dollari di azioni Tesla alla fine dell’anno scorso, aver pagato le tasse su quelle vendite, donato 6 miliardi di dollari a un ente di beneficenza e pagato 2,6 miliardi di dollari per acquisire la sua partecipazione iniziale su Twitter all’inizio del 2022. Potrebbe prendere in prestito di più dalle sue azioni Tesla non impegnate, anche se le banche potrebbero essere riluttanti a legare così tanto delle garanzie di Musk a una società volatile.

Si è anche parlato del fatto che avrebbe invitato partner azionari a condividere parte dell’onere di 21 miliardi, anche se nessuno si è ufficialmente fatto avanti. E anche se trova altri che lo assecondano, è probabile che l’obbligo residuo di Musk superi i suoi 2 miliardi di dollari stimati in circolante. Quindi la domanda che ha spaventato gli investitori sembra  essere: quando Musk inizierà a svendere le azioni Tesla per raccogliere i soldi per acquistare Twitter? E con quante azioni inonderà il mercato?

Per aggiungere la beffa, martedì le azioni di Twitter sono scese di quasi il 4%, dopo essere balzate di oltre il 5% grazie alle notizie di acquisizione lunedì.

Musk non ha commentato pubblicamente né riguardo le preoccupazioni sulla possibile distrazione nella gestione di tre grandi società, né riguardo la notizia della possibile vendita di azioni Tesla per realizzare il suo accordo con Twitter.  Ma, in un tweet di martedì, sembrava attribuire la colpa del calo dei prezzi delle azioni ad altri aspetti: “L’estrema reazione anticorpale di coloro che temono la libertà di parola dice tutto”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.